L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Indignation – La recensione dal Festival di Berlino

Indignation – La recensione dal Festival di Berlino

Di Andrea D'Addio

C’è un dialogo in Indignation che da sola vale la visione del film. Marcus Messner, la giovane matricola di un college nell’Ohio del 1955 spiega al suo rettore perché abbia deciso di cambiare alloggio e allontanarsi dalla camera condivisa con gli altri due compagni universitari, entrambi ebrei. Il decano non crede alle sue parole, pensa ci siano altre ragioni.

Non lo dice direttamente, ma lo insinua con domande a prima vista slegate tra loro, ma che il giovane capisce subito dove vogliano andare a parare. E così le anticipa, senza però dargli risposta, fermo nella convinzione che i suoi comportamenti devono seguire una morale che dovrebbe garantirgli la possibilità di non volere rendere tutto noto, anche quando la condivisione di certe informazioni non gli costerebbe nulla. In questo batti e ribatti, magistralmente sostenuto dalle interpretazioni di Logan Lerman e Tracy Letts, c’è l’essenza stessa della storia di Indignation, film di debutto James Schamus, già produttore e sceneggiatore in passato, spesso in collaborazione con Ang Lee. La pellicola è tratta da uno dei più bei romanzi di Philip Roth. Vi ricorrono tutti i temi cari allo scrittore americano: l’ebraismo, la frustrazione sessuale, l’educazione giovanile ed accademica e l’idealismo. Il tutto sullo sfondo di una guerra, quella in Corea, che a tratti sembra costituire solo un contesto storico, ma che sia nel libro che film è posta proprio all’inizio della trama. È il suo collegamento con quanto accadrà a Marcus Messner che giustifica il titolo: Indignazione. Per cosa? Per come va la vita. A volte – come dirà il padre del protagonista – anche il più insignificante errore può avere conseguenze inimmaginabili. E così, per quanto Marcus sia un ragazzo modello, retto, onesto e destinato – come gli dice il suo stesso rettore – ad un roseo futuro da avvocato, non è detto che questo basti.

Portare sul grande schermo un libro di Roth non è mai semplice. Trasformare in dialoghi ed immagini flussi di pensieri spesso in prima persona, in molti casi contraddittori tra di loro (è proprio la tortuosità del suo pensiero a renderne la lettura una delle più avvincenti da leggere nella letteratura contemporanea) necessita di un’opera di riscrittura non banale né scontata. Solo La macchia umana di Robert Benton (2003) è riuscita finora, e solo parzialmente, a non perdere molto del fascino della fonte originale. James Schamus fa un passo in più, ma senza eccellere. È credibile l’ambientazione anni ‘50, funzionano i personaggi e il continuo senso di inadeguatezza/superiorità del protagonista rispetto a tutto ciò che gli è intorno (l’università, la famiglia, l’epoca stessa) che trova nell’amore e nel sesso l’unica “tregua” da un senso del dovere troppo sviluppato, ma ci si sofferma troppo sulla storia d’amore, tralasciando tutto quel “restante” che rende la storia di Indignation degna di essere raccontata e portata con sé stessi per sempre, come il libro.

LEGGI ANCHE: FUOCOAMMARE, la recensione del film di Gianfranco Rosi

ScreenWEEK è anche su Facebook,Twitter e InstagramScarica la nostra APP “ScreenWeek TV” gratuitamente dagli store per non perderti nulla sul mondo del cinema.

CLICCATE NELLA NOSTRA SEZIONE FESTIVAL PER LEGGERE TUTTE LE RECENSIONI DA BERLINO.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Blade – I Marvel Studios cercano sceneggiatori per il film con Mahershala Ali 24 Ottobre 2020 - 18:00

Ultimamente si è parlato poco di Blade, ma The Hollywood Reporter segnala che i Marvel Studos sono alla ricerca di sceneggiatori per il film.

Mission Impossible 7: sospese le riprese a Venezia, casi di Covid-19 sul set 24 Ottobre 2020 - 17:04

Le riprese di Mission: Impossible 7 sono state sospese, ancora una volta. La produzione si era recentemente spostata a Venezia.

Ben Wheatley dirigerà il sequel di Shark: Il primo squalo 24 Ottobre 2020 - 17:00

Sarà Ben Wheatley a dirigere il sequel di Shark: Il primo squalo, ispirato al secondo romanzo della saga letteraria di Steven Alten.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).