L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
New York Film Critics – Carol vince come miglior film, regia, fotografia e sceneggiatura

New York Film Critics – Carol vince come miglior film, regia, fotografia e sceneggiatura

Di Marlen Vazzoler

Si è da poco concluso l’annuncio su Twitter dei vincitori dell’edizione 2015 del New York Film Critics Circle, uno dei maggior gruppi di critici americani.

Ennio Morricone è stato premiato con un lo Special Awards per il suo lavoro in The Hateful Eight di Quentin Tarantino. A sorpresa il premio per la miglior attrice è andato a Saoirse Ronan (Brooklyn) che ha ricevuto anche una nomination ai British Independent Film Awards. Michael Keaton invece è stato premiato come miglior attore protagonista.

Carol di Todd Haynes si porta a casa quattro premi: miglior film, miglior regia, miglior fotografia (Edward Lachman recentemente premiato al Camerimage, aveva già vinto lo stesso premio nel 2002 con Far From Heaven sempre dello stesso regista), miglior sceneggiatura (Phyllis Nagy).

Kristen Stewart ottiene la sua prima nomination della stagione, con il suo ruolo nel film di Olivier Assayas, Sils Maria che le aveva fatto vincere il Ceasar come miglior attrice non protagonista. Anche il film di Steven Spielberg, Il ponte delle spie, ottiene la sua prima nomination per l’attore inglese Mark Rylance come miglior attore non protagonista.

In Jackson Heights, uscito dalla corsa per la cinquina degli Oscar, è stato qui premiato. Anomalisa rimane a bocca asciutta, il premio per il miglior lungometraggio animato va a Inside Out confermando il giudizio della National Board of Review.

sils-maria-kristen-stewart

MIGLIOR FILM

Carol

MIGLIOR ATTORE

Michael Keaton, Spotlight

MIGLIOR ATTRICE

Saoirse Ronan, Brooklyn

MIGLIOR REGISTA

Todd Haynes, Carol

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Kristen Stewart, Clouds Of Sils Maria

MIGLIOR FILM STRANIERO

Timbuktu (Mauritania)

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Mark Rylance, Il ponte delle spie

MIGLIOR FILM ANIMATO

Inside Out

MIGLIOR SCENEGGIATURA

Phyllis Nagy, Carol

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Edward Lachman, Carol

MIGLIOR OPERA PRIMA

Il figlio di Saul

MIGLIOR DOCUMENTARIO

In Jackson Heights regia Frederick Wiseman

SPECIAL AWARD

Premio postumo che onora l’eredità di William Becker e della Janus Films

SPECIAL AWARD 2

Ennio Morricone, The Hateful Eight

Vi invitiamo a seguire i nostri canali ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Predator 5 – Dan Trachtenberg smentisce i rumor sul titolo 31 Luglio 2021 - 13:00

Il regista Dan Trachtenberg lascia intendere che Skull sia il titolo di lavorazione di Predator 5 (prequel della saga), non quello ufficiale.

Venom: La furia di Carnage – Nuova occhiata a Carnage grazie a una statua dei cinema IMAX 31 Luglio 2021 - 12:00

Una statua promozionale di Venom: La furia di Carnage ci permette di dare un'occhiata più esaustiva al design del brutale supervillain.

Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli – Il nuovo poster e le cover di Empire 31 Luglio 2021 - 11:00

È disponibile il poster ufficiale italiano di Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli, insieme alle copertine del prossimo numero di Empire.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.