L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Cannes, 2016: Café Society, l’amore secondo Woody Allen non è più così romantico…

Cannes, 2016: Café Society, l’amore secondo Woody Allen non è più così romantico…

Di Andrea D'Addio

Il cinema e il glamour di Los Angeles, la vivacità (spesso ai limiti della legalità) e il malinconico, ma irresistibile fascino di New York: il primo film girato in digitale da Woody Allen è una storia di opposti che si attraggono. Siamo negli anni ‘30. Da una parte c’è Booby (Jesse Eisenberg), giovane che cerca di capire quale sia la sua strada, ma che, almeno all’inizio, ritiene che non possa essere nella Grande Mela, lì dove vive ancora con la famiglia. Dall’altra c’è Vonnie (Kirsten Stewart) avvenente segretaria di un agente di star di Hollywood con cui ha una relazione segreta (lui è sposato). I due si incontrano a Los Angeles. Il trait d’union è Phil, zio del primo e capo/amante della seconda. Tra di loro scoppia la scintilla, ma come gestire il tutto?

Dal alcuni anni Woody Allen alterna puntualmente il dramma alla commedia. Certo, anche quando si tratta di dramma, è un dramma “alla Allen”, si sorride, ma c’è sempre qualche elemento più forte che richiama alla morte. E così, se alla prima categoria appartengono To Rome with Love (2012) e Magic in the Moonlight (2014), nell’altra vanno catalogati Blue Jasmine (2013) e Irrational Man (2015). Café Society fa parte del primo gruppo. Si parla di amore, di quello che nasce grazie ad un colpo di fulmine, ma non per questo è tanto forte da spezzare qualsiasi ostacolo gli si frapponga. Come è suo solito Allen non ama tirare a lungo le svolte narrative. Le prepara qualche scena prima con un semplice dettaglio di regia o battuta e ce le presenta poco dopo costringendo la stioria a cercare subito un nuovo equilibrio. I dialoghi sono incalzanti, la musica jazz in sottofondo un ottimo espediente per accelerare o rallentare il ritmo della vicenda. Quella di Café Society non è particolarmente avvincente. Si potrebbe definire un film minore di Allen. È interessante il dualismo tra le due metropoli statunitensi più celebrate al mondo, un confronto sostenuto sia attraverso le immagini dei luoghi che dalla rappresentazione dei diversi stile di vita. La storia d’amore però è un déjà-vu  a cui manca la solita verve del genio di Brooklyn. Si rivaluta però per il finale, scritto e girato con grande maestria, un epilogo che molti troveranno simile a qualcosa di vissuto in prima persona. “Basta che funzioni” avrebbe detto l’Allen di dieci anni fa. Oggi non è più così. Gli anni scorrono via come la vita. E percorrono sentieri su cui non sono consentite inversioni ad U.

GUARDA IL TRAILER DI CAFE’ SOCIETY

cafesociety-copertina

Nota a margine per gli attori: Eisenberg ha una determinazione, negli occhi, nella voce, che ne fanno una perfetta sintesi di molti dei personaggi ebrei creati in passato da Allen (assieme realizzarono già To Rome with Love) e che sarebbe bello vedere ancora, alle prese con altre vicende. La Stewart dimostra una fragilità e fascino poche volte visti in passato e che si spera non si spengano al prossimo film. Carrell (che ha rimpiazzato all’ultimo Bruce Willis, impegnato altrove) è come al solito una garanzia a cui però, forse, manca qualche battuta per essere “completo”. Presentato a Cannes come film d’apertura (tanti gli applausi), Café Society non spiccherà mai all’interno della filmografia di Allen, ma come tanti suoi altri lavori, in confronto con “la concorrenza” vale sicuramente una sua visione al cinema.

LEGGI ANCHE: VINCENZO STORARO PARLA DELLA REALIZZAZIONE DI CAFE’ SOCIETY

cafe-society-poster

SCOPRI TUTTI I FILM IN CONCORSO E GLI ARTISTI IN GARA AL FESTIVAL DI CANNES 2016

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e InstagramSeguiteci sui nostri social network e nella sezione speciale per non perdere alcuna novità direttamente da #Cannes2016

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. Vi ricordiamo inoltre che potete scaricare la App di ScreenWeek TV, disponibile per iOs e Android.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hotel Transylvania: Uno scambio mostruoso slitta a ottobre 19 Giugno 2021 - 19:00

La Sony ha posticipato la data di uscita di Hotel Transylvania: Uno Scambio Mostruoso. Il film negli Stati Uniti uscirà l’1 ottobre 2021.

The Walking Dead: la trama della stagione 11 e alcune nuove immagini 19 Giugno 2021 - 18:00

Il percorso di The Walking Dead sul piccolo schermo terminerà con la stagione 11. Ecco alcune nuove immagini e la trama dei nuovi episodi.

Annecy 2021: Kamen Rider Fuuto Pi 19 Giugno 2021 - 17:00

Al Festival di Annecy è stato presentato il progetto animato Fuuto Pi per il cinquantesimo anniversario del franchise di Kamen Rider

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)

Luca, la recensione (senza spoiler) del nuovo film Pixar 16 Giugno 2021 - 18:00

Luca e la vacanza di Pixar in Italia: un'estate al mare, in compagnia di amici, nemici e di una grande speranza per tutti.