L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Deadpool – La recensione in anteprima

Deadpool – La recensione in anteprima

Di Leotruman

LEGGI ANCHE: SCOPRI TUTTO SU DEADPOOL, DAL FUMETTO AL FILM

LA RECENSIONE NON CONTIENE SPOILER

Era uno dei film di supereroi più attesi di sempre, nonostante non fosse popolare nell’immaginario collettivo come Hulk o Spider-Man. Il boxoffice ha dato però ragione a Deadpoole la nicchia dei fan del mercenario chiacchierone che dal 1991 (la sua testata nacque poi nel 1997), unita ad una delle campagne promozionali più divertenti e originali degli ultimi anni, è riuscita a far incassare al film oltre 300 milioni di dollari in pochi giorni in tutto il mondo, cifre da Supereroe di serie A.

Diciamolo subito: il successo di Deadpool non è il frutto di una mera operazione commerciale, ma deriva principalmente dal fatto che si tratta di… un gran film!

Wade Wilson (Ryan Reynolds) inizia la sua carriera come mercenario, e in seguito alla scoperta di un cancro terminale accetta la possibilità di salvarsi sottoponendosi a degli esperimenti che vorrebbero attivare i geni mutanti intrinseci. L’esperimento riesce, ma il fattore rigenerante si lega indissolubilmente alle cellule tumorali, conferendo a Wade un aspetto orribile e spaventoso, ma rendendolo estremamente forte, quasi immortale. I suoi stessi neuroni vengono affetti da una rigenerazione troppo accelerata, risultando in un disturbo di personalità plurimo che vira imprevedibilmente dalla lucida intelligenza tattica alla pazzia insensata più brutale.

Terrorizzato di farsi vedere in quello stato dal grande amore della sua vita Vanessa (nel film interpretata da Morena Baccarin), andrà in cerca dell’uomo che l’ha trasformato in Deadpool, il sadico Ajax (Ed Skrein), insieme a improbabili alleati mutanti direttamente dalla scuola di Xavier, Colosso e Testata Mutante Negasonica, per recuperare il suo aspetto “normale”. Ma Deadpool ormai è tutto fuorché normale…

deadpool-record-copertina

Tim Miller confeziona a sorpresa un cinecomic con un budget di circa un terzo, se non un quarto dei suoi fratelli maggiori (58 milioni di dollari la cifra dichiarata da Fox). Non nasconde il fatto di essere un B-Movie, con scene d’azione semplici ma ben dirette, poca CG, una trama molto lineare, alternata da qualche sapiente flashback per ricostruire il suo passato.

Non è quindi la storia a “rapirci” e conquistarci, ma il modo in cui è stata ricreata. L’equilibrio tra l’umorismo metacinematografico proprio del fumetto, la violenza R-Rated, l’azione e i folli dialoghi dell’antieroe Marvel per eccellenza, è perfetto. Miller non sbava mai, e riesce ad alternare i vari fattori in gioco senza mai stancare, ripetersi o annoiare.

Quanto a prodotto che mescola azione e comedy R-Rated, siamo sullo stesso piano dei riuscitissimi Kingsman e dei vari film della coppia Lord-Miller (21 Jump Street & Co.), ma come film di supereroi è la versione a budget minore di Guardiani della Galassia, con un mattone posizionato sul pedale della follia.

È vero che è collegato e fa parte all’universo cinematografico degli X-Men (è tratto da un fumetto Marvel, ma ricordiamo: NON fa parte dell’MCU e non è prodotto dai Marvel Studios), ma libero dalla pesantezza che ha afflitto recenti casi come Avengers: Age of Ultron, dove i collegamenti di trama con gli altri capitoli cinematografici costituivano una pesante zavorra, il film si è potuto trasformare in quello che realmente dovrebbe essere un film di supereroi: divertimento puro e intrattenimento spensierato.

L’R-Rated in questo caso non è il fine, ma il mezzo e l’ennesima dimostrazione che quando un progetto viene creato con grande libertà artistica, fiducia e un obiettivo ben preciso, tutti ne guadagnano: il team creativo, il pubblico e lo stesso studio (vedi gli indimenticabili casi del primo Avengers o di Guardiani della Galassia).

Speriamo che il successo di Deadpool possa salvare l’universo cinematografico degli X-Men, e garantirgli una nuova rotta a lungo termine visto che nei prossimi anni sono molti i problemi all’orizzonte con la fine della saga di Wolverine (Hugh Jackman appenderà gli artigli con il prossimo film), i problemi contrattuali degli “attori mutanti” dopo X-Men: Apocalisse, e il flop dei nuovi Fantastici 4. Se con Gambit faranno un nuovo centro, si può sperare in un roseo destino per i nostri cari mutanti, perché la lotta con MCU e DCEU stava diventando impietosa.

Deadpool rientra senza dubbio nella Top-5 dei migliori cinecomic mai realizzati, ed è il secondo migliore dopo X-Men 2 nell’universo cinematografico dei mutanti prodotto da Fox. Curiosissimo di come realizzeranno il secondo capitolo con un budget ben più elevato.

ATTENZIONE: DOPO L’IMMAGINE DISCUSSIONE SPOILER SU DOVE SI SVOLGE SCENA FINALE… 

deadpool-psa-cover

SPOILER!

A meno di dichiarazioni ufficiali, che forse non arriveranno mai perché sarebbe un’ammissione di colpa, sembra proprio che la battaglia finale avvenga… su un Helicarrier semidistrutto, di quelli caduti alla fine di Captain America: The Winter Soldier. È una sorta di portarei, vediamo le ventole laterali, ci ricorda in tutto e per tutto un Helicarrier, ma non è abbastanza riconoscibile per sembrarlo ufficialmente.

Ricordiamo che Fox non ha i diritti di sfruttamento commerciali degli Avengers, dello S.H.I.E.L.D. e degli Helicarrier stessi, e questa sembra essere l’ennessima strizzatina d’occhio nei confronti dei Marvel Studios. Una beffa-non beffa, che non dovrebbe tradursi in un’azione legale o simili, ma degna di Deadpool stesso!

Se avete visto il film, che ve ne sembra? Secondo voi è un Helicarrier oppure no?

Nelle sale italiane a partire dal 18 febbraio, la regia di Deadpool è affidata all’esordiente Tim Miller (Silicon Valley), sulla sceneggiatura di Rhett Reese e Paul Wernick (Benvenuti a Zombieland e G.I.Joe – La vendetta). Il protagonista Wade Wilson è interpretato da Ryan Reynolds, mentre la sua innamorata Vanessa ha il volto di Morena Baccarin (Gotham e Homeland). Nel cast, anche Ed Skrein (il “primo” Daario Naharis di Game of Thrones) nel ruolo del cattivo Ajax, T.J.Miller nel ruolo di Weasel, migliore amico di Wade, Brianna Hildebrand nel ruolo di Testata Mutante Negasonica, Stefan Kapicic nel ruolo dell’X-men Colosso e Gina Carano in veste di Angel Dust.

CLICCA SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE PER SCOPRIRE TUTTO SUL CINECOMIC


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Free Guy – Una featurette dedicata a Taika Waititi 30 Luglio 2021 - 13:45

Taika Waititi interpreta Antwan, l'antagonista di Free Guy, e la nuova featurette è dedicata proprio a lui. L'uscita del film è attesa per l'11 agosto.

Waterworld: in arrivo una serie TV sequel del film 30 Luglio 2021 - 13:00

L'idea è quella di ambientare la serie vent'anni dopo il film e incentrarla sugli stessi personaggi. Dan Trachtenberg (10 Cloverfield Lane) la dirigerà

Batgirl: J.K. Simmons in trattative per tornare nei panni di James Gordon 30 Luglio 2021 - 12:28

L'attore potrebbe riprendere il ruolo del Commissario di Gotham City nel film incentrato sulla figlia del personaggio, Barbara Gordon

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.