La famiglia Fang – La recensione del film di Jason Bateman

La famiglia Fang – La recensione del film di Jason Bateman

Di Lorenzo Pedrazzi

Le famiglie disfunzionali sono un tòpos ricorrente nel cinema indie americano, e alimentano quel clima d’insofferenza che spesso circonda le commedie agrodolci uscite dal Sundance o da altri palcoscenici indipendenti, dove compiacersi della propria bizzarria è un peccato comune. Anche La famiglia Fang di Jason Bateman rischia d’innamorarsi delle sue stesse stramberie e del suo approccio intimista, eppure il copione scarta bruscamente la retorica più bieca e vira in un territorio poco esplorato. Non è un caso che la sceneggiatura sia opera del premio Pulitzer David Lindsay-Abaire, già indagatore di sentimenti anticonvenzionali in Rabbit Hole: stavolta, però, alla base del film c’è l’omonimo romanzo di Kevin Wilson, adattato per mettere in risalto la solidarietà tra due fratelli che subiscono l’onda lunga dell’influsso parentale, e incolpano i genitori dei loro attuali problemi. Ma, d’altra parte, non lo fanno tutti?

la-famiglia-fang

Annie e Baxter Fang (Nicole Kidman e Jason Bateman) sono i figli di Caleb e Camille Fang (Christopher Walken e Maryann Plunkett), artisti di fama mondiale che interpretano elaborate performance dove i passanti vengono inconsapevolmente coinvolti in situazioni tese, spiacevoli o surreali, spesso volte a smascherare l’ipocrisia e il perbenismo della “classe media”. Da piccoli, Annie e Baxter hanno partecipato in prima persona al lavoro dei genitori, con risultati anche traumatici, ma oggi sono diventati rispettivamente un’attrice hollywoodiana di successo e uno scrittore mediocre che arrotonda le sue entrate con improbabili servizi giornalistici. Quell’infanzia così insolita si ripercuote sulle loro insicurezze, e quando Baxter resta ferito durante un reportage in Nebraska, chiede l’aiuto di Annie perché non vuole restare da solo con mamma e papà, accorsi per prendersi cura di lui. L’inattesa riunione familiare dissotterra vecchi rancori, fino a quando Caleb e Camille non scompaiono nel nulla durante un viaggio in North Carolina: la loro auto viene trovata sul ciglio della strada, e nell’abitacolo ci sono tracce di sangue appartenenti a Caleb. È una tragedia o l’ennesima messinscena? Annie è convinta che sia tutta una farsa, e coinvolge il fratello in un’indagine dall’esito sorprendente.

La_famiglia_Fang_Jason_Bateman_foto_dal_film_3

Un soggetto del genere non può che nutrirsi di momenti paradossali e dialoghi arguti, dove la brillantezza della commedia si esprime “in levare”, sottraendo ogni potenziale eccesso dalle situazioni più melodrammatiche. Bateman è abile a usare lo straniamento per raffreddare i parossismi della trama, poiché Annie e Baxter – alla pari di noi spettatori – non smettono mai di stupirsi di fronte alle imprese dei genitori, e soprattutto davanti al loro fondamentale egotismo. In quanto performer che non creano un prodotto, bensì un’esperienza, i coniugi Fang sono liberi di autodefinirsi “artisti” perché nessuno può legittimamente affermare il contrario, e la satira del film esplora un dibattito che affonda le radici nel Dadaismo e nelle successive avanguardie: il concetto stesso di “arte” non è più definibile in termini dogmatici, poiché l’assenza di un gusto condiviso ha aperto le porte a tutte le sue possibili interpretazioni. La famiglia Fang, peraltro, ha il merito di non affrontare mai l’argomento in modo esplicito o didascalico, ma lo lascia fluire come un fiume sotterraneo lungo tutto l’arco della narrazione, preferendo raccontare una vicenda umana dove riecheggiano gli effetti di questa catastrofe artistica.

La_famiglia_Fang_Nicole_Kidman_foto_dal_film_1

Tutte le insicurezze e i problemi relazionali dei giovani Fang nascono dalla tirannia creativa dei genitori, Caleb in primis, e lo scontro generazionale si dimostra irrisolvibile. Mentre passa dalla commedia stralunata al thriller psicologico, il film costruisce un toccante rapporto fraterno che valica le ossessioni legate al genere (al cinema, questo tipo di solidarietà lo vediamo sempre tra due fratelli o due sorelle, non tra fratello e sorella), e consente ai protagonisti di affrontare il conflitto con piglio antiretorico: non c’è spazio per la restaurazione dei valori tradizionali o delle istituzioni familiari, né per il perdono, ma solo per una scelta drastica che suona come una dichiarazione di autonomia psico-emotiva. La canzone Kill All Parents, cantata da Annie e Baxter durante una delle performance più famose, prefigura questa resa dei conti: d’altra parte, “uccidere” metaforicamente i padri è l’unica via per crescere davvero.

La_famiglia_Fang_Nicole_Kidman_Jason_Bateman_foto_dal_film_1

La famiglia Fang il 1 settembre nelle sale italiane, distribuito da Adler Entertainment. Troverete maggiori informazioni sulla pagina Facebook del film. Partecipate alla conversazione:

#LaFamigliaFang

LEGGI ANCHE

Ammazzati amore mio: Jennifer Lawrence protagonista del film di Lynne Ramsay 12 Aprile 2024 - 22:08

Prima di girare Stone Mattress, Lynne Ramsay potrebbe filmare l'adattamento cinematografico di Ammazzati amore mio con Jennifer Lawrence

Paramount Pictures e Damien Chazelle insieme per un nuovo film 12 Aprile 2024 - 19:38

Paramount Pictures ha ufficialmente confermato la sua collaborazione con Damien Chazelle per la realizzazione del suo prossimo lungometraggio.

Inside Out 2 presentato al CinemaCon, la descrizione dei primi 35 minuti 12 Aprile 2024 - 19:00

Ecco la descrizione dei primi 35 minuti di "Inside Out 2", presentati in anteprima alla CinemaCon di Las Vegas.

Challengers, la recensione di Roberto Recchioni 12 Aprile 2024 - 18:00

Roberto Recchioni ci parla di Challengers, il corrispettivo filmico di un paio di sneaker firmate da Christian Louboutin. Ricercatissimo e pop al tempo stesso.

X-Men ’97 – Episodio 3: omaggi e citazioni 28 Marzo 2024 - 8:31

Curiosità, riferimenti, easter egg e omaggi ai fumetti nel terzo episodio di X-Men '97.

Kong contro Mechani-Kong: l’altro King Kong giapponese – Godzillopedia capitolo 4 26 Marzo 2024 - 8:00

Il secondo film della giapponese Toho dedicato a King Kong: Kong contro Mechani-Kong.

X-Men ’97 è una bomba (la recensione senza spoiler dei primi tre episodi) 20 Marzo 2024 - 8:01

X-Men '97 è la migliore cosa che potesse capitare a un vecchio fan dei mutanti Marvel, animati, a fumetti o entrambe le cose.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI