L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Danish Girl – Presentato a #Venezia72 il film di Tom Hooper con Eddie Redmayne

The Danish Girl – Presentato a #Venezia72 il film di Tom Hooper con Eddie Redmayne

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La recensione di The Danish Girl

The Danish Girl è stato presentato in concorso alla 72ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove il regista Tom Hooper e i protagonisti Eddie Redmayne e Alicia Vikander hanno parlato del film, chiarendo l’esigenza di raccontare la storia di Einar Wegener alias Lili Elbe, la prima transessuale della storia.

Einar era un pittore (come sua moglie Gerda), e Tom Hooper sottolinea l’importanza dell’arte nel film:

Credo che la bellezza ci possa salvare, questa storia lo dimostra. L’arte può salvare il mondo.

Anche l’amore ha un’importanza fondamentale: il regista sottolinea come sia proprio l’amore a rendere possibile l’accettazione del cambiamento, poiché Gerda aiuta Einar a far emergere la sua identità femminile, anche a costo di perdere suo marito. Naturalmente, questo discorso riguarda anche molte altre questioni contemporanee, e Hooper cita il dramma dei rifugiati che si stanno riversando sulle coste europee: la soluzione, per lui, è rintracciabile sempre nell’amore.

Spero che il film mostri come sia possibile che amore e compassione favoriscano l’inclusione. L’amore tra Gerda e Einar è sincero, e rende possibile l’accettazione.

Il regista dichiara che il “cattivo” della storia è il dualismo, l’imposizione sociale di dover necessariamente distinguere tra due sessi. Oggi, però, il termine “transgender” prevede uno spettro molto ampio di possibilità, e non è più così necessario ricorrere alla chirurgia; il dualismo è stato superato. Sulla scelta di Eddie Redmayne per il ruolo di protagonista (invece di un vero transgender), Hooper afferma che “è stata istintiva”, e che il lavoro con lui si è concentrato sulla transizione graduale da Einar a Lili; inoltre, Redmayne aveva già interpretato dei ruoli femminili, quindi possedeva il curriculum adatto. Ciononostante il regista sottolinea che ci sono molti attori trans di ottimo livello, ma tuttora faticano a entrare nel mondo del cinema, quasi inaccessibile per loro.

thedanishgirl-conferenza

Lo stesso Redmayne si dichiara entusiasta del film:

La cosa interessante è che, quando Tom mi ha dato la sceneggiatura, non sono riuscito a dire nient’altro se non che fosse la miglior sceneggiatura che avessi mai letto.

L’attore, colpito da una storia d’amore così appassionata e profonda, ha aspettato per anni che il film venisse realizzato (Hooper gliene parò già nel 2008); poi, quando finalmente ha ricevuto il copione, ha capito che il film aveva un grande valore istruttivo. Per lui, recitare nella parte di Lili era “un sogno che si realizzava”, anche perché ha incontrato molti esponenti della comunità transgender, e interpretare la loro icona storica è stata un’opportunità straordinaria. Redmayne precisa di essersi confrontato con transgender di generazioni diverse, poiché la vicenda di Einar è situata in un periodo storico molto preciso, dove non esistevano esperienze precedenti di questo tipo. L’attore, in particolare, cita una coppia di Los Angeles con cui si è consultato, e che ha risposto a ogni sua domanda:

La loro esperienza e il loro impegno mi hanno galvanizzato.

Redmayne si augura che in The Danish Girl emerga l’empatia con Einar, fondamentale per capire le sue scelte e la sua sofferenza.

Anche Alicia Vikander è stata colpita dalla straordinarietà di questa storia:

Sono stata attratta dall’aspetto straordinario di questa storia d’amore, una storia d’amore di due persone ma anche su come amare gli altri e se stessi.

L’attrice ha apprezzato il personaggio di Gerda per la sua natura all’avanguardia, in grado di precorrere i tempi: è un’artista, ha un suo lavoro che la rende indipendente, ha una mentalità molto aperta.

Ho trovato in Gerda una donna che sa amare qualcun altro più di se stessa.

Vikander dice che vorrebbe tanto avere queste stesse caratteristiche, ma Tom Hooper la rassicura:

Le hai anche tu.

danish_opt

Presentato in concorso alla 72ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, è The Danish Girl, The Danish Girl uscirà nelle sale italiane il 4 febbraio. Troverete maggiori informazioni sulla pagina facebook ufficiale.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI THE DANISH GIRL!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.