L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Spira Mirabilis – La recensione del film di D’Anolfi e Parenti a #Venezia73

Spira Mirabilis – La recensione del film di D’Anolfi e Parenti a #Venezia73

Di Lorenzo Pedrazzi

La spirale logaritmica è una spirale il cui raggio cresce ruotando, mentre disegna una curva che si avvolge intorno al centro senza mai raggiungerlo, all’infinito. Si tratta di una forma piuttosto comune in natura (pensate alle galassie a spirale, o al guscio di alcuni molluschi), e il matematico svizzero Jakob Bernoulli la definì Spira Mirabilis, ovvero “spirale meravigliosa”, titolo quantomai appropriato per un film che esplora l’enigma dell’immortalità. Un mistero irraggiungibile e inconoscibile, proprio come il centro della spirale: di conseguenza, Massimo D’Anolfi e Martina Parenti adottano un’impostazione (anti)narrativa che, mentre insegue questa chimera sfuggente, riafferma con limpida consapevolezza di non poterla mai catturare.

Spira_Mirabilis_01

I due cineasti non concepiscono il documentario come un genere didascalico e pedagogico, bensì come un’opportunità d’indagine dove la responsabilità di trarre un “senso” (o forse un’interpretazione) dalle immagini è tutta sulle spalle degli spettatori. Va da sé che Spira Mirabilis richiede pazienza e dedizione per essere fruito, ma le ripaga con gli interessi. Separate da alcuni intermezzi dove Marina Vlady legge L’Immortale di Jorge Luis Borges, le immagini del film ci portano a diverse latitudini del globo: osserviamo gli studi sulle meduse dello scienziato giapponese Shin Kubota, visitiamo la Veneranda Fabbrica del Duomo (già oggetto di un documentario di D’Anolfi e Parenti) e la sua produzione di statue, seguiamo il lavoro di due artigiani che “forgiano” uno strumento musicale, e riviviamo la lotta per l’indipendenza di una tribù Lakota. Ne risultano quattro ritratti di stampo diverso, ma destinati a convergere in un epilogo dove il loro rapporto con l’immortalità si palesa nella delicatezza di uno slancio poetico: per quanto illusoria (almeno nelle sue applicazioni pratiche), l’utopia immortale pulsa in ognuno di essi, proiettando le loro storie verso l’infinito.

spira-mirabilis-medusa

Spira Mirabilis è un lungo esercizio di contemplazione, dove l’assorbimento graduale del contenuto visivo è indispensabile all’esegesi dell’opera. I due documentaristi nutrono un grande rispetto per ciò che osservano, e non potrebbero mai rappresentare tali soggetti in una chiave incerta o sbrigativa. Sconfinano nell’eccesso, esigono una soglia dell’attenzione molto alta, ma bisogna riconoscergli il coraggio di affrontare una materia complessa e prismatica che si allontana dai loro film precedenti (come Materia oscura), più lineari e maggiormente focalizzati sul tema di fondo.

spira-mirabilis-hang

Stavolta c’è invece un’ambizione metafisica che traspare – paradossalmente – da situazioni molto concrete, anche in termini materici: il marmo del Duomo di Milano, la terra e il fuoco dei Nativi Americani, l’acqua e il vetro dello scienziato giapponese, il metallo dell’hang (lo strumento creato dai due artigiani). È su questo pianeta che D’Anolfi e Parenti individuano tracce di meraviglia, ed è tra i loro (nostri) simili che colgono l’impulso a esplorare l’impossibile. Che sia per cullare una nuova vita, preservare le tradizioni, far evolvere la specie umana o proiettarsi verso il cielo, questa utopia non ci acceca né ci paralizza, bensì alimenta i nostri sforzi: il centro della spirale infinita è ancora lontano, ma sicuramente non smetteremo di cercarlo.

spira-mirabilis

Spira Mirabilis è stato presentato in Concorso alla 73ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. L’uscita italiana è fissata per il 22 settembre, distribuito da I Wonder Pictures.

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI BRIMSTONE

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI ANIMALI NOTTURNI

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI ARRIVAL

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI LA LA LAND

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI HACKSAW RIDGE

Seguite il Festival di #Venezia73 in diretta sui Social di ScreenWeek: FACEBOOK, TWITTER e INSTAGRAM!

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love in the Villa: Tom Hopper e Kat Graham nel film Netflix ambientato a Verona 20 Settembre 2021 - 21:30

Scritto e diretto da Mark Steven Johnson, il film romantico sarà girato a Verona a partire da questo mese

His Dark Materials: Sian Clifford e Jonathan Aris nel cast della stagione 3’ 20 Settembre 2021 - 21:15

Saranno due spie dei Gallivespiani, una popolazione di minuscoli umanoidi che popolano una delle Terre del mondo di Philip Pullman

Per James DeMonaco i fan degli horror (e dalla Marvel) mantengono vivo il cinema 20 Settembre 2021 - 20:30

Secondo il creatore de La notte del giudizio James DeMonaco, i fan del genere horror, con la loro passione stanno mantenendo in vita il cinema.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".