L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Batman Arkham Knight: La Recensione per PC

Batman Arkham Knight: La Recensione per PC

Di Fabrizio Tropeano

Batman Arkham Knight a fine giugno di quest’anno, ha settato su Playstation 4 ed Xbox One molti parametri in fatto di qualità grafica, narrazione, gameplay. Senza troppi giri di parole, la produzione di Warner Bros e Rocksteady è stata un successo assoluto di critica e pubblico.

Le cose però, purtroppo, non sono andate così anche su PC: il lavoro di porting effettuato da un team esterno fu disastroso in fatto di fluidità, qualità visiva e quant’altro tanto che una buona parte degli utenti trovò l’esperienza praticamente ingiocabile tanto da far ritirare il prodotto sul mercato.

bak_sshot154_jpg_1400x0_q85

Dopo 4 mesi di lavoro, Warner ha deciso di ripubblicare il videogame, chiedere scusa agli utenti che lo hanno acquistato in prima battuta regalandogli una serie di videogames di Batman o confermando la possibilità di chiedere il rimborso se ancora non soddisfatti.

Dobbiamo dire però che la nostra esperienza si è rivelata semplicemente entusiasmante. Abbiamo provato a “smanettare” un pò con le opzioni grafiche scoprendo però che in realtà l’autodetect svolge al meglio il suo compito. Unico elemento che abbiamo modificato è il frame rate a 60 fps (su console è a 30) e questo rende Batman Arkham Knight un’esperienza di gioco e visiva ancora più convincente su PC come dimostra il filmato di seguito.

Per ottenere questo risultato, il nostro PC si mantiene a metà strada tra i requisiti minimi e consigliati (16 giga di ram, processore Intel Core i7-4790 @ 3.60 GHz, scheda video con chipset NVidia GeForce GTX 750), rendendo quindi fruibile a grossa parte degli utenti un’esperienza di gioco a dir poco maestosa. Ovviamente con PC di fascia alta sarà possibile ulteriormente aumentare la magnificenza visiva che già così (se si esclude l’assenza del V-Sync) è al pari delle versioni console ma con il doppio dei frames al secondo.

Per il resto, Batman Arkham Knight su PC conferma tutto quello che di bello avevamo già visto su Playstation 4 e così anche il voto (tralasciando ovviamente i problemi precedenti): 10. A distanza di quattro mesi dalla sua prima uscita, il videogame rimane mostruosamente superiore in OGNI aspetto a qualsiasi altro titolo per certi versi similare uscito in precedenza: troppo meravigliosa la lunga esperienza che definire di gioco sarebbe riduttivo, troppo il gap messo da Rocksteady anche con un certo Grand Theft Auto 5 da un punto di vista del gameplay in un free roaming per avere alcun dubbio sulla votazione anche oggi.

bak_sshot100_jpg_1400x0_q85

Messo in chiaro questo, per analizzare la produzione di Warner Bros, è utile prendere in considerazione i due aspetti portanti di Batman Arkham Knight, sapientemente mescolati nelle circa 20 ore necessarie per concludere al 100% il videogame.Da una parte infatti abbiamo quella che probabilmente è la migliore trama mai inserita all’interno di un videogame.

Emotiva, geniale, profonda, originale sono i termini che meglio descrivono un intreccio ricco di colpi di scena dalle prime ore di gioco fino all’agognato finale. Mai scontata, mai banale, studiata fino al minimo dettaglio per essere apprezzata da chiunque, senza per forza dover essere fan dell’uomo pipistrello (questi ultimi ovviamente gradiranno ancora di più tutte le citazioni e tutte le sfumature presenti).

Non meno convincente è il gameplay di BAK. Partendo dalle eccellenti basi dei precedenti Batman Arkham, un mix di action, picchiaduro ed adventure in grado di proporre un’esperienza di gioco straordinaria e al servizio delle caratteristiche peculiari di un personaggio come il Cavaliere Oscuro, la grande novità è stata la Bat Mobile.

1401802722-1_jpg_1400x0_q85

Inizialmente bisogna prendere le misure ai comandi particolari del mezzo meccanico capace di trasformarsi con un click da simil auto a simil carro armato ma presa questa minima dimestichezza, sarà estasiante girare per le strade di Gotham pullulante di criminali di vario ordine e grado. Non si era mai visto un sandbox (o free roaming che dir si voglia) così convincente anche nell’utilizzo dei mezzi a motore, regalandoci una precisione nei comandi degni di un racing “puro”.

Oltre alla rivoluzione copernicana della Bat Mobile (che spesso è protagonista anche di vari enigmi da risolvere), Rocksteady ha inserito altre modifiche relativamente minori ma apprezzabilissimi come alcune scazzottate da affrontare in team con un alleato di Batman come Robin e Nightwing. In realtà la novità è principalmente estetica ma vi assicuriamo che la resa è veramente estasiante.

1397616514-5_jpg_1400x0_q85

Anche il level design è stato variegato al punto giusto da non risultare mai eccessivamente reiterato con variazioni sul tema che arrivano sempre al punto giusto, che si tratti della storia principale o delle varie “sidequest” che risultano sempre di altissimo livello. Abbiamo anche avuto modo di provare alcuni dei DLC scaricabili e se pur non all’altezza dell’avventura principale, risultano molto divertenti e capaci di allungare l’esperienza di gioco per molto altro tempo (ed altre uscite sono previste nei prossimi mesi).

Dell’aspetto tecnico abbiamo ampiamente parlato all’inizio in merito all’opera di ottimizzazione su PC: dalla versione console si confermano gli effetti luce, meteo, ed una cura nella realizzazione di personaggi e ambientazioni che non conoscono sbavature di sorta e che si pongono all’apice di quanto visto fino ad oggi. Qualcuno potrebbe obiettare sulla caratterizzazione fumettistica e meno realistica di altre produzioni ma stiamo parlando… di Batman!

2008_tumbler_batmobile_pack_1442916415_jpg_1400x0_watermark_q85

Lo stesso si può dire della colonna sonora, non solo in perfetta empatia con l’azione su schermo ma ricca di composizioni sinfoniche struggenti e qualitativamente degne di un lungometraggio cinematografico dell’Uomo Pipistrello. La localizzazione in italiano, tranne qualche piccola sbavatura, è tra le migliori mai ascoltate in un videogame.

Volendo trovare i classici peli nell’uovo, Marco Balzarotti è a suo agio interpretando Batman ma ha tipiche dinamiche interpretative più da cartoon che da film, mentre sono molto cinematografiche (e più apprezzabili secondo l’opinione di chi vi sta scrivendo) le interpretazioni di alcuni dei principali villain del gioco. Comunque se vorrete, potrete giocare con i dialoghi in inglese ed i sottotitoli in italiano. Aspetto comunque minimale di fronte all’incredibile e memorabile esperienza di Batman Arkham Knight PC che dopo una lunga attesa, è finalmente memorabile anche in ambiente Windows. 

VOTO: 10

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

American Gods: Neil Gaiman conferma la stagione 3 a gennaio 27 Ottobre 2020 - 18:59

La nuova stagione della serie Starz arriverà a inizio 2021

La sorella di Jamie Foxx è morta, il toccante messaggio dell’attore 27 Ottobre 2020 - 18:48

Con un post su Instagram, Jamie Foxx ha annunciato la morte della sorella DeOndra, scomparsa a 36 anni.

John Carpenter pubblica una nuova canzone e annuncia l’arrivo di Lost Themes III: Alive After Death 27 Ottobre 2020 - 18:45

John Carpenter ha annunciato che il 5 febbraio 2020 arriverà un nuovo album: Lost Themes III: Alive After Death. Ecco una nuova canzone.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).