L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Veloce come il Vento – La recensione di Roberto Recchioni

Veloce come il Vento – La recensione di Roberto Recchioni

Di Roberto Recchioni

VELOCE COME IL VENTO: LE INTERVISTE A REGISTA E PROTAGONISTI

Se fosse un film americano, si parlerebbe di un solido dramma sportivo.
Se fosse un film americano, lo si definirebbe come una pellicola che parla di due underdog e di una rivalsa.
Se fosse un film americano, se ne esalterebbe il perfetto sviluppo dello script, l’ottima regia, la ricercata fotografia, l’esaltante montaggio, l’esaltante colonna sonora e la splendidà intensità delle interpretazioni.
Ma Veloce come il Vento, non è un film americano ma italiano e allora bisogna dire altro. Del suo spaccato sociale, per esempio. O del suo racconto della provincia. Oppure del sensibile ritratto familiare.
Ma soprattutto, bisogna dire che è un bel film in special modo perché è italiano. Come se fosse un miracolo che il nostro cinema sia riuscito a realizzare qualcosa di bello e fuori dai soliti schemi delle commedie e dei film intimisti.
Ecco, grazie ma no grazie.
Prima di tutto perché negli ultimi due anni di film italiani buoni e diversi ne sono usciti parecchi (Il racconto dei Racconti, Smetto Quando Voglio, Pecore in Erba, Bella e Perduta, Perfetti Sconosciuti, Suburra, Non Essere Cattivo, Lo Chiamavano Jeeg Robot e altri).

Veloce Come il Vento Poster Italia 01

Poi perché Veloce come il Vento è scritto rispettando una solidissima e rodata struttura drammatica che, da Rocky a oggi, non ha mai fallito. Perché, come tutti i film di genere, dice grossomodo le solite cose, ma come i migliori film di genere, le dice bene e con personalità. È un bel film perché diretto con un occhio che sa coniugare la spettacolarità dell’azione e la profondità dell’ambiente. È un bel film perché ha personaggi in cui è facile credere ed è ancora più semplice fare il tifo, e questa cosa in una pellicola di tema sportivo è importante. È un bel film perché i suoi attori sono bravi, così come è bravo tutto il comparto tecnico e artistico. Infine, è un bel film perché sa emozionare, coinvolgere, commuovere e far esaltare.

Il fatto che sia anche un film italiano è solo un qualcosa in più, che tutto sommato è anche un elemento marginale se non fosse che proprio la sua italianità ce lo fa sentire più vicino.
E questo è un bene: perché abbiamo bisogno di buone storie che ci raccontino.
Ma la cosa migliore di Veloce come il vento è che si tratta di una pellicola ambiziosa.
E l’ambizione è quella di fare un film che parla di un riscatto umano attraverso una disciplina sportiva, che possa stare allo stesso livello di tante altre pellicole straniere dallo stesso tema.
E ci riesce.

Veloce_come_il_vento_Stefano_Accorsi

Nella regia di Rovere ci sono echi del miglior Friedkin automobilistico, quello de Il Braccio Violento della Legge e al Ronin di John Frankenheimer, ma c’è anche spazio per qualche smargiassata in aria di Fast and Furious e qualche patinatura alla Day of Thunder di Tony Scott, il tutto ben amalgamato in una rappresentazione della provincia emiliana che rimanda a certi film newyorkesi dei tardi anni ’70.

Il montaggio è forte, invasivo, quasi pubblicitario, quando le cose si fanno intense. Ma per un film del genere è proprio quello che vi vuole, specie se poi a fare da contrappunto c’è una colonna sonora di alto livello, cucita sul film in maniera straordinaria. E poi ci sono uno straordinario Stefano Accorsi (straordinario sul serio, non sto esagerando), che sembra quasi una versione simpatica del Christian Bale di The Fighter, e una composta e intensa Matilda De Angelis, che sembra quasi una potenziale Jennifer Lawrence italiana. E tutti vanno fortissimo in questo film.
Tagliano le curve, non le fanno tonde.
In poche parole, fatevi un favore e andatelo a vedere.
E quando tornerete a casa spingendo sul gas un pelo più di quanto sarebbe sensato fare, capirete quanto questo film abbia funzionato.

CLICCA QUI PER VEDERE LA VIDEORECENSIONE DI ROBERTO RECCHIONI

veloce come il vento recchioni

Veloce come il Vento è ora nelle nelle sale italiane. CLICCA SULLA SCHEDA PER SCOPRIRE TUTTO SUL FILM.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Lightyear: Charles Leclerc e Carlos Sainz nel nuovo film Pixar 25 Maggio 2022 - 15:10

I piloti della Scuderia Ferrari Charles Leclerc e Carlos Sainz interpreteranno un cameo rispettivamente ne film Pixar Lightyear.

Echo – Le riprese continuano, ecco il nuovo logo 25 Maggio 2022 - 14:30

La head writer Marion Dayre pubblica una foto dal set di Echo che svela il nuovo logo della serie Marvel per Disney+.

Fabio Rovazzi, Lillo e Michela De Rossi parlano di Con chi viaggi, la nostra intervista 25 Maggio 2022 - 13:30

La nostra Sonia Serafini ha incontrato Fabio Rovazzi, Lillo e Michela De Rossi e ha parlato con loro di Con chi viaggi. La video intervista.

Cip e Ciop Agenti Speciali: i 30 cameo ed easter egg più fuori di testa 24 Maggio 2022 - 16:01

Un film d'animazione Disney in cui c'è DI TUTTO? Pronto!

Thor: Love and Thunder, il nuovo trailer spiegato a mia nonna 24 Maggio 2022 - 8:04

Gorr il Macellatore di Dei

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.