L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Oscar 2016 – Il discorso ecologista di Leonardo DiCaprio e la commozione di Kate Winslet

Oscar 2016 – Il discorso ecologista di Leonardo DiCaprio e la commozione di Kate Winslet

Di Lorenzo Pedrazzi

CLICCATE QUI PER SCOPRIRE TUTTI I VINCITORI DEGLI OSCAR 2016!

Per il sollievo dei suoi sostenitori (e in barba a tutti i meme che circolano su internet), Leonardo DiCaprio ce l’ha fatta: alla sua quinta nomination, ha vinto l’Oscar come Miglior Attore Protagonista per The Revenant, e il Dolby Theater di Hollywood gli ha tributato una standing ovation.

Nel suo discorso, DiCaprio ha sottolineato lo sforzo realizzativo di The Revenant, ringraziando anzitutto il suo «fratello in questa impresa», Tom Hardy, il cui «impetuoso talento sullo schermo può essere superato solo dalla sua amicizia fuori dallo schermo», e poi il regista Alejandro González Iñárritu, che ha «creato un’esperienza cinematografica trascendentale». L’attore, però, non ha dimenticato due cineasti a cui deve molto: Michael Caton-Jones, che lo scelse per Voglia di ricominciare, il suo primo ruolo importante sul grande schermo; e Martin Scorsese, a cui è legato da un lungo sodalizio artistico.

DiCaprio ha concluso il discorso con un tema che gli sta molto a cuore (e che dovrebbe stare a cuore a tutti), ovvero i cambiamenti climatici dovuti al surriscaldamendo globale, che peraltro hanno provocato varie difficoltà alla produzione di The Revenant, costretta a grandi spostamenti per cercare i giusti scenari innevati. L’attore ha chiuso il discorso esortando a supportare i leader che non parlano in nome delle grandi corporation, ma che difendono tutta l’umanità, comprese le popolazioni indigene del mondo e «quelle persone là fuori le cui voci sono state soffocate dalle politiche dell’avidità». Inoltre: «Non diamo questo pianeta per scontato. Io non do questa notte per scontata».

E mentre Leonardo DiCaprio dichiarava tutto questo, Kate Winslet – al coronamento della più grande storia d’amore platonico del cinema contemporaneo – lo guardava commossa e ammirata. Come diceva Liam Neeson in Love Actually: «We need Kate, and we need Leo. And we need them now».

Ecco il video del discorso:

LEGGI ANCHE:

leonardo dicaprio oscar

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Fonte: JustJared

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.