L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Independence Day: Rigenerazione – La recensione del sequel diretto da Roland Emmerich

Independence Day: Rigenerazione – La recensione del sequel diretto da Roland Emmerich

Di Filippo Magnifico

QUI l’irriverente vignetta di Don Alemanno

Arrivato nelle sale nell’ormai lontano 1996, Independence Day, il disaster movie fantascientifico diretto da Roland Emmerich, ha segnato un’epoca, conquistando il pubblico di tutto il mondo e confermandosi come uno delle più famose pellicole fantascientifiche di tutti i tempi (piaccia o meno, è così). Gli anni ‘80 erano ormai passati e gli alieni pacifici che avevano caratterizzato le storie di pellicole come E.T. l’extra-terrestre ed Explorers si erano fatti da parte per riproporre una minaccia che aveva caratterizzato la trama di moltissimi cult degli anni ‘50. La paura dell’invasore da un altro mondo, sconosciuto, malvagio e (apparentemente) impossibile da distruggere. Tutto questo affidato ad un grande cast – composto da nomi come Will Smith, Jeff Goldblum, Bill Pullman – e condito, ovviamente, dai migliori effetti speciali che il periodo poteva offrire, per mettere in scena la distruzione e regalare al pubblico quel brivido che solo il grande schermo è in grado di offrire.

Independence Day 03

Il risultato? Un premio Oscar (per il gli effetti speciali, appunto) e ben 817 milioni d’incasso. Considerando tutti questi punti si stenta a credere che si sia deciso di realizzare un sequel solo ora ma a quanto pare era questo il momento giusto e, soprattutto, era questa la storia giusta per Roland Emmerich, tornato a dirigere anche questo secondo capitolo. La storia, ovviamente, ruota attorno ad un nuovo attacco alieno, per esigenze di copione molto più grande e molto più distruttivo. Sono passati 20 anni e il presente all’interno del quale è ambientata la storia scorre lungo una linea temporale parallela. Le nazioni della Terra, sconvolte dagli eventi del 1996, si sono unite per dar vita ad un immenso programma di difesa, recuperando e riutilizzando quella tecnologia lasciata dagli invasori sconfitti perché, in verità, tutti sapevano che un giorno sarebbero tornati e sarebbero stati più forti. Ad un piccolo gruppo di combattenti e scienziati, composto da vecchie conoscenze e new entry, il compito di fronteggiare questa minaccia.

Independence-Day

Diciamo subito che Roland Emmerich non si è smentito, è suo il regno dei “disaster movie” e quello che si vede sul grande schermo è un disastro di proporzioni bibliche, un tripudio di effetti speciali, una gioia per gli occhi che, in un certo senso, giustifica i 20 anni passati tra il primo e il secondo capitolo (sarebbe stato impossibile realizzare un simile spettacolo prima). Ma a parte questo c’è sul serio altro? La risposta, purtroppo, è no. Independence Day: Rigenerazione è un grandissimo film senz’anima, un’opera corale senza personaggi in grado di destare il minimo interesse, questo nonostante il plot sia praticamente lo stesso e ci siano attori cari ai fan, come ad esempio Jeff Goldblum e Bill Pullman (Will Smith no, lui ha rinunciato, al suo posto troviamo il figlio cinematografico Jessie Usher). I loro personaggi sembrano svuotati, lo stesso effetto suscitato dai nuovi arrivati Liam Hemsworth, Maika Monroe e Charlotte Gainsbourg.

Independence Day 02

La domanda che dobbiamo porci a questo punto è una: a cosa serve mettere in scena, nel migliore dei modi oltretutto, la distruzione più totale se non c’è un vero e proprio protagonista ad affrontarla? In due ore di film accade l’impossibile ma l’interesse è pari a zero. Si potrebbe interpretare il tutto come un importante messaggio: in un possibile conflitto siamo tutti protagonisti, dobbiamo collaborare per vincere ecc. Ma forse non è il caso di cercare una giustificazione a tutti i costi.

Nel cast di Independence Day: Rigenerazione troviamo Jeff Goldblum, Judd Hirsch, Maika Monroe, Brent Spiner, Liam Hemsworth, Jessie Usher, Charlotte Gainsbourg, Vivica A. Fox e Travis Tope.

[AMAZONPRODUCTS asin=”B003GZTW7S” partner_id=”swfilippo-21″]

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Uprising: Travis Knight dirigerà il film di vampiri Netflix 17 Maggio 2021 - 21:00

Da un romanzo di Raymond Villareal, un action-horror prodotto da Shawn Levy e incentrato su una rivolta globale di vampiri

Joshua Jackson è un chirurgo omicida nel trailer di Dr. Death 17 Maggio 2021 - 20:30

La storia vera di un neurochirurgo folle, con Joshua Jackson nel ruolo del protagonista. Ecco il trailer di Dr. Death.

Master of None: un video ci porta alla scoperta della stagione 3 17 Maggio 2021 - 20:15

La terza stagione di Master of None sarà disponibile su Netflix a partire dal 23 maggio. Possiamo conoscerla meglio grazie a questo video.

M.O.D.O.K., la recensione del primo episodio 17 Maggio 2021 - 10:23

Abbiamo visto in anteprima il nuovo, divertente show animato Marvel, dedicato al quel capoccione di M.O.D.O.K.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.