L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Van Helsing: recensione del Pilot della nuova serie horror

Van Helsing: recensione del Pilot della nuova serie horror

Di Andrea Suatoni

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DEL PILOT DELLA SERIE THE EXORCIST

Prendete un po’ di Buffy – The Vampire Slayer, conditelo con una parte di The Walking Dead, una di The Strain e un poco di Survivors (ok, questa forse la conosco solo io) e quello che otterrete sarà uno show di Syfy che porta il nome del più famoso cacciatore di vampiri della storia.

Al centro della scena avremo quindi Van Helsing, magari in una storyline legata al film con Hugh Jackman e Kate Beckinsale del 2004? Nulla di tutto ciò: La protagonista è Vanessa (interpretata dalla Kelly Overton già a suo agio nel suo ruolo ricorrente fra i vampiri i True Blood e reduce dalla chiusura di Legends), una ragazza dotata di strani poteri intrappolata in un mondo post-apocalittico dove i vampiri hanno invaso le strade e decimato la popolazione. “Van” è proprio il diminutivo di Vanessa, ed è probabile che la parentela con Helsing non sia un dato reale ma semplicemente un vezzo stilistico inserito nel titolo ad indicare il tema vampirico (meglio, di caccia al vampiro) della serie.

RITORNO ALLE ORIGINI

Van Helsing abbandona l’idea dei vampiri integrati, belli, scintillanti e sostanzialmente dotati di emozioni umane a cui le ultime produzioni sull’argomento (pochissime eccezioni a parte) ci hanno abituati: il concept dello show gira attorno a dei mostri succhiasangue senza una completa coscienza di sé, quasi degli zombie molto veloci e dotati del dono (ma poi, neanche tanto) della parola. I veri protagonisti sono quindi come in The Walking Dead i sopravvissuti, costretti ad adattarsi ad un nuovo mondo dove le regole sono totalmente cambiate: nel Pilot non assistiamo al cambiamento, poiché la serie ha inizio in un futuro dove l’apocalisse vampirica è già avvenuta (complice l’eruzione di un enorme vulcano che ha oscurato il sole e probabilmente liberato il virus vampirico, perché di virus si tratta, nell’atmosfera).

Non siamo certi di cosa parlerà davvero la serie, visti la grande quantità di spunti narrativi inseriti nell’episodio: dalle domande principali, relative alle origini dei poteri di Vanessa e alle modalità di diffusione dell’epidemia, ci spostiamo a chiederci se la serie sarà costruita sulla ricerca di Vanessa della sua figlioletta scomparsa e sulla misteriosa missione dei militari che hanno sorvegliato il suo corpo in bilico fra la vita e la morte per ben 3 anni. I vari drammi personali (e i relativi background) del gruppo sono lasciati per ora in secondo piano, mentre si è cercato di delineare sommariamente le caratterizzazioni dei protagonisti, che quindi sfociano spesso nello stereotipo ma non per questo appaiono poco credibili.

1-60hjpp-jeK-b0VPj11u2bg_opt

STILE SYFY

Da un canale come Syfy, dedito spesso alla realizzazione di serie che sfociano nell’eccessivo, nell’estremo o nel parossismo (gettando un occhio anche ad una vena trash sapientemente calcolata, come nella realizzazione della dissacrante Z-Nation), non ci aspettavamo moltissimo in termini di qualità, scrittura e resa tecnica, pur potendo il canale vantare rilevanti eccezioni gestite con una cura molto più elevata rispetto alle altre produzioni. Van Helsing rientra appunto in uno di questi casi particolari: lo splatter rimane uno degli aspetti più cari alla rete ed è ampiamente presente ma sorprendentemente ben dosato, sfociando solo in rarissimi casi (ma senza farsene quasi accorgere) nell’esagerazione, ma è sulla storia e sui suoi protagonisti che ci si concentra, lasciando i combattimenti e le scene d’azione in secondo piano. La regia indugia quindi, anche quando deve mostrare massicce dosi di sangue, sui volti, sulle espressioni e sull’umanità estraniata da un contesto propriamente umano; la fotografia realizza un buonissimo lavoro sia negli esterni, creando un mondo dai toni pastellati dove il sole è un lontano ricordo al di là delle nubi sollevate dai vulcani, sia negli interni, claustrofobici e sfittici quanto basta.

Rimane da valutare la prova degli attori, che non ci sembra affatto da sottovalutare: la protagonista è poco convincente nel Pilot, ma addentrandoci anche solo per un poco nel secondo episodio, interamente incentrato sulla ex “Bella Addormentata“, scopriremo che Kelly Overton riesce benissimo ad entrare nel suo personaggio, contornata da una serie di comprimari senza infamia e senza lode (eccezion fatta per un personaggio che scopriremo davvero solamente nel secondo episodio, destinato a diventare ben presto fan favorite).

ATTENZIONE: DA QUI IN POI SEGUONO GROSSI SPOILER SULLA TRAMA DI VAN HELSING

vanhelsing_opt

VAN HELSING 1×01

Vanessa (Kelly Overton) “dorme” da ormai 3 anni: non è morta ma non è neanche viva, mentre attorno a lei il mondo è cambiato enormemente. Nel 2019 infatti gran parte dell’umanità è stata trasformata in degli esseri simili a vampiri da uno strano virus che si trasmette (come da tradizione) tramite il morso di un infetto. A difendere il suo corpo, il militare Axel (Johnathan Scarfe) in compagna di “Doc”, chiusa in cella perché vampirizzata. L’arrivo di alcuni fuggiaschi costringe Axel ad ammetterli nell’edificio dove sta compiendo la propria missione; ma Ted, in combutta con dei nemici non meglio precisati, permette a dei vampiri di entrare compromettendo la struttura. uno di questi arriverà a mordere Vanessa (accusando dei forti dolori subito dopo), che inaspettatamente si sveglierà e farà piazza pulita dei suoi aggressori.

Alla donna, spaesata in un mondo che non riconosce e apparentemente all’oscuro dell’origine dei suoi poteri (riesce infatti a rigenerarsi e non subisce gli effetti dei morsi vampirici) interessa solamente una cosa: riunirsi a Dylan, sua figlia. Mentre nell’ospedale che i protagonisti usano come base le tensioni aumentano ed il tradimento di Ted diviene palese, il vampiro che aveva morso Vanessa si presenta al cospetto del gruppo: grazie al sangue di Vanessa.

VH01Promo_02_opt

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DEL PILOT DI THIS IS US, LA NUOVA SERIE CON MILO VENTIMIGLIA

LEGGI ANCHE: IL CALENDARIO DI TUTTI I RITORNI DELLE SERIE TV

LEGGI ANCHE: IL CALENDARIO DI TUTTE LE NUOVISSIME SERIE TV IN USCITA

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Inoltre, non perdete la nuova sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Joker 2: Martin Scorsese sarà uno dei produttori del film, attualmente in sviluppo? 18 Settembre 2021 - 17:12

Nell'ultimo numero di Production Weekly scopriamo che Martin Scorsese sarà uno dei produttori di Joker 2, attualmente in sviluppo.

Batman Day – Il futuro dell’Uomo Pipistrello fra cinema e TV 18 Settembre 2021 - 17:00

In occasione del Batman Day, ecco riunite tutte le produzioni attualmente in corso che vedono partecipe l'Uomo Pipistrello!

Cry Macho – Cowboy, galli e cavalli nella nuova featurette 18 Settembre 2021 - 16:00

La nuova featurette di Cry Macho, film diretto e interpretato da Clint Eastwood, è dedicata agli animali che hanno lavorato sul set.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".