L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Crimson Peak – La recensione in anteprima del film di Guillermo Del Toro

Crimson Peak – La recensione in anteprima del film di Guillermo Del Toro

Di Leotruman

New York, inizio ‘900, alta società. La giovane Edith (Mia Wasikowska), aspirante scrittrice, porta con sé il trauma della madre deceduta e inquietanti allucinazioni, che la rendono diversa dalle altre ragazze. Thomas Sharpe (Tom Hiddleston), affascinante uomo d’affari, riesce a conquistare il cuore della ragazza proprio perché accetta quello che è, senza costrizioni o limiti. Quando il padre di Edith, alla quale la ragazza era legatissima, muore improvvisamente, Edith non si trova ad avere scelte e sposa Thomas per trasferirsi a Crimson Peak, dove l’uomo vive con la sorella Lucille (Jessica Chastain) in un’enorme dimora vittoriana, spaventosa e piena di segreti. Sarà l’inizio di una travagliata storia di amore, ossessione e gelosia, e di un incubo che sembra non avere fine.

Guillermo Del Toro è un regista particolare, se non unico nel panorama cinematografico. Il suo talento, così come il suo genio visionario e narrativo, non sono mai stati messi in discussione, eppure ha avuto una carriera travagliata, caratterizzata anche da un discreto grado di sfortuna (anzi, chiamiamola proprio sfiga!). Nel 2006 è sul tetto del mondo dopo aver convinto tutti con Hellboy e vinto tre Oscar con il suo Il Labirinto del Fauno, per poi successivamente vedersi annullato un progetto dopo l’altro. Dovette cedere la regia de Lo Hobbit a causa dei ritardi produttivi, gli cancellarono film come Alle montagne della Follia (quando lo realizzerà, sarà certamente la sua Cappella Sistina), soffiati dalle mani adattamenti di Frankenstein, Van Helsing, Pinocchio, La Bella e la Bestia, per non parlare degli attuali ritardi nella lavorazione di Pacific Rim 2 e nello sviluppo di un nuovo Hellboy.

Eppure Del Toro non si è mai lasciato scoraggiare, ed è sempre apparso solare e ottimista. Nella fase più buia ha trovato conforto nella collaborazione con la Dreamworks Animation, per poi iniziare una solida collaborazione con Legendary Pictures, tra le più importanti case di produzione al mondo, che ha garantito piena fiducia al regista messicano.

Crimson Peak

Solo Guillermo Del Toro poteva avere via libera per realizzare un kolossal gotico-romantico da 60 milioni di dollari di budget, per di più R-Rated in patria (vietato ai minori di 17 anni non accompagnati), e ringraziamo lo studio per averglielo permesso e per avergli lasciato carta bianca!

Crimson Peak è infatti un film che trasuda Del Toro in ogni inquadratura. Sfogliandolo come un libro, si può notare come contenga tutte le passioni dell’autore. Partendo dalle letterarie, si va da Frankenstein a Cime tempestose, c’è molto Edgar Allan Poe, per non parlare della protagonista, ricalcata come una novella Mary Shelley. Per le cinematografiche, non mancano Mario Bava e Dario Argento per stile di violenza e colori, così come i classici della Hammer Films, il tutto condito da una messa in scena impeccabile. Fotografia, scenografie e costumi non potranno che ricevere la candidatura al premio Oscar.

Il film però non è un mero collage di riferimenti e stili, e ci presenta anche idee originali di Del Toro. La stessa protagonista è un’eroina attiva, che usa intelletto e astuzia per far luce lei stessa sui misteri della casa e della famiglia, così come i fantasmi, diversi (non solo per la realizzazione tecnica) nell’essenza rispetto a quanto abituati. Crimson Peak è quindi omaggio al genere e film a sé stante nello stesso tempo.

Il cast è a dir poco perfetto e funziona con grande alchimia. La pallida Mia Wasikowska interagisce e forma un’incredibile coppia di opposti insieme all’affascinante Tom HiddlestonL’inquietante Jessica Chastain è splendida e feroce, mentre Charlie Hunnam (già protagonista di Pacific Rim e prima scelta come Christian Grey) è un mostro di eleganza. Del Toro si prende i suoi tempi per presentare i vari personaggi, e non ha paura di far entrare nel vivo il film solamente a metà pellicola con l’arrivo nella casa. Non vi aspettate però elementi di grande spavento: Crimson Peak è più una fiaba dark che un vero e proprio horror. Difficilmente si crea una tensione palpabile, ed è l’atmosfera a farla da padrona, surreale quanto irrealistica (per i colori carichi) e appunto fiabesca, che più che permettere di immedesimarci “semplicemente” ci trasporta nel mondo creato da Guillermo Del Toro, da vivere completamente od occhi spalancati.

Crimson Peak

Quello in cui pecca forse il film è che, nonostante l’incredibile e suggestiva confezione, manchi di qualcosa di memorabile. La scelta di Del Toro di puntare principalmente su alcuni elementi porta ad un certo grado di prevedibilità degli eventi, perché la sceneggiatura depurata da tutto appare piuttosto convenzionale (ma allo stesso tempo solida), lasciando la sensazione di un certo potenziale sprecato, che avrebbe trasformato Crimson Peak da buon film a capolavoro memorabile del genere.

In ogni caso una visione sul grande schermo di Crimson Peak, pellicola tecnicamente e stilisticamente impeccabile, con un cast di grandissimi interpreti, è imperdibile, perché una produzione tanto coraggiosa e particolare da parte di una major è ormai un fatto più unico che raro in questo mondo di sequel, reboot e franchise.

Voto: 7+

La sceneggiatura di Crimson Peak è stata scritta dal regista insieme a uno dei suoi più fedeli collaboratori, Matthew Robbins, ormai diversi anni fa, poco dopo Il labirinto del fauno. Il film uscirà nelle sale italiane il 22 ottobre. Cliccando QUI troverete la pagina Facebook italiana.

CLICCA SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE PER SCOPRIRE TUTTO SUL MONDO DI CRIMSON PEAK.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Arnold Schwarzenegger si vaccina: “Venite con me se volete vivere!” 21 Gennaio 2021 - 10:30

L'ex governatore della California ha citato battute di Terminator e Una promessa è una promessa per esortare gli americani a vaccinarsi contro il Covid

Inauguration Day: Tom Hanks presenta Celebrating America, guarda lo speciale televisivo 21 Gennaio 2021 - 10:23

L’Inauguration Day di Joe Biden e Kamala Harris si è da poco concluso oltreoceano con lo speciale televisivo Celebrating America, presentato dal Premio Oscar Tom Hanks e con le esibizioni di Bruce Springsteen, Foo Fighters, Demi Lovato, Justin Timberlake, John Legend, Jon Bon Jovi e Ant Clemons.

Black Widow – L’uscita del film potrebbe slittare ancora 21 Gennaio 2021 - 9:45

Un nuovo articolo di Variety lascia intendere che l'uscita di Black Widow - attualmente prevista per maggio - potrebbe slittare ancora.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.