Condividi su

20 luglio 2016 • 15:14 • Scritto da Marlen Vazzoler

Van Helsing – Inizialmente per il personaggio si sono ispirati a Mad Max

Il co-sceneggiatore del reboot di Van Helsing, Eric Heisserer, fornisce due dettagli su questa nuova versione e parla del tono dei film della Universal...
0

LEGGI ANCHE: Van Helsing – Rupert Sanders alla regia del reboot con Tom Cruise?

Eric Heisserer (Lights Out) e Jon Spaihts stanno scrivendo la sceneggiatura del reboot di Van Helsing, che assieme a La Mummia con Tom Cruise, The Wolfman e ad altri quattro progetti in varie fasi di sviluppo comporrà l’universo dei mostri cinematografici della Universal.

Durante un’intervista con il sito HitFix, Heisserer ha fornito due dettagli su questa nuova versione del personaggio:

“Posso solo dire che all’inizio, la nostra ispirazione per il suo comportamento e il suo atteggiamento è stato Mad Max”.

L’uso di quel ‘inizialmente’ lascia intendere che questa strada, potenzialmente interessante considerati i precedenti adattamenti, è stata abbandonata.

A differenza di La Mummia, non vedremo un cambio di genere del protagonista, d’altronde su Syfy uscirà questo autunno una serie tv di 13 episodi avente per protagonista Vanessa Helsing, interpretata da Kelly Overton, come ben ricorda lo stesso Heisserer.

“Penso che ci sia una miniserie della Syfy, o qualche tipo di serializzazione, che uscirà ed avrà una Van Helsing donna. Sarà interessante”.

Lo show prodotto da Neil LaBute è ambientato nel futuro, Vanessa Van Helsing è la figlia del celebre cacciatore, che viene riportata in vita in un mondo governato dai vampiri.

Van-Helsing-jackman

Quel che è certo è che il tono delle pellicole che comporranno questo universo non sarà lo stesso.

“Siamo all’inizio. Posso solo dire che la decisione che molti di noi hanno preso è stata di scrivere il miglior film che potevano nel nostro angolino ed esser certi che potessero reggersi da soli… che non necessariamente avessero bisogno di andare a braccetto con qualcos’altro.
Ed avere un tono diverso dagli altri film. Uno potrebbe essere più una commedia, un’avventura/d’azione, uno un tradizionale film horror. Quel genere di cose. E poi vedere cosa accade man mano che i progetti evolvono e abbiamo la possibilità di riunirci e parlare, e fare in modo che questi film diano la sensazione che sono tutti [ambientati] nello stesso mondo”.

Fonte Hitfix

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *