L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Non essere cattivo – La recensione del film di Claudio Caligari #Venezia72

Non essere cattivo – La recensione del film di Claudio Caligari #Venezia72

Di Lorenzo Pedrazzi

Che decidiate di considerarlo come il “testamento” di Claudio Caligari oppure no, Non essere cattivo è sicuramente una sintesi della sua poetica e dei temi che gli stavano a cuore sin dall’esordio con Droga che fare, nel 1976.

La storia di Cesare e Vittorio, eredi dei “ragazzi di vita” pasoliniani, si svolge nella Ostia degli anni Novanta, in un contesto precario dove i piccoli crimini s’intrecciano al consumo di svariate droghe, tutte facilmente reperibili dai più giovani. Cambiano i vizi autodistruttivi, ma le condizioni restano le stesse: i protagonisti vivono ai margini della società, campano di espedienti e cercano di proteggere al meglio la propria sfera affettiva (come Cesare con la figlia di sua sorella, morta di AIDS). L’amore e un lavoro onesto offrono qualche vaga possibilità di riscatto, ma spesso non bastano, e le vecchie tentazioni sono dure a morire.

Non essere cattivo Luca Marinelli Alessandro Borghi foto dal film 5

Caligari pedina i suoi personaggi con dolcezza e ironia, valorizzando anzitutto gli scorci di umanità che si palesano nelle loro azioni, e poi il lieve umorismo grottesco che talvolta ne consegue. Memore di quell’epoca in cui l’assenza di valori della Generazione X era oggetto di dibattito sui media istituzionali, il regista evidenzia l’isolamento della provincia, il degrado di un ambiente che influenza i suoi abitanti (e non viceversa), lo smarrimento post-adolescenziale di due ragazzi cresciuti con un antico senso di lealtà, dal carattere quasi arcaico. Alcune soluzioni possono apparire gratuite o un po’ stucchevoli, forse persino vetuste, ma nel film di Caligari si avverte una fedeltà innata nei confronti di questi personaggi e del loro contesto sociale, anche quando il racconto si fa impietoso.

Non_essere_cattivo_Luca_Marinelli_Silvia_D'amico_foto_dal_film_3

Non c’è paternalismo nel suo sguardo, né retorica d’accatto. Non essere cattivo ha l’onestà di scendere nelle strade con i suoi ragazzi, accompagnandoli in un percorso dall’esito duplice. La narrazione è frammentaria come le vite incerte dei protagonisti, le cui sorti si sviluppano in modo coerente alle loro scelte, seppure con qualche passaggio un po’ affrettato. Ma la prospettiva su questa realtà instabile si conferma estremamente lucida, così come la doppiezza dei sentimenti: i “figli” rischiano di ripetere gli errori dei “padri”, ma solidarietà e fratellanza possono rompere il circolo vizioso.

Un film ruvido e intenso, figlio del decennio in cui è ambientata la trama, ma ancora valido e attuale.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.