L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Death House: le principali icone horror riunite in un film stile Mercenari

Death House: le principali icone horror riunite in un film stile Mercenari

Di Filippo Magnifico

Immaginate un film che racchiude le principali icone del cinema horror. Un sogno per moltissimi appassionati che molto presto diventerà realtà. Proprio così, il progetto si intitola Death House e si può benissimo definire una versione da brivido de I Mercenari, la saga che racchiude le più importanti star del cinema action.

I nomi coinvolti sono Robert Englund (Nightmare), Michael Berryman (Le colline hanno gli occhi), Kane Hodder (Venerdì 13, Hatchet), Dee Wallace (L’ululato), Bill Moseley (Non aprite quella porta – Parte 2, La Casa dei 1000 Corpi, La Casa del Diavolo), Barbara Crampton (Re-Animator), Doug Bradley (Hellraiser), Ken Foree (Zombi, Le Streghe di Salem), Camille Keaton (I Spit on Your Grave), Don Shanks (Halloween 5). A loro si aggiunge il mitico Danny Trejo, icona dei B-Movie grazie e protagonista indiscusso della saga Machete.

Non vi basta? Sappiate, allora che il film è stato scritto da Gunnar Hansen, attore famoso per aver interpretato il Leatherface originale nel film horror del 1974 Non aprite quella porta, scomparso lo scorso novembre. Dietro la macchina da presa troveremo invece Harrison Smith (Zombie Killers: Elephant’s Graveyard).

gunnar leatherface   Cerca con Google

Questa la sinossi.

Death House è l’Area 51 del male. Una struttura governativa sotterranea che racchiude il peggio dell’umanità su 9 livelli. L’Inferno, il nono livello dantesco, contiene i Cinque Mali, le stelle oscure di Death House. Individui talmente atroci da non poter più camminare con noi, che in alcuni casi possiedono poteri sovrannaturali. Gli agenti Toria Boon e Jae Novak, che nascondono un oscuro passato, arrivano a Death House per un visita, per osservare da vicini i suoi abitanti e gli orribili esperimenti condotti dai medici Eileen Fletcher e Karen Redmane, che ricordano quelli dei medici nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Le celle della prigione sono ambienti virtuali con scenari olografici che ricordano ambienti familiari dei carcerati e uno speciale gas allucinogeno li mantiene sotto controllo. Gli scienziati si servono di barboni, trasformati in carne da macello, per studiare le abitudini dei serial killer. L’inferno si scatena nel momento in cui un dispositivo di EMP esplode, togliendo energia elettrica, tagliano le comunicazioni con l’esterno e liberando ogni prigioniero. Boon, Novak e Fletcher si ritrovano a dover fronteggiare orde di prigionieri guidati dall’occultista neo-nazista Sieg. Per salvarsi dovranno scendere al nono livello ed evocare i Cinque Mali.

Un’idea che, in più di un punto, ricorda Quella Casa nel Bosco, anche se il regista ha citato come punti di riferimento Distretto 13 – Le brigate della morte (per la crudezza), la saga di Saw (per il gore) e Jurassic Park (per l’azione). L’uscita del film è prevista per il 2017.

Da sottolineare l’assenza del grande Bruce Campbell, protagonista di pellicole storiche come La Casa e L’armata delle tenebre, recentemente tornato alla ribalta grazie alla serie televisiva Ash Vs Evil Dead.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Fonte: Movieweb

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Songbird: il Covid è mutato nel trailer del film prodotto da Michael Bay 29 Ottobre 2020 - 18:41

Il film con K.J. Apa e Sofia Carson è una storia d'amore sullo sfondo di una Los Angeles devastata dalla pandemia

Christian Bale è arrivato in Australia per le riprese di Thor: Love and Thunder 29 Ottobre 2020 - 18:29

Christian Bale è arrivato in Australia per prepararsi alle riprese di Thor: Love and Thunder, che dovrebbero iniziare il prossimo gennaio.

Blade: Marvel voleva una serie TV, ma poi è arrivato Mahershala Ali 29 Ottobre 2020 - 18:00

L'attore ha rivelato che prima del suo ingresso nel progetto, Marvel stava considerando di rilanciare il cacciatore di vampiri in TV

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).