L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Steve Jobs – La recensione del film di Danny Boyle

Steve Jobs – La recensione del film di Danny Boyle

Di Leotruman

Una figura particolare come quella di Steve Jobs non poteva avere un biopic classico o banale. Ci hanno provato già una volta con Jobs (quello con Ashton Kutcher) e il risultato è stato fallimentare, e solo Aaron Sorkin poteva condensare la vita di un complesso, eccentrico e geniale uomo quale il fondatore della Apple Computer.

Quello che è ritenuto uno dei migliori sceneggiatori di sempre, già premio Oscar con il bellissimo The Social Network, ha preso la lunga biografia ufficiale scritta da Walter Isaacson, e l’ha trasformata in un tesissimo dramma composto da tre atti. Quaranta minuti ciascuno, ambientati rispettivamente nel 1984, 1988 e 1998 prima dei keynote di presentazione di tre prodotti: Apple Macintosh, NeXT e l’iMac.

Narrati in tempo reale, raccontano di eventi veri o verosimili accaduti nella vita di Steve Jobs in altri momenti, e riescono a riassumere rapporti decennali, anche molto complessi, tra Jobs e alcune e figure chiave della sua vita. Ci bastano tre scene con Jeff Daniels per comprendere in modo eccellente e per nulla riduttivo il rapporto tra Jobs e John Sculley, l’uomo che licenziandolo dalla Apple dopo averla creata, gli ha permesso effettivamente di maturare e trasformarsi nel genio completo che ha rivoluzionato diversi ambiti del mondo della tecnologia e dell’intrattenimento.

Stesso discorso per le sequenze con Seth Rogen (Steve Wozniak), che riassumono con poche taglienti battute, sguardi e pause una lunga relazione complessa, burrascosa e di rispetto reciproco: quella tra Jobs e il co-fondatore della Apple, così simili e diversi allo stesso tempo. Kate Winslet interpreta invece Joanna Hoffman, la responsabile marketing della Macintosh e unica delle poche persone ad aver saputo tener testa a Jobs per anni senza finire in manicomio, mentre Michael Stuhlbarg è Andy Hertzfeld, uno degli sviluppatori originali della Apple. La vera perfezione si raggiunge però riuscendo a mostrare al pubblico il rapporto con la figlia Lisa nelle fasi della sua crescita, una bambina rifiutata per molti anni, e divenuta fonte di ispirazione mai ammessa in modo esplicito per Jobs.

fassbender-jobs-comparisonDue ore che riescono realmente a darci un’idea completa di Steve Jobs, del suo carattere difficile (se non impossibile), del suo modo di ragionare, delle sue ossessioni e di tutto quello che gli ha permesso di entrare ufficialmente nell’olimpo di geni indimenticabili che hanno lasciato la propria impronta indelebile nel nostro mondo.

Il merito è ovviamente anche di Michael Fassbenderimpressionante nel ruolo di Jobs e solo all’apparenza così diverso nell’aspetto fisico. Nei due atti ambientati negli anni ’80, il candidato all’Oscar per 12 Anni Schiavo riesce ad incarnare il fascino che aveva Steve in quell’epoca, nella quale ricordiamo era popolare e “maledetto” come una rock star. Perfetta la trasformazione poi nel guru che tutti abbiamo ben impresso, il “nuovo” Jobs con jeans e dolcevita nero, che ci ha lasciato prematuramente nel 2011 dopo una lunga malattia.

Ma chi era Jobs? Era davvero così geniale pur non avendo mai creato effettivamente nulla con le proprie mani, come molti detrattori gli contestano?

La risposta è “certo”. Steve Jobs era un grande regista, con una mente, una personalità e un modo di ragionare che gli hanno permesso di concentrarsi sul presente mentre teneva due occhi puntati sul futuro: qualcosa di normalmente impossibile, ma con la “distorsione della realtà” riusciva a farlo fare anche agli altri. Selezionando le giuste figure, e focalizzando le proprie energie in battaglie solo apparentemente inutili (in particolare nell’ambito di sistema operativo e design), ha portato alla luce prodotti innovativi che sono andati incontro a quello che effettivamente i consumatori volevano in modo fino ad allora inconsapevole (“La gente non sa cosa vuole finché non glielo mostri” era uno dei suoi motti). Se non è genialità questa…

Un ruolo molto simile a quello del regista cinematografico, proprio come quello che ha avuto Danny Boylegià premiato agli Academy con il suo The Millionaire e autore di grandi cult quali Trainspotting. Avere a disposizione i migliori attori al mondo, una sceneggiatura da Oscar e un reparto artistico e tecnico impeccabile non sono necessariamente sufficienti alla realizzazione di un gran film. È il regista, con la sua sensibilità e la sua visione, a dirigere e imporre sugli altri il proprio pensiero, a volte ascoltando consigli e a volte respingendoli con fermezza, per creare il miglior prodotto possibile.

E tra un iPhone e questo splendido “Steve Jobs” in 122 minuti, non vi è molta differenza in questo senso…

steve jobs michael fassbender

QUI GUARDATE LA NOSTRA INTERVISTA A DANNY BOYLE, REGISTA DEL FILM

Steve Jobs farà il suo ingresso nelle sale italiane il 21 gennaio 2016, in contemporanea con la corsa agli Oscar.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV e ScreenWeek NEWS per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Doctor Strange 2 – Ci sarà un cameo di Ghost Rider? [RUMOR] 13 Maggio 2021 - 13:00

Gli ultimi rumor sostengono che Doctor Strange in the Multiverse of Madness includerà un cameo di Johnny Blaze, alias Ghost Rider.

Mortal Kombat: il film dal 30 maggio su Sky Cinema e in streaming su NOW 13 Maggio 2021 - 12:47

Mortal Kombat, la nuova trasposizione cinematografica della famosa serie videoludica, arriverà in Italia in prima assoluta il 30 maggio su Sky Cinema uno alle 21.15 e in streaming su NOW.

La serie This Is Us terminerà con la stagione 6 13 Maggio 2021 - 12:00

Il creatore di This Is Us Dan Fogelman aveva in più di un’occasione anticipato che la serie sarebbe finita con la stagione 6 e ha recentemente ribadito la cosa nel corso di un’intervista.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.