L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Straight Outta Compton, la recensione del film sugli N.W.A.

Straight Outta Compton, la recensione del film sugli N.W.A.

Di Lorenzo Pedrazzi

Sono trascorsi quasi trent’anni dall’ascesa degli N.W.A., ma le tensioni razziali in seno agli Stati Uniti sono ancora le stesse, e gli abusi della polizia continuano a restare impuniti. Anche per questa ragione, Straight Outta Compton arriva proprio nel momento giusto, come se volesse rinfrescare la memoria storica di un paese che non riesce a venire a patti con la sua natura multietnica, dove la maggioranza bianca – soprattutto quella benestante e privilegiata – si limita a indignarsi e urlare allo scandalo, senza penetrare nel cuore del problema. Il regista F. Gary Gray sembra capirlo con lucidità ammirevole, e costruisce un film che bilancia ottimamente le due “anime” della storia: da un lato c’è la vicenda intima di Ice Cube, Dr. Dre, Eazy-E, MC Ren e DJ Yella, fratelli di strada che consacrano il successo definitivo del rap come primo genere musicale realmente postmoderno; e dall’altro c’è il contesto sociale in cui si muovono le loro carriere, e che reagisce ai loro testi con una violenza di stampo fisico, politico e verbale.

Straight Outta Compton

Straight Outta Compton non edulcora nulla, non ammorbidisce le origini o i comportamenti dei rapper per renderli più appetibili al pubblico di massa; al contrario, adotta una narrazione scalpitante e furibonda come le rime di Ice Cube e MC Ren, scorrendo fluidamente per quasi due ore e mezza senza mai un attimo di pausa, simile al flow dei pezzi rap. La sceneggiatura ne celebra la creatività, ricca non solo di invenzioni linguistiche e retoriche, ma anche di rimediazioni musicali che attingono al nostro immaginario popolare, con una consapevolezza estremamente più marcata rispetto agli altri generi. L’aggressività dei testi nasce dalle esperienze quotidiane del “ghetto”, dove il gruppo (provocatorio sin dal nome: N.W.A. significa Niggaz With Attitude) coglie il disagio di un’umanità emarginata, costantemente sottoposta alle minacce della criminalità e all’arroganza della polizia, che compie retate e arresti senza alcuna giustificazione. Come diceva David Foster Wallace in Signifyng Rappers, “nel rap hardcore l’ideologia nasce sempre da un episodio o da una condizione ben precisa, e la rabbia, dunque, da una causa, la minaccia da qualche forma di provocazione riconoscibile”. Il paradosso, ben illustrato dal film, è che tali canzoni hanno avuto successo proprio tra i rampolli di quella popolazione bianca privilegiata che mai si sognerebbe di addentrarsi nel ghetto: “l’autentico rap hardcore” continua Wallace, “offre agli ascoltatori bianchi un accesso genuino, di prima mano, alle condizioni di vita e di morte e allo stato d’animo di una comunità americana sul vero e proprio orlo dell’im-/esplosione, una nuova, ripugnante subnazione che siamo stati finora abituati a evitare, a respingere ai margini, addirittura a non vedere, se non attraverso certi filtri deliberatamente astratti e attenuanti”.

2

Straight Outta Compton ritrae tutto questo con una limpidezza sorprendente, alternando il quadro generale (le ritorsioni di polizia ed FBI, le denunce dei politici, le proteste dei benpensanti) all’esplorazione del rapporto privato tra i membri del gruppo: come nel cinema del primo Spike Lee, è l’opportunismo del potere bianco – incarnato dal Jerry Heller di Paul Giamatti – a corrompere la genuinità della creazione artistica e la solidarietà fra “reietti”, provocando lacerazioni dove un tempo c’era armonia. La regia nervosa di F. Gary Gray assorbe l’energia giovanile del cast e si adatta alla tempra delle canzoni originali, con particolare focalizzazione su Boyz N Tha Hood, Fuck tha Police e ovviamente la stessa Straight Outta Compton, senza indulgere in giudizi paternalisti: le sfumature misogine o criminose non sono oggetto di condanna o di assoluzione, ma fanno semplicemente parte della cronaca, ed è lo spettatore a dover trarre le sue conclusioni. L’efficacia “mimetica” delle performance attoriali fa il resto, soprattutto grazie alle ottime prove di Corey Hawkins e O’Shea Jackson Jr..
Da vedere.

Straight Outta Compton

L’uscita italiana di Straight Outta Compton è fissata a giovedì 1 ottobre.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Namor e Attuma nei promo art di Black Panther: Wakanda Forever 3 Luglio 2022 - 10:00

Trapelano on-line i promo art di Namor e Attuma in Black Panther: Wakanda Forever, ma quale sarà il loro ruolo nel film?

Box Office Italia: Elvis non molla la prima posizione 3 Luglio 2022 - 9:36

Elvis continua a rimanere in testa. In seconda posizione troviamo Top Gun: Maverick. Completa il podio il film Pixar Jurassic World: Il Dominio.

I 60 anni di Tom Cruise nei suoi 5 ruoli più importanti 3 Luglio 2022 - 9:23

Nel giorno del suo compleanno, andiamo a vedere in quali film “Maverick” Mitchell ha dato il meglio di sé come attore.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.

Guida pratica alle serie Marvel ex Netflix (ora su Disney+) 30 Giugno 2022 - 9:01

Daredevil, Jessica Jones e le altre: cosa recuperare delle serie Marvel un tempo di Netflix, ora che sono disponibili su Disney+.