L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Playdead Inside: La Recensione per Xbox One

Playdead Inside: La Recensione per Xbox One

Di Fabrizio Tropeano

Nell’affollatissimo panorama della scena “indie” videoludica, in pochi sono riusciti a cogliere nel segno come il team danese di Playdead. Nel 2010 il loro Limbo ha conquistato letteralmente tutti, critica e pubblico, tanto da creare elevatissime aspettative per la loro nuova produzione, Inside, disponibile al momento in esclusiva su Xbox One ma prossimamente in arrivo anche su PC e Playstation 4.

Raccontare le circa cinque ore che abbiamo vissuto con questo gioiello non è un compito facilissimo. Freddamente potremmo dire che Inside è un action-platform-adventure categoricamente in due dimensioni ma sarebbe veramente troppo riduttivo. In primis perchè senza che venga detta una sola parola nel corso dell’avventura, si viene proiettati in un mondo buio e angosciante dove misteriosi personaggi hanno il controllo su altri esseri umani completamente lobotomizzati e pronti ad assecondare i loro ordini ed in taluni frangenti anche i nostri.

image

Tutto sarà chiaro soltanto alla fine della nostra lunga fuga ma pian pianino la verità verrà a galla, se pur molto lentamente, senza bisogno di cut scene ma semplicemente con le vicende che riguarderanno il nostro alter ego ed in alcuni momenti, con quelle di altri personaggi anonimi in un altro livello parallattico dello schermo, Inside ha veramente venature artistiche sia nelle scelte cromatiche così come per alcuni dettagli che fanno veramente la differenza.

Ma come scritto nell’incipit, Inside è anche un ottimo prodotto videoludico nel senso più stretto del termine grazie ad un sistema di controllo molto preciso ed una serie di enigmi-puzzle mai troppo difficili ma neppure risolvibili al primo istante, creando un mix con le sequenze più di azione, veramente sopraffino. Inside ha un level design magistrale da cui dovrebbero prendere esempio anche i “titoloni” blockbuster per intenderci. 

INSIDE_01

La grandezza minimale di Inside si può apprezzare anche sul fronte audiovisivo. Bastano poche linee e pochi poligoni per rappresentare il mondo distopico su schermo ma è incredibile la capacità suggestiva della grafica così come le tracce realizzate con pochissimi strumenti che interrompono i lunghi silenzi, riescono a creare stati di tensioni ai limiti del panico per i pericoli e le sorprese che ci attendono nella sequenza successiva.

A primo acchito, verrebbe voglia di dare un 10 pieno a Playdead Inside, poi mettendo sul piatto della bilancia anche il prezzo di 19.99 euro (esclusivamente in digital delivery) e la relativa brevità, chi vi sta scrivendo questa recensione ha deciso di fermarsi a 9. Ma se cercate un’esperienza di gioco che vada oltre quelli che sono i tipici clichè delle grandi produzioni o dei titoli eccessivamente stereotipati, non potete assolutamente lasciarvi sfuggire Inside. 

VOTO: 9

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love, Death + Robots – Volume 2: il nuovo red band trailer della serie Netflix 10 Maggio 2021 - 21:00

La serie antologica animata di David Fincher e Tim Miller tornerà con otto nuovi episodi il 14 maggio

Videogames News: Il Futuro di Google Stadia, I Problemi di Returnal, Xbox in Perdita 10 Maggio 2021 - 20:35

Ecco come ogni settimana la nostra rubrica riguardante tutte le più interessanti notizie in arrivo dal mondo dei videogiochi!

Solos: Dal 25 giugno su Prime Video la serie antologica Amazon Original 10 Maggio 2021 - 20:15

In Italia arriverà il 25 giugno su Prime Video: Solos la serie antologica Amazon Original creata da David Weil, con Anne Hathaway e Helen Mirren

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).