L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 2, la nostra recensione

Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 2, la nostra recensione

Di Leotruman

LA RECENSIONE NON CONTIENE SPOILER.

“In un mondo dove la televisione si sta rivelando sempre più il nuovo cinema, per la qualità crescente delle produzioni così come la possibilità di innovare ad un costo più contenuto e con minori rischi, il pubblico è sempre più abituato al concetto di serialità. Quella cinematografica è sempre esistita, e non bisogna di certo imputare la “colpa” alla saga di Harry Potter o a Peter Jackson per l’atto di dilatare emozioni (e attese). Il fatto è che vogliamo tutto subito, ma allo stesso tempo non vogliamo mai che qualcosa finisca. Lionsgate è solo l’ultimo degli studios ad aver affrontato questo duplice desiderio con una soluzione dalla duplice finalità: quella di monetizzare il più possibile un proprio prodotto ormai in fase terminale, e allo stesso tempo di darsi più tempo e spazio per realizzare il miglior adattamento possibile che possa gratificare fan e pubblico.”

Esattamente un anno fa, in occasione dell’uscita di Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 1cercavo di giustificare così la scelta di Lionsgate di dividere il finale della saga in due capitoli, e sono parole che a dodici mesi di distanza confermo anche con Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 2da oggi nelle sale italiane (anche nel formato 3D, inedito per la saga).

Francis Lawrence e gli autori hanno potuto in questo modo dare la giusta conclusione ad una saga che meritava un finale non sbrigativo, e che permettesse al pubblico di assaporare e meglio comprendere il drastico cambio di rotta avvenuto al termine del secondo, magnifico, capitolo: La Ragazza di Fuoco.

Hunger Games Il Canto Della Rivolta Parte 2 Jennifer Lawrence Mahershalalhashbaz Ali Liam Hemsworth Foto Dal Film 01

La saga si divide ora quindi in due metà, ognuna composta da due capitoli: gli Hunger Games e la Rivolta.

Il Canto della Rivolta, strutturato nei suoi due segmenti che si collegano in modo diretto, senza tagli o prologhi, complessivamente è un’opera più complessa, nella quale le scene d’azione sono poche ma potenti, i dialoghi intensi, e le performance, in particolare quella di Jennifer Lawrence, memorabili. Il tutto unito ad elementi di grande attualità, che la distopia e gli elementi fantasy solo apparentemente allontanano dal sua realismo.

Katniss continua il suo percorso di trasformazione da eroina involontaria a ribelle coscienziosa del proprio ruolo di simbolo. La rivolta si è trasformata ora in vera e propria guerra contro la tirannia del presidente Snow, e la battaglia si sposta prima al Distretto 2 e poi nelle strade di Capitol City.

Gli Streteghi e Snow stesso non hanno però deciso di issare bandiera bianca così velocemente come ipotizzato dai ribelli: attivano tutta una serie di trappole, chiamate “baccelli“, seminate ad ogni angolo della città. Disumane e terribili armi di distruzione, varie per natura e follia, che decimano i soldati del Distretto 13 e della Panem ora riunita.

Katniss, Gale e la loro squadriglia avanzano metro dopo metro, in un tunnel di orrori che garantisce al pubblico un tasso di angoscia e terrore superiore alla media della saga. Si arriva poi al finale, drammatico e intenso in ogni suo aspetto, che fa riflettere e pone la parola fine ad una saga matura e dal taglio inedito nel panorama dei blockbuster di intrattenimento.

the-hunger-games-mockingjay-part-2-jennifer-lawrence-elizabeth-banks-600x400

Le tematiche infatti sono sempre variegate e molto mature per essere, e non dimentichiamo, un prodotto a target Young Adult. L’adattamento delle pagine del romanzo in immagini è ancora una volta è molto convincente, per scelte e narrazione. Continua ad essere molto fedele, per la gioia dei fan, e i cambiamenti sono intelligenti e non turbano.

Il cast e la recitazione sono costantemente ad alti livelli. Jennifer Lawrence si conferma la miglior attrice della sua generazione, così come Josh Hutcherson e il suo travagliato Peeta. Un piacere immenso rivedere il compianto Philip Seymour Hoffman sullo schermo, che affianca un’algida e misurata Julianne Moore. Poco spazio questa volte per i personaggi secondari, che compaiono per brevi sequenze (come Gwendoline Christie): questo è il capitolo di Katniss, dedicato a lei in primis, alla sua essenza e alle sue scelte.

I difetti del film, che sono principalmente quelli del romanzo, così come un ritmo altalenante, ma più incalzante rispetto alla Parte 1, si perdonano facilmente a fine visione. La saga si conclude in modo degno, e ancora una volta non abbiamo assistito ad un “semplice spettacolo”. Grazie Hunger Games.

hunger games cover_opt

Vi invitiamo a seguire i nostri canali ScreenWeek TV e ScreenWeek NEWS per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema.

Hunger Games: Il Canto della Rivolta – Parte 2 esce oggi nei cinema italiani, anche nel formato 3D.

CLICCA SULLA SCHEDA PER VOTARE HUNGER GAMES E SCOPRIRE TUTTE LE CURIOSITA’ SUL FILM

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Il mago di Oz: Kenya Barris scriverà e dirigerà il reimaging 17 Agosto 2022 - 0:27

Warner Bros. ha affidato a Kenya Barris, il creatore di Black-ish, la scrittura e la regia di The Wizard of Oz

Wolfgang Petersen è morto: addio al regista di La Storia Infinita e La tempesta perfetta 16 Agosto 2022 - 21:24

Il cineasta tedesco Wolfgang Petersen, regista di pellicole come La Storia Infinita, Air Force One e La tempesta perfetta, è morto a Los Angeles, all'età di 81 anni.

Crystalline Resonance Final Fantasy: anche il Italia il concerto ispirato alla saga 16 Agosto 2022 - 21:00

Square Enix festeggia il 35esimo anniversario della sua saga più famosa con uno speciale tour concertistico, Crystalline Resonance Final Fantasy.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.