L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Street Fighter V: La Recensione

Street Fighter V: La Recensione

Di Fabrizio Tropeano

Non tutti i videogiochi sono uguali e conseguentemente scriverne una recensione può essere più o meno difficile. Ma dover valutare e giudicare un titolo come Street Fighter V è una sfida di livello indubbiamente “hard”. La ragione? Molto semplice: Capcom ha scelto una politica piuttosto particolare per SFV visto che  ha lanciato sul mercato un prodotto volutamente e chiaramente incompleto.

Molto probabilmente l’idea è quella di far rimanere il gioco girare su Playstation 4 (la versione da noi testata) e PC per molti mesi/anni a venire con il rilascio di nuovi contenuti (che dovrebbero essere tutti gratuiti o acquistabili anche la valuta di SFV che si ottiene semplicemente giocando e sbloccando obiettivi) in modo continuativo. Ecco quindi che il roster dei personaggi è volutamente e palesemente ridotto così come manca uno story mode già annunciato in uscita per maggio con una trama che, a detta del producer Yoshinori Ono, sarà più intricata di quella di Star Wars e con una durata intorno alle due ore.

Cosa si dovrebbe valutare dunque? Il prodotto disponibile al momento o quello che sarà completo solo in un prossimo futuro? Detto questo, per fortuna però ci sono delle certezze già ora: Street Fighter V è senza ombra di dubbio il miglior picchiaduro a duelli disponibile sul mercato con un giusto connubio di tradizione ed innovazione. Una formula sufficientemente diversa dai suoi predecessori per parlare di un reset delle capacità dei giocatori più esperti anche se questi ultimi, ovviamente avranno maggior facilità ad entrare nei meccanismi del gioco e diventarne nuovamente maestri. Tra combo, parate, barre varie da riempire, si può solo lodare la cura e l’attenzione riposta per innovare ma senza tradire il retaggio di una serie che ha fatto storia.

Street Fighter V al day one è soprattutto pensato ai giocatori “pro” o “hardcore” che dir si voglia tanto che in single player completare gli scenari di ogni personaggio (raccontati tramite miseri inframezzi statici veramente fuori dal tempo se pur realizzati dal disegnatore giapponese Bengus) richiederà una manciata di ore veramente ridotte e la modalità survival non fornisce particolare longevità e gusto. Il succo dell’esperienza di gioco è nello sfidare amici in carne ed ossa oppure tuffarsi nell’online dove grazie al cross play, tutti gli utenti del gioco sia su Playstation 4 e PC potranno sfidarsi in un unico grande “calderone”.

Come già scritto, il lavoro svolto da Capcom, è stratosferico. Il gioco è già ben bilanciato (anche se ovviamente nei giorni o settimane a venire verranno sistemate alcune limature), tecnico e preciso come vuole il lignaggio della serie. E’ ancora presto per affermarlo ma la sensazione che con SFV si sia andati anche oltre le già elevatissime qualità dei suoi predecessori, regalandoci un prodotto che diverrà termine di paragone per il genere di riferimento per molti anni a venire.

La realizzazione grafica non solo è un gran bel piacere per gli occhi ma contribuisce in modo marcato alla qualità ludica: 60 frames al secondo senza mai un esitazione ed un set di animazioni veramente sorprendenti rendono l’esperienza ludica straordinaria mentre la palette cromatica e l’appeal con cui sono stati realizzati i personaggi vecchi e nuovi lo rendono un prodotto da esaltare anche da un punto di vista tecnico. Peccato dover annotare un numero di scenari per i combattimenti piuttosto limitati e viene il legittimo dubbio che anche in questo caso ne arriveranno altri successivamente. Quelli presenti svolgono bene il loro mestiere di background e ci regalano dei begli scorci da ogni angolo del mondo.

Le musiche di accompagnamento sono di livello elevato, riuscendo a proporre sonorità molto diversificate fra loro ma sempre in empatia con la tipologia di scenario. L’interpretazione dei (pochi) dialoghi dei combattenti è pregevole. Manca il doppiaggio in italiano (nel nostro idioma ci sono i sottotitoli) ma potremo liberamente scegliere di ascoltare Ryu, Ken e soci in versione originale giapponese oppure in inglese.

Palesando nuovamente la difficoltà a recensire e valutare numericamente un prodotto non definitivo, non si può mettere in discussione l’elevatissima qualità di Street Fighter V, tanto da meritarsi un 9 pieno e che diventa sin da oggi il nuovo termine di paragone per il genere videoludico di riferimento. Se siete dunque appassionati della serie e dei picchiaduro in generale, l’acquisto deve considerarsi praticamente obbligato. Per gli altri invece, forse è il caso di aspettare i nuovi contenuti, in particolare lo story mode, di cui torneremo a parlarvi non appena Capcom lo renderà disponibile.

VOTO:  9

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Grand Army – Netflix mette a disposizione il primo episodio su Youtube 25 Ottobre 2020 - 18:00

A circa una settimana dall'uscita di Grand Army su Netflix, il primo episodio è disponibile gratuitamente su Youtube. La serie è tratta da una pièce teatrale di Katie Cappiello.

Titans promette novità su Red Hood per domani: ecco il teaser 25 Ottobre 2020 - 17:00

L'account Twitter di Titans ha pubblicato un brevissimo teaser che annuncia novità su Red Hood per la giornata di domani: vedremo la prima immagine di Jason Todd con il costume del vigilante?

Shang-Chi, il regista Destin Daniel Cretton annuncia la fine delle riprese 25 Ottobre 2020 - 16:00

Il regista Destin Daniel Cretton annuncia la fine delle riprese di Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings con una foto dal set.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).