L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Captain America: Civil War – La recensione di Roberto Recchioni

Captain America: Civil War – La recensione di Roberto Recchioni

Di Roberto Recchioni

Per parlarvi di Captain America: Civil War devo necessariamente entrare nelle tematiche del film ma, tranquilli, eviterò spoiler.

Di cosa parla l’ultimo capitolo del Marvel Universe cinematografico? Di conseguenze. Nello specifico, delle conseguenze della azioni di super-esseri che decidono di prendere l’autorità di difendere il mondo nelle loro mani. E di come queste azioni, alle volte, portino a dei catastrofici danni collaterale. Parla di come i normali esseri umani e il governo si rapportino a questi vigilantes dotati di straordinari poteri. E parla di due eroi che, messi davanti a un bivio, fanno scelte antitetiche che li porteranno a scontrarsi. E parla della nascita di due schieramenti contrapposti, uniti dalla causa ma separati dai metodi.

In sostanza, Captain America: Civil War parla praticamente delle stesse cose di Batman v Superman: Dawn of Justice solo che lo fa in maniera molto diversa. Nello specifico, lo fa bene.

teamcap-civilwar-copertina

Il film ha una narrazione molto articolata e, nella prima parte, piuttosto frammentata, ma tutto è raccontato con chiarezza. Gli spazi sono ben descritti così come il flusso temporale. Le motivazioni dei personaggi sono chiare e, di conseguenza, le loro azioni risultano naturali e coerenti. Un lavoro di scrittura solido che non prende scorciatoie e si carica quasi il rischio di annoiare all’inizio, ma che poi ripaga nella seconda parte della pellicola, dove le cose precipitano e tutto arriva alla sua naturale conseguenza. Ed è per questo che il film, pur essendo lungo e piuttosto complesso, scorre senza annoiare mai, dall’inizio alla fine.

La pellicola poi è popolata da un numero di personaggi davvero alto ed è sorprendente come i Russo abbiano saputo barcamenarsi con un rooster così ampio. Ci sono quelli che ormai conosciamo bene (gran parte degli Avenger più Falcon e War Machine), amici recenti che stiamo imparando a conoscere (Ant-Man) e un paio di facce nuove (Pantera Nera e Spider-Man), e tutti hanno il loro spazio dedicato, senza eccessive forzature o sacrifici.

Quindi, per farla breve, Civil War ha tutte quelle qualità che sono invece mancate a Dawn of Justice però, prima di accusare il film di Snyder, bisogna però dire che i Russo avevano dalla loro un grosso vantaggio: la lenta, progressiva e ragionata crescita dell’universo cinematografico Marvel. Cosa che gli ha permesso di non dover raccontare tutto quanto e tutto insieme, nella stessa pellicola (compito ingrato che invece è toccato al regista di BvS). Perché il maggior pregio, e il maggior limite, di Civil War è proprio questo: non è cinema autonomo. È il nuovo episodio di una serie televisiva ad alto budget che va in onda al cinema, invece che sullo schermo del nostro televisore.

cap-blckpanther-civilwar-copertina

Il fatto che i personaggi abbiamo una loro storia e una loro concretezza, che i rapporti tra di loro siano così strutturati, è merito degli “episodi precedenti”, non tanto del film in quanto tale. E lo stesso vale per la storia raccontata che, semplicemente, non avrebbe senso se prima non ci fossero stati tutti i film precedenti. Civil War è, in poche parole, la consacrazione di un concetto nuovo per il mondo del cinema, quello di un universo coerente e coeso, in fortissima continuity. Una cosa normale per un lettore di fumetti di supereroi, ma del tutto inedita per lo spettatore cinematografico.

Ma ora veniamo alla parte che vi interessa davvero, l’aspetto nerd della questione.

– Com’è Spider-Man?

Figo. Introdotto benissimo e a tutto tondo (lo vediamo sia nella sua quotidianità di Peter Parker, sia con il costume addosso) ed è bello a vedersi sullo schermo (anche se la resa della CG non è eccelsa).

– Com’è Pantera Nera?

Figo pure lui. Se conoscete il personaggio fumettistico, lo ritroverete al cento per cento, in tutta la sua maestosa dignità. Se non lo conoscere, sarete curiosi di farlo.

– Ci sono altri nuovi personaggi?

Sì e no. Diciamo che se siete esperti di Vendicatori, non dovreste far fatica ad anticipare la “mutazione” di un personaggio già noto.

spider-man-black-panther-civil-war-179335

– Quanto è bella Elizabeth Olsen?

Troppo. E in questo film ha un bello spazio.

– Clint Barton ha momenti in cui dimostrare di essere uno dei più fighi e sottovalutati personaggi Marvel?

Sì.

– Captain America e Iron Man si pestano davvero duri?

Eccome. E Cap è più che Cap che mai, ogni volta che si muove.

– La battaglia nel parcheggio dell’Ikea è davvero così misera come sembra nel trailer?

All’inizio sì. Sembra una rissa tra cosplay. Poi le cose prendono una piega diversa e diventa la migliore zuffa tra supertizi mai portata sullo schermo.

– Il film ha una stretta attinenza con le vicende del fumetto di cui porta il nome?

Quasi nessuna. Ma è logico: le premesse del Marvel Universe cinematografico sono radicalmente diverse da quello fumettistico e certi elementi non avrebbero avuto senso.

– È davvero una guerra civile o si tratta, piuttosto, di una litigata di condominio?

Se per “guerra civile” intendiamo una battaglia ideologica combattuta tra fratelli, allora sì, lo è. Se invece ci riferiamo a uno scontro di epiche proporzioni, no, non direi.

– Marisa Tomei è una AILF? (l’acronimo capitelo da soli)

Al 100%.

Per concludere: bello. Corposo. Divertente.

Non è davvero cinema, ma è godibilissimo intrattenimento, scritto, diretto, interpretato, al meglio. Andatelo a vedere senza indugi… ma solo se avete visto i capitoli precedenti, sia chiaro.

CAPTAIN AMERICA CIVIL WAR RECCHIONI

GUARDA LA VIDEORECENSIONE DI CIVIL WAR

LE 10 MIGLIOR SCENE POST-CREDITS DELL’MCU

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RIMANERE AGGIORNATI SU CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR!

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lucca C&G 2019 – Dal pilot di Batwoman all’anteprima di Summer of ’84 20 Ottobre 2019 - 20:00

Ormai manca pochissimo a Lucca C&G, ecco tutte le ultime novità dell'Area Movie, da Shinko e la magia millenaria a Summer of '84 al pilot di Batwoman

Secondo The Rock le riprese di Black Adam cominceranno nel luglio del 2020 20 Ottobre 2019 - 19:00

Le riprese di Black Adam cominceranno nell'estate del 2020, lo ha rivelato il suo interprete Dwayne Johnson su Twitter

Watchmen – Un nuovo spot con gli elogi della critica 20 Ottobre 2019 - 18:00

Il nuovo spot di Watchmen comprende gli elogi della stampa americana. Il debutto italiano della serie è atteso per questa notte in contemporanea con gli USA.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.