Condividi su

27 maggio 2016 • 16:05 • Scritto da Leotruman

The Wizarding World of Harry Potter – Il parco è aperto anche ad Hollywood!

Abbiamo visitato il parco The Wizarding World of Harry Potter, la sezione costruita all'interno degli Universal Studios di Los Angeles, e tutte le sue magiche attrazioni! Ecco il racconto, e tutte le foto e i video del nostro inviato a Hogwarts!
0

Articolo a cura di Lorenzo Fantoni

Guardo la fila e tremo. Non sono persone, è un serpente umano di bambini che urlano, genitori esausti, adolescenti che indossano vesti da maghetto, trentenni con gli occhi sul cellulare. L’apocalisse dell’attesa.

Tutti fermi sotto il sole in questa sorta di grande rito di devozione a J.K Rowling e Harry Potter. Mentre lo scoramento sta per travolgermi mi ricordo che ho il biglietto per saltare la fila e torna il sorriso, entro massimo un quarto d’ora metterò lo zaino in un armadietto e poi anche io sarò pronto per Harry Potter and the Forbidden Journey, un ottovolante ad alto tasso di tecnologia che mescola scenografie reali con schermi 3D.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 3

Siamo agli Universal Studios di Los Angeles, terra di sogni in cui tutto è incantato, colorato e bellissimo, dove non esiste la tristezza, solo l’attesa di poter vivere qualche minuto di pura emozione. La missione di oggi è visitare The Wizarding World of Harry Potter, qualcosa più di una semplice attrazione a tema, un vero e proprio parco nel parco in grado di mandare in estasi chiunque abbia amato la saga di Harry Potter.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 12

Dopo aver varcato i cancelli degli Universal Studios, bastano un paio di minuti di camminata per superare Waterworld e il cinema 4D di Shrek per trovarsi di fronte a un arco con una scritta curiosa: “Please respect the spell limits”, per favore rispettate le limitazioni agli incantesimi. Alle sue spalle in lontananza il Castello di Hogwarts si staglia severo e maestoso con le sua gotica silhuette che ormai tutti conoscono a memoria, di fronte a me una via piena di casette coi tetti innevati, negozi con le vetrine traboccanti di oggetti misteriosi, una Ford Anglia vittima di un atterraggio di fortuna e centinaia di persone che agitano bacchette magiche e corrono facendo svolazzare le loro cappe da mago, sono a Hogsmeade.

Supero l’arco e la prima cosa che balza all’occhio è l’espresso per Hogwarts che spunta sulla sinistra, di fronte a lui un tizio vestito da bigliettaio passa pazientemente la sua giornata a farsi le foto con i visitatori.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 27

Volendo è anche possibile farsi fare una foto dentro il treno, basta avere 20 dollari. Dall’altro lato ci sono le coloratissime vetrine di Mielandia, ovvero Honeydukes, dietro le quali fanno bella mostra di se ranocchie al mou, peluche di paffutolli rosa e viola, cioccolatini a forma di sfera del Quiddich, lecca lecca e caramelle di ogni tipo. Proseguendo nella passeggiata, ecco che arriva la prima fila: una decina di persona stanno pazientemente attendendo la loro Burrobirra, servita da un enorme botte all’aperto. Sono quasi sicuro che non sarà alcolica, viste le fisse degli americani e la presenza di molti bambini, ma decido comunque di tentare la sorte, ordinando la versione ghiacciata, senza boccale commemorativo. Ebbene, la Burrobirra di Harry Potter è una specie di frappè dolce, con una lieve punta di amaro, molto denso, una bevanda al caramello con sentori di cannella che per fortuna non ti nausea dopo due sorsi, ma dubito che riuscirei a berne più di una pinta.

LEGGI IL RACCONTO DELLO STAR TREK FAN EVENT

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 1

Dopo l’assaggio continuo la passeggiata, passando accanto ai Tre Manici di scopa, che a pranzo si riempie di avventori in cerca di un panino e un po’ di ristoro. Mi affaccio per curiosare, ma a quanto pare Madama Rosmerta non è in casa oggi. In compenso una signorina vestita con un cappello a punta mi dice che quella è l’uscita e se voglio entrare devo, ovviamente, fare la coda.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 13

Ma è presto per mangiare, preferisco passeggiare ancora per le vie di Hogsmeade, curiosando le vetrine di MondoMago, sbirciando dentro Olivander, Zonko, l’Emporio di Gazza dei beni confiscati, Il Telescopio o l’ufficio postale, stracolmo di gufi di peluche. Ovunque mi giri è possibile trovare tutto ciò di cui uno studente di Hogwarts potrebbe aver bisogno. Cravatte delle quattro case, cappe, bacchette magiche, libri, occhiali, sciarpe, magliette, felpe, portachiavi, tazze, asciugamani, marionette dei gufi, riproduzioni del Cappello Parlante. Difficile sentirsi ancora dei babbani qua dentro, c’è persino un Libro Mostro dei Mostri che ringhia dentro una gabbia, ma quello purtroppo non si può comprare.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 14

Ovviamente tutto ha prezzi abbastanza alti, considerando che una bacchetta magica costa circa 45 dollari, però volendo potete fare tutta la cerimonia in cui sarà lei a scegliere voi e non viceversa, d’altronde anche far fruttare il merchandising è una piccola magia. Osservando tutti quei ragazzini che afferrano felici maglioni da college che mai e poi mai avrebbero indossato su richiesta delle madri non si può che concordare su un fatto: la saga di Harry Potter come minimo ha fatto venire voglia agli adolescenti di tutto il mondo di vestirsi in maniera elegante.

SCOPRI LE 4 CASE DI MAGIA DI ANIMALI FANTASTICI

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 10

A rendere il tutto ancora più magico ci pensano le vetrine interattive, con cui è possibile interagire una volta comprata una bacchetta. Basta infatti agitarla nel modo giusto di fronte ad alcuni negozi per vedere gli oggetti che prendono vita. I gufi sbattono le ali, i ritratti parlano, gli oggetti si muovono e ovviamente il pubblico impazzisce. Di sicuro se sei un fan di Harry Potter c’è di che farti venire le convulsioni.

Cercando di guardare la cosa con una certa prospettiva, un dato che balza all’occhio è senza dubbio l’eterogeneità del pubblico: siamo in un parco pensato soprattutto per bambini, ma attorno a me ci sono famiglie intere che indossano felpe di Hogwarts, coppie che sfoggiano felici le loro t-shirt con scritto “Giuro solennemente di non avere buone intenzioni”, trentenni che invece di annoiarsi dentro un pub per l’ennesima volta sorseggiano felici la loro Burrobirra con gli amici. La dimostrazione è che ormai certe passioni e certi racconti hanno una forza tale da diventare un punto di contatto generazionale per milioni di persone completamente diverse, annullando quasi del tutto l’idea di un intrattenimento diviso in fasce d’età. Qualunque parco giochi ormai dev’essere in grado di accontentare il bambino così come l’appassionato nostalgico, soprattutto quando parliamo di nomi del calibro di Harry Potter, Guerre Stellari, Il Signore degli Anelli o Star Trek.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 4

Ma adesso è il momento di dare un’occhiata al pezzo forte: i due ottovolanti dedicati rispettivamente al volo del Grifone e al mondo di Harry Potter. La prima è un’attrazione pensata soprattutto per bambini, lo dimostra il fatto che in coda l’età media e molto bassa e che faccio una fatica boia a incastrarmi nel sedile.

La corsa è molto breve, ma abbastanza tortuosa, niente che possa spaventare un bambino di oggi, tanto che la maghetta seduta di fronte a me chiede alla mamma di fare nuovamente la coda. Il suo vero pregio è che da lassù si gode un’ottima vista su tutta Hogsmeade e sul castello.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 21

Ed eccoci infine tornati all’inizio dell’articolo, quando ho lasciato lo zaino in un armadietto e mi sono addentrato dentro il castello di Hogwarts per partecipare a Harry Potter and the Forbidden Journey.

FOTO E VIDEO DALL’INAUGURAZIONE DEL PARCO DI HOLLYWOOD

Salendo le scale vengo accolto dai quadri parlanti, per poi passeggiare di fronte alla cattedra di Albus Silente in persona, che mi saluta e mi augura una buona permanenza, neanche il tempo di stupirsi che mi trovo di fronte all’aula di difesa dalle Arti Oscure (la cattedra e la lavagna sono quelle originali del film!) per proseguire fino al Cappello Parlante che ripete all’infinito le regole di sicurezza. La tecnologia ha senza dubbio giovato molto al settore dei parchi a tema, perché i gli animatroni e i robot sono stati quasi del tutto soppiantati da schermi ad altissima definizione in grado di ingannare l’occhio e farti credere che Silente sia realmente a pochi passi da te.

Per essere precisi quello che sto per affrontare non è un rollercoaster classico, ma una sorta di versione ultramoderna della casa dell’orrore in cui tutto si svolge in un ambiente chiuso e si passano varie ambientazioni, il divertimento non sta solo nell’essere sballottati qua e là a velocità folle, ma anche nella storia che l’attrazione sa raccontarti. Scatto qualche foto e poi mi rendo conto di una cosa stranissima: nonostante le decine di persone all’interno pochissimi parlano, gli altri o si guardano in giro con la bocca aperta o fanno foto a ripetizione.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 23

Ormai ci siamo, un’addetta del parco mi indica dove dovrò sedermi e con piglio da generale dei marines mi dice di muovermi e prendere posto. La giostra non si ferma mai, quindi per salire bisogna mettere i piedi su un tapis roulant, raggiungerla, sedersi, far scendere il blocco di sicurezza e mettersi gli occhiali 3D fatti come quelli usati nel Quidditch. Il vagone non è di quelli classici, in cui si è seduti a file e si guarda in avanti, ma è una sorta di unica panca per quattro persone affiancate, che nasconde tecnologia di altissimo livello, schermi 3D, scenografie reali, effetti atmosferici e leve idrauliche in grado di simulare alla perfezione il movimento. Fondamentalmente è come se fossi seduto su un braccio meccanico posizionato su un binario.

Lo scopo di questa attrazione non è spaventare il pubblico con velocità pazzesche o giri della morte, ma emozionarlo e fargli vivere un paio di minuti della vita di Harry Potter. Tutto inizia con un pizzico di Polvere Volante che permette alla panca di spiccare il volo ed entrare nella Metropolvere, neanche il tempo di capire cosa sta succedendo che Harry mi chiede di seguirlo in un volo panoramico sui tetti della scuola di magia, mentre Hagrid domanda “Avete visto un drago?”.

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 24

Purtroppo sì, perché poco dopo un simpaticissimo Ungaro Spinato decide che io e Harry potremmo essere il suo prossimo spuntino e inizia a darci dietro sputando fiamme, mentre la panca sfiora il terreno per poi alzarsi sopra il campo di Quidditch e gettarsi a capofitto nelle viscere della terra, non prima di ritrovarsi la faccia del drago, così vicina da sentire il calore delle fiamme. Da qui in poi è una carrellata attraverso le creature e i momenti più importanti della serie, da Aragog al Platano Picchiatore, passando ovviamente per qualche insulto da parte di Malfoy. Tutto si conclude con un drammatico incontro con i Dissennatori, che ovviamente si concluderà con un bell’Expecto Patronus da parte di Harry, pronto a salvarmi una fine orribile. Ad attendermi alla fine della giostra ci sono tutti i personaggi della saga, che mi acclamano per l’impresa appena compiuta, credo si riferiscano alla coda di un’ora, e mi ricordano di non lasciare niente negli armadietti, altrimenti ci pensa Gazza!

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 6

In totale la corsa non sarà durata più di due, tre minuti, ma pur non provando per Harry Potter lo stesso amore viscerale che provo per Guerre Stellari posso dire che ne è valsa veramente la pena. È emozionante, è divertente e riesce a mantenersi sempre al filo tra l’intrattenimento e quella sottile paura che ogni ottovolante dovrebbe regalarti. Niente in questa nuova attrazione è lasciato al caso, è l’equivalente architettonico di un cosplay minuzioso, in grado di farti dimenticare per qualche minuto che sei in California, che fuori ci sono quasi trenta gradi e che non sei un mago, grazie a una giostra che è un capolavoro di innovazione che sa mescolare artifici tridimensionali e oggetti reali per creare un’illusione più vera del reale. Certo, è piena di gente, le code sono lunghissime ed è tutto molto costoso, ma questo è il prezzo da pagare per vivere le proprie passioni e ci ha forse mai fermato?

POTETE TROVARE LE ALTRE IMMAGINI DEL PARCO QUI

The Wizarding World of Harry Potter Hollywood La Visita di ScreenWeek - 12

Animali fantastici e dove trovarli uscirà nel novembre 2016 in tutto il mondo.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI ANIMALI FANTASTICI E DOVE TROVARLI! – scopri anche quanti GIORNI MANCANO all’uscita del film con il nostro countdown!

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *