L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
I Magnifici 7 – La recensione del film con Denzel Washington e Chris Pratt, Fuori Concorso a #Venezia73

I Magnifici 7 – La recensione del film con Denzel Washington e Chris Pratt, Fuori Concorso a #Venezia73

Di Lorenzo Pedrazzi

«I contadini hanno vinto, noi abbiamo perso. Perderemo sempre.» Sono le parole disilluse di Yul Brynner a chiudere l’epopea de I Magnifici 7, film del 1960 che occupa un posto singolare nella storia del cinema americano: a metà strada tra i western classici e la successiva rilettura crepuscolare, racconta il tramonto del Mito e l’alba di un mondo nuovo, dove gli avventurieri e i pistoleri lasciano il posto a una società più civilizzata. Il remake firmato da Antoine Fuqua è invece figlio dell’attuale momento storico, sia in termini cinematografici sia dal punto di vista storico-sociale, e le conseguenze risultano evidenti sin dal prologo, per poi riverberarsi lungo tutto l’arco del film.

I_Magnifici_7_Chris_Pratt_foto_dal_film_1

Bartholomew Bogue, l’infernale villain interpretato da Peter Sarsgaard, semina tempesta fra i cittadini di Rose Creek con la certezza di aver ricevuto un’investitura divina, in una nazione dove «La democrazia equivale al capitalismo, e il capitalismo equivale a Dio». Il suo obiettivo è estorcere i terreni ai pacifici abitanti della città per sfruttarne le risorse aurifere, affermandosi come un pioniere del neocapitalismo più violento e brutale, agevolato da una Legge che gli consente di spadroneggiare sugli inermi: «Se Dio non avesse voluto che li tosassimo, non li avrebbe fatti pecore» dice Bogue, citando il Caldera del film originale. Per fortuna esistono i samurai del Vecchio West, cowboy imperfetti e fallibili, ma con un grande senso dell’onore. Sam Chisolm (Denzel Washington) viene ingaggiato da due cittadini di Rose Creek per difendere il villaggio, e la ricerca di altri eroi porta alla formazione di una squadra che intraprende questa missione disperata: fra di essi ci sono Josh Faraday (Chris Pratt), simpatico ubriacone con un debole per le carte e i giochi di prestigio, ma imbattibile con la pistola; Goodnight Robicheaux (Ethan Hawke), un tiratore cajun dalla mira infallibile; il suo compagno Billy Rocks (Byung-hun Lee), devastante artista marziale che predilige i coltelli; Jack Horn (Vincent D’Onofrio), possente cacciatore di taglie con la lingua di un predicatore; Vasquez (Manuel Garcia-Rulfo), fuorilegge messicano che non si fa mai trovare impreparato; e Red Harvest (Martin Sensmeier), un giovane Comanche a cui è stato predetto che avrebbe incontrato il suo destino in solitudine. Insieme costituiscono un formidabile gruppo di avventurieri, pronti a difendere Rose Creek dalla furia di Bogue.

I_Magnifici_7_Luke_Grimes_Haley_Bennett_Denzel_Washington_foto_dal_film_5

In un’epoca dove la legittimità del capitalismo è stata messa notevolmente in dubbio, la sceneggiatura di Nic Pizzolatto e Richard Wenk risale alle origini dell’attuale sistema americano, un meccanismo prevaricante dove il Sogno è un privilegio per pochi eletti. Poi però si ritorna al Mito, che in questa versione – non dimentichiamo che alla base di tutto c’è I sette samurai di Akira Kurosawa – viene restaurato sin dalle fondamenta, senza abbandonarsi al disincanto dell’originale: in effetti, più che di remake, si dovrebbe parlare di una “reinterpretazione” costruita sulle basi del film di John Sturges. I personaggi sono caratterizzati con tratti netti ed efficaci, ognuno in cerca della propria missione o della propria redenzione, anche se i cenni sul loro passato sono talvolta frammentari e incompleti (è il caso di Goodnight Robicheaux, tormentato da una profezia che viene soltanto evocata e mai approfondita). Questo accade perché il focus de I Magnifici 7 si sposta sull’azione, poderosa e trascinante come in un film bellico, messa in scena da Fuqua con un piglio da cinema “classico” che non offre troppe concessioni alle tendenze spettacolari dell’era digitale.

I_Magnifici_7_Haley_Bennett_Matt_Bomer_foto_dal_film_2

Se è vero che la tematica iniziale si dissolve in una catena di pistolettate fulminanti ed esplosioni fragorose, i dialoghi conservano sempre un certo livello di arguzia che riflette la sagacia dei protagonisti. Inoltre, I Magnifici 7 s’impone come un emblema della Hollywood contemporanea: gli eroi del film sono un gruppo multietnico che non rappresenta solo un’avanguardia di integrazione e tolleranza rispetto al clima repressivo dell’epoca, ma anche un inno alla diversità e al politicamente corretto che esprime le inclinazioni del cinema americano odierno. Gli sviluppi della trama rispecchiano questo approccio, come se volessero aprire le porte su un futuro differente, più evoluto e paritario. Ma il Mito, quello vero, quello che cavalca verso il tramonto dopo aver raddrizzato i torti e punito i carnefici, resta sempre lo stesso.

I_Magnifici_7_Denzel_Washington_foto_dal_film_1

Presentato Fuori Concorso alla 73ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, I Magnifici 7 uscirà in Italia il prossimo 22 settembre. Per maggiori informazioni potete consultare la scheda del film sul sito Warner Bros. e sulla pagina Facebook ufficiale.

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI ON THE MILKY WAY

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI PLANETARIUM

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI JACKIE

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI VOYAGE OF TIME

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI THE BAD BATCH

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI PIUMA

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI LA REGION SALVAJE

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI SPIRA MIRABILIS

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI BRIMSTONE

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI ANIMALI NOTTURNI

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI ARRIVAL

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI LA LA LAND

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI HACKSAW RIDGE

Seguite il Festival di #Venezia73 in diretta sui Social di ScreenWeek: FACEBOOK, TWITTER e INSTAGRAM!

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lasciami entrare: Showtime ordina la serie con Demián Bichir 22 Settembre 2021 - 20:45

La serie, ispirata al romanzo di John Ajvide Lindqvist e al film da esso tratto, si girerà a New York a partire da inizio 2022

Y: L’Ultimo Uomo – Tutto ciò che c’è da sapere sulla serie 22 Settembre 2021 - 20:30

Y: The Last Man è arrivata su Disney+: ecco alcune informazioni sulla serie tratta dal fumetto di Brian K. Vaughn!

Il nuovo James Bond potrebbe essere una donna? Risponde Daniel Craig 22 Settembre 2021 - 20:27

Con No Time to Die Daniel Craig saluterà definitivamente il mitico 007. Chi prenderà il suo testimone? Ancora non lo sappiamo ma secondo l'attore dovrebbe sempre essere un uomo.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).