L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Haters Back Off: la serie Netflix per chi ama odiare gli youtuber

Haters Back Off: la serie Netflix per chi ama odiare gli youtuber

Di Andrea Suatoni

LEGGI ANCHE: IL CALENDARIO DI TUTTE LE NUOVE SERIE IN ARRIVO! 

Haters Back Off, disponibile da oggi 14 Ottobre su Netflix, si fonda su una verità ormai assoluta. Gli youtuber infatti sono parte integrante della nostra realtà quotidiana, tanto che anche in Italia si è diffusa quella che è divenuta a tutti gli effetti una sorta di professione che permette ad alcuni di guadagnare discrete somme e a molti, pur detentori di alcun talento in particolare, di diventare vere e proprie star. Su suolo italiano ricordiamo la pioniera del genere: Gemma del Sud, una ragazza dalla storia controversa (e a tratti inquietante) che con i suoi assurdi video di tutorial, canto, ballo e non solo guadagnò a suo tempo una fetta di pubblico non indifferente. Poco contava che la maggior parte di questo pubblico fosse composta da cosidetti haters, persone cioè che non facevano altro che criticare (aspramente) performance e opinioni di Gemma: le visualizzazioni su youtube continuavano ad aumentare, ed il fenomeno pian piano vide la nascita di numerosissime ed A-talentuose star del web (da Laura Scimone a Raffaella Parvolo a Giuseppe Simone e così via) che hanno goduto (e in parte ancora godono) del breve momento di celebrità spesso non del tutto consce della propria ridicolezza.

Certo: alcuni tramite la professione di youtuber hanno raggiunto una più o meno meritata notorietà; è l’esempio di Frank Matano, di Willwosh, dei The Jackal, dei Pantellas e (pochi) altri. La stragrande maggioranza degli youtuber però, facendosi forte proprio del successo di quei pochi, rimane “nascosta” dietro la coltre di pubblico ludibrio e di inutile speranza, offrendosi in pasto agli haters con dei video magari divertenti e virali loro malgrado ma verso la strada di un sicuro fallimento. E’ da queste premesse che una normalissima ragazza, Colleen Ballinger, ha creato nel 2008 il personaggio satirico di Miranda Sings. Riscuotendo un successo senza precedenti.

Haters Back Off

MIRANDA SINGS

Miranda è una ragazza per nulla attraente, arrogante, incredibilmente sicura di sé e convinta di “Essere famosa senza che nessuno lo sappia ancora”, youtuber di professione ed antipatica (a tratti cattiva) per definizione. Egoista, eccentrica e narcisista, Miranda pubblica i suoi video in cui si esibisce, racconta la sua vita quotidiana ed interpreta i fatti di cronaca secondo il suo personalissimo punto di vista, spesso lontano dalla realtà e dalle “leggi base” del buonsenso: l’esatta controparte d’oltreoceano dell’italianissima youtuber Martina Dell’Ombra, che dietro i suoi continui commenti e punti di vista estremamente superficiali ed antipopolari nasconde una satira pungente tesa a sottolineare paradossi che non sempre vengono colti dai famigerati (ancora loro) haters.

7 milioni di iscritti al canale e miliardi di visualizzazioni per i suoi video ormai a cadenza giornaliera, e una fanbase che ormai si è estesa a macchia d’olio su tutto il globo (senza dimenticare che youtube paga 7 euro per ogni mille visualizzazioni di un video in cui è inserita pubblicità).

download_opt

HATERS BACK OFF

Il successo di Miranda Sings è stato tale che Netflix ha deciso di creare una serie sul personaggio: la stessa Colleen Bellinger ci mostra in Haters Back Off la storia romanzata di una ragazza estremamente eccentrica e della sua famiglia alla ricerca disperata di una notorietà via web che, viste le innate qualità che è convinta di avere, è sicura non tarderà sicuramente ad arrivare.

L’esperimento di Netflix (e ne siamo certi, solo su Netflix poteva trovare posto un programma così coraggioso) ci sembra molto ben riuscito: i personaggi protagonisti sono molto, a volte troppo, sopra le righe, ma il messaggio satirico pur rimanendo molto più che accennato sullo sfondo di una Bellinger che riempie totalmente lo schermo con le sue espressioni e soprattutto con le sue esibizioni, arriva ben chiaro e definito. Una critica diretta ai meccanismi della società contemporanea, in particolare all’ossessione del successo ad ogni costo ed alla definizione di successo stesso ottenuto senza alcun sacrificio o senza alcuna velleità artistica; satira su molteplici livelli, alcuni dei quali abbastanza oscuri, ne siamo sicuri, da non poter essere compresi da parte del pubblico.

Con Miranda al centro, facciamo la conoscenza di tutti gli altri stravaganti personaggi di Haters Back Off: lo zio Jim, convinto manager della futura star, la madre Bethany, dimessa, ipocondriaca e alla disperata ricerca di un compagno, lo spasimante Patrick, sulla strada giusta per diventare uno stalker ed infine la sorella Emily, unico ed alienato personaggio normale all’interno di una famiglia di pazzi. Personaggi per molti versi irreali che si muovono in contesti del tutto realistici, uniche note stonate (almeno, nei momenti in cui Miranda non esibisce le sue doti canore) di un affresco teso ad esaltarli e che non mira affatto ad empatizzare con essi: lo spettatore diviene egli stesso un hater, una sorta di anti-fan dello show che non potrà fare a meno di continuare a seguire le disavventure dell’odiosa protagonista. Su Netflix, a partire da oggi 14 ottobre tutti gli otto episodi.

Haters-Back-Off-Netflix-Show-Exclusive-Trailer_opt

LEGGI ANCHE: LE NOVITA’ DI OTTOBRE SU NETFLIX

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Inoltre, non perdete la nuova sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office: Detective Conan incassa ¥5.9 miliardi, Evangelion supera Shin Godzilla, Demon Slayer supera i ¥39.9 miliardi 11 Maggio 2021 - 21:38

Confermato Demon Slayer al primo posto al box office mondiale dei film del 2020, Evangelion supera Shin Godzilla durante la Golden Week e diventa il film di maggior incasso di Hideaki Anno. In Giappone estese le restrizioni a causa della pandemia. I due film di Kenshin in arrivo su Netflix

David di Donatello 2021: trionfa Volevo Nascondermi, tutti i vincitori 11 Maggio 2021 - 21:30

È terminata la 66esima edizione dei David di Donatello, il più prestigioso premio cinematografico italiano. Ecco tutti i vincitori.

Kiefer Sutherland in una nuova serie di spionaggio su Paramount+ 11 Maggio 2021 - 21:00

La star di 24 e Designated Survivor tornerà in azione in una serie ideata da John Requa e Glenn Ficarra, produttori esecutivi di This Is Us

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.