L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Synchronicity – Un affascinante noir fantascientifico da vedere su Netflix

Synchronicity – Un affascinante noir fantascientifico da vedere su Netflix

Di Lorenzo Pedrazzi

Da alcuni anni, ormai, il cinema indipendente americano ha riscoperto la fantascienza come mezzo di opposizione alle politiche hollywoodiane, riportando il genere alle sue radici letterarie: lo scrittore Theodore Sturgeon diceva che “un buon racconto di science-fiction è una vicenda di esseri umani con problemi umani e una soluzione umana, che tuttavia non si sarebbe affatto verificata senza quel particolare contenuto speculativo”, e la fantascienza indie – alla pari di alcuni show televisivi come Black Mirror – rispecchia proprio questa definizione; di fatto, essa rimette al centro le problematiche umane e le conseguenze psico-emotive degli eventi che racconta, pur all’interno di conflitti che non esisterebbero senza determinati elementi fantascientifici (spesso con un elevato valore metaforico in relazione al nostro presente). Hollywood, al contrario, tende a privilegiare i risvolti spettacolari della science-fiction, legati all’azione, all’avventura e ai grandi effetti speciali, che sono soltanto una delle molte possibili declinazioni di questo genere magmatico. La sua grande permeabilità rispetto agli altri approcci narrativi (ma anche rispetto a diverse filosofie e Weltanschauung), rende la sci-fi un genere stratificato ed eclettico.

Synchronicity, recentemente aggiunto al catalogo di Netflix, è un valido esempio di quanto la fantascienza indie sappia essere raffinata e imprevedibile, anche per la sua capacità di stimolare la visione attiva dello spettatore. Diretto da Jacob Gentry (lo stesso di The Signal), il film ha come protagonista il fisico Jim Beale, che ha costruito una macchina del tempo con l’aiuto dei colleghi Chuck e Matt, ma necessita del supporto economico del cinico Klaus Meisner per continuare gli esperimenti: ogni viaggio, infatti, costa ben 5 milioni di dollari di materiale radioattivo. Quando la macchina viene attivata, dal futuro si materializza improvvisamente una misteriosa pianta, raro esemplare di dalia. Jim si mette alla ricerca di un fiore con lo stesso DNA per provare che la macchina funzioni, ma lo trova nelle mani di Abby, una donna enigmatica che in passato frequentava Klaus. Poiché Abby dimostra un grande interesse per la sua scoperta, Jim comincia a diffidare di lei: gli sorge il dubbio che stia lavorando per conto di Klaus, determinato ad acquisire i diritti sulla macchina. Il fisico decide quindi di tornare indietro nel tempo di cinque giorni per fermare il tradimento di Abby prima che accada, ricostruendo la verità sulla sua invenzione e sull’affascinante donna di cui si sta innamorando.

synchronicity-timemachine

Il risultato è un conturbante intreccio di piani temporali che coinvolge la teoria dei mondi paralleli, dove risuonano gli echi di altri film più o meno recenti: non ha la complessità di Primer, la limpidezza di Los Cronocrímenes o il rigore di Predestination, ma Synchronicity riesce a confezionare un soggetto che offre diversi livelli di lettura, pretendendo attenzione e spirito speculativo. L’ultimo atto è molto ambiguo, difficile da interpretare dopo una prima visione, e sicuramente Jacob Gentry pecca di autocompiacimento nel complicare una trama che sarebbe potuta essere più lineare; eppure, ha il merito di conservare intatta la tensione, anche quando indugia in snodi narrativi un po’ confusi o apparentemente gratuiti.

Synchronicity-Brianne-Davis-Abby-Jim-Chad-McKnight

Tutto questo si coniuga con una scelta estetica molto precisa, che dichiara apertamente i suoi debiti verso Blade Runner: l’assenza costante di un’illuminazione diffusa, la penombra che avvolge quasi ogni inquadratura e la greve cupezza della metropoli (indefinita, quindi ancora più alienante) traggono origine dal film di Ridley Scott, come se Gentry e il direttore della fotografia Eric Maddison ne avessero sviscerato ogni singolo minuto per riprodurne l’apparato visivo. Il medesimo discorso tocca inoltre l’accompagnamento sonoro di Ben Lovett, la cui musica elettronica e new age ricorda moltissimo quella di Vangelis. Gli effetti speciali sono però ridotti al minimo, poiché lo scenografo Jeffrey Pratt Gordon è molto abile a reinventare gli spazi, trasfigurandoli in luoghi opprimenti o stranianti: è sempre arduo stabilire le coordinate spaziali e cronologiche della storia (è il presente o il futuro?), e certe architetture monumentali sembrano partorite da un incubo futurista.

synchronicity-chad

Con un’estatica del genere, non sorprende che Synchronicity si rifaccia ad alcuni tòpoi del noir, solitamente associati – nella contaminazione con la fantascienza – alla distopia più disillusa e nichilista. Non è questo il caso: la sensuale femme fatale di Brianne Davis non è realmente nociva per il protagonista, che tende invece all’autodistruzione, tipica del genio “titanico” che sceglie di anteporre la sua volontà alle leggi ancestrali della natura. Ma in un film che sovrappone molteplici linee temporali e interseca altrettante realtà alternative, c’è spazio anche per una storia d’amore che da qualche parte, in uno di questi folli intrecci, potrebbe addirittura concludersi in modo lieto. Toccherà allo spettatore trovare la soluzione dell’enigma, ammesso che ce ne sia una sola.

synchronicity-brianne-chad

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Mission Impossible 7: sospese le riprese a Venezia, casi di Covid-19 sul set 24 Ottobre 2020 - 17:04

Le riprese di Mission: Impossible 7 sono state sospese, ancora una volta. La produzione si era recentemente spostata a Venezia.

Ben Wheatley dirigerà il sequel di Shark: Il primo squalo 24 Ottobre 2020 - 17:00

Sarà Ben Wheatley a dirigere il sequel di Shark: Il primo squalo, ispirato al secondo romanzo della saga letteraria di Steven Alten.

No Time to Die su Apple TV+ o Netflix, è sul serio possibile? 24 Ottobre 2020 - 16:16

Nelle ultime ore un rumor si è sparso a macchia d’olio nel web. No Time to Die, il nuovo capitolo della saga di Bond, potrebbe finire su Apple TV+ o Netflix. Ma è sul serio possibile?

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).