L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Il Canto della Rivolta 2 – Il finale di Hunger Games con Jennifer Lawrence presentato a Berlino

Il Canto della Rivolta 2 – Il finale di Hunger Games con Jennifer Lawrence presentato a Berlino

Di Andrea D'Addio

«Lo straordinario successo dell’intera saga di Hunger Games? Quattro anni fa, forse non ci avrei creduto come poi effettivamente è stato, ma ero convinta del valore del materiale altrimenti non avrei mai detto di sì». All’Hotel de Rome di Berlino per la presentazione di Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 2, Jennifer Lawrence si presenta totalmente vestita di bianco, top di velo con ricami e candida longuette. Il capello biondo fino alle spalle con tanto di frangia sul lato destro della fronte esalta i suoi occhi azzurri. A vederla così curata nel look fin nei minimi dettagli (chi scrive la intervistò la prima volta nel 2008 al Festival di Venezia), l’oggigiorno venticinquenne attrice del Kentucky sembra ormai diventata “donna” così come la Kantniss che interpreta nel film.

Non ha perso la sua carica di spontanea simpatia che non bada troppo alle formalità. Già prima dell’inizio dell’incontro la si sente parlare a voce alta da dietro la porta della sala. Sta scherzando con il resto del cast su “Julie”. Non solo. Qualche minuto più tardi, nonostante tutti gli attori siano schierati accanto a lei, con telecamere e flash dei fotografi pronti ad immortalare qualsiasi loro gesto, chiederà alla sua collega Elizabeth Banks di andarle alle spalle per aggiustarle il reggiseno probabilmente troppo stretto. La sua più grande sfida sul set è stata di tipo squisitamente attoriale:

«Abbiamo girato Il canto della rivolta come un unico film, ma il mio personaggio cambia molto tra la parte 1 e la 2. Solo nel secondo accetta suo ruolo di Ghirlandaia, prima non si sentiva genuina. Non è stato facile passare indistintamente, anche lo stesso giorno, dall’una all’altra, senza perdere credibilità».

IMG_0963

Più difficile interpretare la leader di una rivolta o una donna che decide di ritirarsi con il proprio compagno? «La leader. Essere carini e amorevoli viene più naturali anche se sul set ero piuttosto emozionata visto che ad interpretare uno dei due bambini è mio nipote».

Possibile uno spin-off futuro di Hunger Games?

«Se Susan Collins ha voglia di scrivere ancora un capitolo, si decidesse di farne un film e la produzione mi volesse, sarei ben felice di partecipare».

Josh Hutcherson ha le idee chiare rispetto alla possibilità di interpretare ancora una volta Peeta.

«Lo farei, e questo nonostante i capelli biondo platino che mi sono stati imposti durante tutta la saga. Appena girato l’ultimo ciak li ho tagliati. Sono stati l’unica cosa che non mi è piaciuta di questa esperienza. La sfida più grande? Camminare con le manette. È difficile non perdere l’equilibrio».

Willow Shields, l’attrice che interpreta Primrose, la sorella di Katniss, è ancora emozionata:

«Sono attrice e allo stesso tempo fan dei film. Ho l’età di buona parte del suo pubblico. Riuscire a rispettare il libro senza perdere niente è stata una grande soddisfazione, forse la più grande a cui potessi ambire stando da questa parte della questione».

Per Jena Malone:

«Quando è stato gridato l’ultimo ciak ho avuto un po’ la paura che non avessimo detto tutto ciò che c’era da dire e che appariva nel libro. A vederlo ora però mi ricredo. Penso abbiamo fatto un ottimo lavoro».

The-Hunger-Games-Mockingjay-Part-1-Trailer-Donald-Sutherland-as-President-Coriolanus-Snow

Nonostante una carriera iniziata più di cinquant’anni fa, anno 1962, Donald Sutherland è orgoglioso di aver fatto parte di Hunger Games:

«Credo che di questi film si parlerà a lungo, hanno la capacità di parlare al pubblico più giovane, di muoverli e appassionarli alla politica come pochi altri lavori contemporanei dedicati ai teenager sono riusciti a fare. Spero che provochi in loro ciò che a me provocò la visione di Orizzonti di gloria di Stanley Kubrick nel 1959. Bisogna tornare a discutere di politica. Se oggigiorno non parlassimo di rifugiati e cambiamenti climatici saremmo delle persone morte, morte dentro».

Lui però non si è mai visto impegnato attivamente in politica.

«Se lo facessi sarei più cattivo di Snow. No, a parte gli scherzi, non ho mai pensato di candidarmi. Se chiedeste a mia moglie la mia capacità nel prendere decisioni capireste perché non ci abbia mai pensato».

Liam Hesmworth (Gale) appare abbastanza taciturno: «Alcune scene d’azione sono state dure, ma in generale è stata una splendida avventura». Sulle riprese a Berlino parla all’unisono con Sam Claflin (Finnick): «Siamo stati qui in Germania durante l’estate in cui hanno vinto la coppa del mondo. È stato emozionante. Abbiamo passato splendidi pomeriggi in bici per il Tiergarten e Tempelhof». Natalie Dormer (Cressida) riesce persino a esaltare il meteo berlinese: «L’inverno ad Atlanta era stato duro, le settimane a Berlino si sono rivelate eccezionali». Per Julianne Moore il film non è stato “energeticamente” dispendioso come per gli altri membri del cast «A parte parlare, ho solo alzato e abbassato le braccia, ma è stata una bella esperienza e il film è molto bello». Per lei come per gli altri membri del cast rivedere Philip Seymour Hoffman sul grande schermo è sempre emozionante: «Soprattutto tanta malinconia».

hungergames-finalposter-copertina

Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 1 è uscito nelle nostre sale lo scorso 20 novembre. A questo link trovate la pagina Facebook ufficiale italiana. Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 2 uscirà nei cinema italiani il 19 novembre.

CORRI SU DISTRETTO 13 E ISCRIVERTI PER SCALARE LA CLASSIFICA, OTTENERE BADGE E MOLTO ALTRO! CLICCA SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E PREMI SEGUI, PER RIMANERE AGGIORNATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL FILM!

Vi invitiamo a seguire i nostri canali ScreenWeek TV e ScreenWeek NEWS per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema.

Fonte: ScreenWeek

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Jonathan Glazer dirigerà un film sull’Olocausto 24 Ottobre 2019 - 1:10

Alla produzione la A24.

Zosia Mamer raggiunge Kaley Cuoco nella serie The Flight Attendant 24 Ottobre 2019 - 0:56

Il progetto andrà sul canale streaming HBO Max.

Antlers: un nuovo, terriricante trailer per l’horror prodotto da Guillermo del Toro 23 Ottobre 2019 - 21:30

Ecco un nuovo, inquietante trailer di Antlers, l'horror prodotto da Guillermo del Toro e diretto da Scott Cooper, in arrivo nelle nostre sale nel 2020.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – UFO 23 Ottobre 2019 - 12:00

UFO, la storia di come il papà dei Thunderbirds ha immaginato un futuro pieno di parrucche viola.

Galline in Fuga 2: il sequel del film Aardman sta per diventare realtà! 22 Ottobre 2019 - 15:30

Galline in Fuga 2, sequel del film animato in stop-motion del 2000, è entrato ufficialmente in fase di post-produzione! La Aardman riuscirà a riportare in auge il brand, oppure si tratta di un tentativo fuori tempo massimo?

7 cose che forse non sapevate su Hello Sandybell! 22 Ottobre 2019 - 10:00

La cugina giapposcozzese di Pippi Calzelunghe, Lost in Translation e gli schiaffi da censura. Sette curiosità su Hello Sandybell.