L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Oscar 2016 – Le scene più divertenti della cerimonia

Oscar 2016 – Le scene più divertenti della cerimonia

Di Lorenzo Pedrazzi

CLICCATE QUI PER SCOPRIRE TUTTI I VINCITORI DEGLI OSCAR 2016!

Come da tradizione, la cerimonia degli Academy Awards non è stata avara di scene divertenti, a partire dal monologo d’apertura del conduttore, Chris Rock. Dopo settimane di polemiche sull’esclusione dei candidati neri dalle nomination, Rock ha ovviamente affrontato la questione con la consueta ironia, e dopo la proiezione di un montaggio con i film dell’anno, ha dichiarato:

Ho contato almeno quindici neri in quel montaggio!

Il comico ha inoltre rinominato gli Oscar come i «White People’s Choice Awards», e ha citato la posizione di Jada Pinkett Smith, che ha boicottato la cerimonia. Varie persone, fra l’altro, gli avevano consigliato di fare lo stesso:

Com’è che sono sempre le persone disoccupate a dirti di lasciare un incarico? L’ultima cosa di cui ho bisogno è perdere un altro lavoro in favore di Kevin Hart.

Inoltre:

Jada che boicotta gli Oscar è come me che boicotto le mutande di Rihanna: non sono stato invitato! E non è un invito che rifiuterei.

Anche Whoopi Goldberg ha citato il problema della discriminazione razziale: l’attrice ha interpretato una parodia di Joy, nel ruolo di una donna delle pulizie che lava i pavimenti sul set di QVC dove Jennifer Lawrence sta girando la promozione del suo mocio. La protagonista si fa prendere dal panico, e Whoopi Goldberg cerca di “rassicurarla”:

Forse un giorno realizzeranno un film su una ragazza bianca magrolina che ha inventato un mocio! Ovviamente una ragazza nera dovrà inventare una cura per il cancro prima che le dedichino un film televisivo.

Whoopi Goldberg fa una comparsata anche nella parodia di The Martian, dove Chris Rock prende il posto di Matt Damon nel ruolo dell’astronauta abbandonato su Marte. Purtroppo, però, Jeff Daniels e Kristen Wiig non sono disposti a spendere «2.500 dollari bianchi per salvare un astronauta nero», così fingono di non vederlo e se ne vanno a pranzo. «Io non mangio da giugno!» protesta Rock, e Whoopi Goldberg commenta:

Vedi? Te l’avevo detto che non ti avrebbero riportato indietro.

Tina Fey e Steve Carell hanno presentato le nomination per le Migliori Scenografie, e mentre Carell ha citato rigorosamente alcuni dei candidati, la grande autrice comica ha preso l’impegno meno sul serio: «La cosa dove vive un orso» ha detto in riferimento alle scenografie di The Revenant. O «La casa di… Tom Hanks?», in relazione a quelle de Il ponte delle spie. Infine, Carell ha giustificato la collega con lo stesso tono serioso:

Tina ha bevuto.

Louis C.K., incaricato di consegnare l’Oscar al Miglior Documentario, ci ha invece regalato una presentazione amara e ironica di questa categoria: i documentaristi, al contrario dei divi e dei registi hollywoodiani, non si arricchiscono con il loro lavoro. Da un lato può suonare come un monologo derisorio (e ha suscitato molte risate tra i ricchissimi ospiti della cerimonia), ma in realtà illumina lo sconfortante dislivello – soprattutto economico, ma anche di prestigio – tra chi fa intrattenimento e chi fa critica sociale.

Queste persone non diventeranno mai ricche. Quindi l’Oscar vuol dire moltissimo, perché tutto ciò che [i documentaristi] fanno è raccontare storie importanti… ora, lo fate anche voi, però voi vi arricchite. Ma queste persone… tutto ciò che hanno è questo Oscar, che viaggerà fino a casa sulle loro Honda Civic. Questo Oscar sarà la cosa più bella che avranno mai avuto nella loro vita. Gli provocherà un sacco di ansie, poiché dovranno conservarlo nel loro appartamento da due soldi.

Molto carino, infine, il siparietto con Jacob Tremblay e Abraham Attah, chiamati a consegnare («per ovvie ragioni», come dice Tremblay) il premio per il Miglior Cortometraggio in Live-Action. Chris Rock irrompe sulla scena per portare due piedistalli di legno, in modo che i due ragazzini possano arrivare più facilmente al microfono… ma Abraham Attah è già molto alto, quindi per lui è sufficiente un rialzo di pochi centimetri. Jacob Tremblay ringrazia Chris Rock ricordando la sua performance vocale in Madagascar:

Ti adoro in Madagascar. Lui fa la zebra, è fantastico!

LEGGI ANCHE:

oscar-highlights-louis-ck-today-160228_4a0d36b16d30f643f269966687da2e76.today-inline-large

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Fonte: The Hollywood Reporter

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Dreamland: Margot Robbie è una rapinatrice in fuga nel trailer 22 Ottobre 2020 - 20:15

La star di Birds of Prey è una rapinatrice in fuga nella Grande Depressione americana nel film diretto da Miles Joris-Peyrafitte

Lucca Changes – Il programma di J-POP MANGA, EDIZIONI BD ed Edizioni Dentiblù 22 Ottobre 2020 - 20:14

Ecco il programma di J-POP MANGA, EDIZIONI BD ed Edizioni Dentiblù per Lucca Changes, dagli eventi online ai campfire, alle novità editoriali

The Liberator: il trailer ufficiale della serie animata, dall’11 novembre su Netflix 22 Ottobre 2020 - 19:30

Netflix ha diffuso il trailer ufficiale di The Liberator, la nuova serie animata che racconterà la storia di Felix Sparks e della sua unità.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).