L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Cicogne in Missione – Una colonna sonora da Oscar, ce ne parlano i fratelli Danna

Cicogne in Missione – Una colonna sonora da Oscar, ce ne parlano i fratelli Danna

Di Leotruman

CICOGNE IN MISSIONE PRESENTATO A ROMA

Cicogne in missione, il film realizzato da Warner Animation in uscita il 20 ottobre nelle nostre sale, ha fatto nel suo il suo debutto in anteprima italiana alla Festa del Cinema 2016.

Alessia Marcuzzi, Federico Russo e Vincenzo Salemme sono i doppiatori italiani del film, che è diretto da Doug Sweetland, candidato all’Oscar per il corto Presto e co-regista insieme a Nicholas Stoller (Yes Man, I Muppet).

In un film d’animazione c’è però un altro elemento molto importante, a dir poco essenziale per la sua resa emotiva: la colonna sonora, capace di tenerci inchiodati alla poltrona, o di farci mettere mano al fazzoletto per asciugare le nostre lacrime nei momenti più commoventi.

Al premio Oscar Mychael Danna, vincitore del prestigioso riconoscimento grazie alla soundtrack di Vita di Pi quattro anni fa, è stato chiesto di collaborare insieme al fratello Jeff Danna (come già capitato molte altre volte nella loro carriera), per la stesura della soundtrack originale di Cicogne in Missione.

Li abbiamo intervistati telefonicamente e ci hanno raccontato molti dettagli interessanti sul film e sul loro lavoro!

La colonna sonora in un film è molto importante, ma in un film d’animazione forse lo è ancora di più. Che ne pensate?

Jeff: Hai ragione quando dici che la colonna sonora nei film d’animazione ha un ruolo più importante che nei live action, perché in quel caso si ha bisogno di un po’ più di umanità per rendere i personaggi più simili a noi e per fare i modo che ci si possa identificare, per poter costruire quel rapporto tra il pubblico ed i personaggi sullo schermo. È divertente per chi compone, perché significa essere in grado di comunicare un po’ di più rispetto alle musiche di un live action moderno. Per noi e per Cicogne in Missione era molto importante sviluppare quel legame emotivo, e lavorare su dei temi che si concentrassero sui personaggi e che riuscissero a parlare per loro. Questo film ha un arco molto ricco e complicato, inizia in modo divertente in un certo senso demenziale, con tanto umorismo, ma finisce con lo sfociare in ambito emotivo, con un finale che deve trasmettere alla gente qualcosa di profondo. Quindi per noi è stato essenziale avere a che fare con delle scene che potessero essere incluse in quel contesto, con l’umanità e quel senso di empatia adatti a consolidare i personaggi per far sì che il pubblico si senta poi parte del viaggio e che possa percepire quelle emozioni.

Cicogne in missione 02

Cosa cambia lavorando ad un film d’animazione rispetto ad un film live action?

Mychael: In un film d’animazione c’è molta più libertà. Nell’animazione hai la possibilità di creare un mondo dal nulla, un mondo inventato che di solito è davvero surreale, fantasioso e stravagante, e di conseguenza per la musica puoi fare altrettanto. Questo rappresenta una grande libertà per noi, poter lavorare al di fuori degli schemi è molto liberatorio. Nei live action sei vincolato dal periodo in cui il film è ambientato, dalla geografia, e da tutte le aspettative create dal genere di film su cui stai lavorando, mentre nell’animazione tanti di questi limiti vengono rimossi, permettendoci un approccio avventuroso ed armonico, e permettendoci anche di essere sicuri sul tipo di suono da poter usare. È uno spasso e ci divertiamo sempre quando lavoriamo su un film d’animazione.

Il film è davvero divertente. Che indicazioni vi hanno dato i due registi?

Jeff: Hai ragione, c’è molto umorismo nel film. Penso sia geniale avere due registi che differiscono nel loro ambito di competenze, la specialità di Nick [Nicholas Stoller] è la commedia, mentre la specialità di Doug [Sweetland] è l’animazione. È per questo che Cicogne in Missione è molto più divertente rispetto ad altri film del genere, perché dietro alla sceneggiatura c’è un vero e proprio esperto della commedia. Questo rende la collaborazione molto più piacevole. Il nostro obiettivo era quello di creare un mondo ricco usando strumenti insoliti, quindi abbiamo sì un’orchestra ma abbiamo anche bizzarri strumenti a percussione che ci aiutano a far diventare questo universo un mondo un po’ strano. Allo stesso tempo volevamo fare riferimento agli elementi decorativi in stile Art Deco presenti nella montagna delle cicogne, e anche soffermarci su un motivo jazz ispirato all’era delle macchine, e mischiare il tutto con un suono latino. In questo senso è una colonna sonora molto ricca, nell’animazione hai la libertà di poterlo fare, ed in questo film in particolare ci sono vari tipi di elementi con cui poter giocare musicalmente.

mycahel jeff danna

Come collaborate alla stesura di una colonna sonora? Come vi dividete il lavoro?

Mychael: Abbiamo cominciato a comporre musiche per film fin da giovani, quindi collaborare per noi è una cosa molto naturale. Come abbiamo detto più volte, non ci pensiamo mai finché qualcuno non ce lo chiede. Quando cominciamo un nuovo progetto cerchiamo di individuare quali siano gli elementi centrali dei temi della colonna sonora, due o tre motivi principali che devono essere inclusi nel film. Successivamente ce li dividiamo, ci lavoriamo per un po’ di giorni e poi ci incontriamo di nuovo per vederne i risultati. Questo è il primo passaggio, cercare di identificare le scene in cui un determinato motivo diventa chiave, e partire da questo per poi sviluppare il lavoro.

Quanto tempo ci vuole per creare una colonna sonora come quella di Cicogne in Missione? 

Jeff: È una bella domanda. Per l’animazione può essere diverso, perché in pratica si comincia quasi come se fosse uno sceneggiato radiofonico, le registrazioni degli attori vengono montate insieme prima ancora che si passi all’animazione. Succede spesso che durante la produzione, anche per un anno, non si conosca la struttura del film, o la lunghezza delle scene. La prima volta che vedi il film, un anno o un anno e mezzo prima dell’uscita, può essere semplicemente attraverso degli schizzi in fermo immagine, fatti con la matita ed in bianco e nero, alcuni possono essere leggermente colorati ma non c’è molto movimento. Con lo svilupparsi dell’animazione le scene assumono sempre più movimento, luce e caratterizzazione, e spesso il compositore non vede mai il prodotto nella sua ultimissima versione, perché registriamo circa un mese prima della stesura finale. Abbiamo lavorato per quasi un anno per Il Viaggio di Arlo, in quel caso abbiamo cominciato ancora prima che registrassimo, per questo invece abbiamo lavorato per quattro mesi, quindi sì, è un lavoro diverso dal live action, in cui spesso girano una scena e poi cambiano il montaggio. In quel caso la struttura del film finisce per cambiare drasticamente durante la produzione, il che rende difficile il lavoro di un musicista. L’animazione in un certo è molto più benevola nei nostri confronti.

Cicogne in missione 01

Che ne pensate della canzone Holdin’ Out, scritta e interpretata dai Lumineers e presenti sui titoli di coda?

Mychael: Penso che la canzone sia un bella conclusione per il film, credo che fosse nei loro piani ancora prima che fossimo chiamati a collaborare al progetto. Penso che aiuti a sviluppare il finale, ed è uno dei motivi per cui penso ci stia bene, entrambe le canzoni alla fine sono delle scelte ottime, davvero ben integrate nel film. Piacciono ed entrambi.

Siete stati al lavoro anche su Billy Lynn: Un Giorno da Eroe, il nuovo film di Ang Lee che ha permesso a Mychael di vincere un Oscar con Vita di Pi. Che ci potete raccontare?

Jeff: Billy Lynn è un film molto entusiasmante, soprattutto per la tecnologia con cui è stato girato, che è uno degli aspetti più interessanti. Ang [Lee] ha lavorato sodo su questo sin da Vita di Pi, su un nuovo modo di fare film che presenta un elevato numero di fotogrammi, ed una definizione molto alta. Nello specifico 4K, 3D, 120 frame al secondo. Ci sono pochi cinema al mondo che riescono a proiettarlo nel modo in cui è stato girato, credo solo una dozzina, ma è un’esperienza incredibile. Non è come guardare un film, è molto più reale della vita vera, è più coinvolgente della vita reale in un certo senso. Quasi come una realtà virtuale da poter apprezzare in gruppo, perché ovviamente nella realtà virtuale hai la testa dentro una visiera, non condividi l’esperienza con nessuno, mentre in questo caso si tratta di un atto collettivo, andare al cinema ma godere degli effetti della realtà virtuale allo stesso tempo. È davvero qualcosa di straordinario, Ang ha lavorato sodo per farlo diventare realtà, il suo pensiero è che ci sia la necessità di un nuovo linguaggio cinematografico. Così come per i primi film, quando bastava una cinepresa fissata nel proscenio che riprendesse il palco di un teatro, in cui ci sono voluti anni per individuare un linguaggio che permettesse di tagliare tra le scene e di fare primi piani, questo nuovo metodo di fare film richiederà un nuovo approccio, ed è molto emozionato all’idea di poterlo mostrare, e di mostrare il potenziale di questa nuova forma d’arte.

storks

La stagione dei premi è alle porte. Quali colonne sonore sono meritevoli della nomination agli Oscar secondo voi?

Mychael: In realtà non abbiamo visto la maggior parte dei film, perché siamo stati piuttosto impegnati per tutto l’anno. Non riusciremo a vederne fino a dicembre. Credo di aver visto due o tre film, dovresti chiedercelo il primo gennaio. Comunque sia, penso che i giornalisti siano più in grado di giudicare queste cose. È sempre un periodo dell’anno interessante, vedere come andrà a finire, ma onestamente non pensiamo mai ai premi, se ci pensi non riuscirai mai a dare del tuo meglio. I migliori risultati si ottengono quando si pensa solo al film e a cosa funziona per te, io e Jeff siamo felici con quello che creiamo ed è il nostro obiettivo principale, che il nostro lavoro rispetti i nostri standard. Dopo tutto questo, chissà.

CICOGNE IN MISSIONE – IL RACCONTO DELL’EVENTO DI LOS ANGELES

Le cicogne portano i bambini… o almeno erano solite farlo. In CICOGNE IN MISSIONE si occupano di consegne per un grande sito Internet. Junior (Federico Russo), la cicogna migliore dell’azienda, sta per essere promossa quando per sbaglio attiva la Macchina che Produce Neonati e dà vita a una bambina adorabile, ma non autorizzata. Junior e l’amica Tulip (Alessia Marcuzzi), l’unico essere umano di Monte Cicogna, dovranno quindi cercare di consegnare la piccola alla famiglia Gardner prima che il capo scopra cosa è successo, in una corsa contro il tempo che permetterà loro non solo di scoprire il valore della famiglia, ma anche di ricordare al mondo la vera missione delle cicogne. A intralciare i loro piani sarà l’ambizioso piccione Toady (Vincenzo Salemme).

Il film, che farà il suo ingresso nelle nostre sale il 20 ottobre 2016, è diretto da Nicholas Stoller (Yes Man, I Muppet) e Doug Sweetland (già al lavoro per l’animazione di Toy Story e Alla ricerca di Nemo). QUI trovate la pagina facebook italiana del film. Per maggiori informazioni potete consultare la scheda del film sul sito Warner Bros. #‎CicogneInMissione

Fonte: ScreenWeek

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Attack on Titan – La stagione 4 su Prime Video e VVVVID dall’8 dicembre, in simuldub dal 19 27 Novembre 2020 - 0:07

Attack on Titan The Final Season dall'8 dicembre in simulcast e dal 19 in simuldub (doppiata in italiano) su Prime Video e VVVVID. I produttori spiegano perché hanno cambiato lo studio, le foto delle statue erette nella città natale dell'autore del manga Hajime Isayama. Prime immagini del MAPPA Showcase exhibition. Goblin Slayer, Made in Abyss, Sword Art Online: Alicization - War of Underworld doppiate in italiano da gennaio su Prime Video e VVVVID.

Warner Bros. porterà Wonder Woman, The Suicide Squad e Tom & Jerry al CCXP 26 Novembre 2020 - 21:30

Anche la Comic Con Experience di San Paolo (Brasile) quest’anno si terrà in maniera virtuale a causa della pandemia di Covid-19. Warner Bros. porterà Wonder Woman 1984, The Suicide Squad e Tom & Jerry.

Virgin River torna su Netflix con la Stagione 2 26 Novembre 2020 - 20:45

Virgin River, la serie televisiva statunitense creata da Sue Tenney e ispirata all’omonima serie di romanzi rosa della scrittrice Robyn Carr, torna su Netflix con la seconda stagione.

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?