L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Xena – Il reboot è stato affidato a uno degli autori di Lost

Xena – Il reboot è stato affidato a uno degli autori di Lost

Di Lorenzo Pedrazzi

Sta prendendo forma il reboot di Xena – La Principessa Guerriera, cult televisivo degli anni Novanta che, a dispetto delle sue sfumature anacronistiche e kitsch, si affermò come un vero e proprio fenomeno di costume, emblema del femminismo e dell’emancipazione delle donne sul piccolo schermo. La NBC ci sta lavorando da alcuni mesi, ma ora The Hollywood Reporter segnala che il progetto è stato affidato a Javier Grillo-Marxuach, noto per aver fatto parte della squadra di Lost. Lo sceneggiatore di origini portoricane ha scritto però anche vari episodi di Streghe, Medium, Helix e altre serie tv, ed è un veterano della televisione statunitense.

Javier Grillo-Marxuach sarà anche produttore esecutivo del reboot, insieme a Rob Tapert e Sam Raimi (produttori dello show originale) con la loro Ghost House Pictures. Non ci sono dettagli sulla storia, ma la NBC intende proporre una rilettura moderna di Xena, coerente con il gusto contemporaneo. Non a caso, il network sta cercando un’attrice dotata sia del carisma di Lucy Lawless sia dell’arguzia di Katniss Everdeen, la protagonista di Hunger Games, poiché i produttori vogliono che questa Xena sia una “supereroina” intelligente e sofisticata per la nuova generazione.

xena-

Il debutto della serie – ammesso che la NBC decida di ordinarla – potrebbe avvenire già nel 2016. Lucy Lawless al momento non è coinvolta, ma c’è da dire che siamo solo agli albori del progetto: sia il network sia lo stesso Rob Tapert (suo marito) potrebbero proporle un cameo, o magari un ruolo secondario nello show, nel caso venisse realizzato.

Vi terremo aggiornati, e vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema.

Fonte: Collider

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

David Duchovny entra nel cast del reboot di Giovani streghe – The Craft 17 Ottobre 2019 - 9:15

Anche David Duchovny, il mitico Fox Mulder, è entrato nel cast di The Craft il reboot del fim degli anni novanta Giovani Streghe

Bojack Horseman – Il trailer italiano della stagione 6 17 Ottobre 2019 - 8:34

Il trailer della sesta (e ultima) stagione di Bojack Horseman è disponibile anche in versione italiana. La prima parte uscirà il prossimo 25 ottobre.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.