L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Inside Out – La recensione del RRobe

Inside Out – La recensione del RRobe

Di Roberto Recchioni

inside-out

Se si prendessero in esame i singoli elementi di Inside Out, il nuovo film della Disney/Pixar, diretto da Pete Docter e Ronnie del Carmen, verrebbe quasi da dire che non c’è niente di nuovo sotto il sole. Il soggetto ruota attorno alla solita idea della Pixar di dare un’incarnazione antropomorfa a dei concetti astratti o a degli oggetti inanimati. Senza stare a parlare della serie di Toy Story, vale almeno la pena citare due splendidi corti animati come Day & Night e Blue Umbrella per far capire quanto Lasseter e soci siano frequenti in questo ambito. Questa volta a essere presi in esame sono i vari aspetti che compongono la personalità di un essere umano e come questi si sviluppino dalla nascita fino all’età adulto. Per raccontarlo, gli sceneggiatori si sono affidati a un altro canovaccio classico in casa Pixar, quello del buddy-buddy movie: due conflittuali protagonisti costretti a viaggiare insieme e obbligati a confrontarsi l’uno con l’altro per poter andare avanti. Se avete visto il secondo capitolo del già citato Toy Story o Up! non farete fatica a capire di cosa sto parlando.

Per quello che riguarda la regia, anche qui, si va sul tradizionale: meravigliosamente fluida e tremendamente classica. Tutto è raccontato con chiarezza, ritmo ed eleganza. Senza mai esagerare in nessun senso. Stesso discorso vale per design dei personaggi e del mondo che li circonda, che sia dal punto di vista tecnico, sia dal punto di vista immaginifico, non sono veramente nulla di nuovo pur rappresentando comunque uno standard di eccellenza.

Ma allora, se tutto è così “normale”, perché qualsiasi critico che ha parlato di questa pellicola l’ha descritta come il ritorno della Pixar ai suoi altissimi fasti dopo alcuni anni di appannamento?

Perché lo è.

Perché non sono i singoli aspetti del film a determinarne l’esito artistico ma la maniera in cui quei singoli aspetti collaborino l’uno con l’altro, integrandosi l’uno con l’altro, per creare qualcosa di completamente unico e diverso da tutto il resto, esattamente come i vari aspetti della personalità della piccola protagonista di unisco per dare vita alla sua identità di essere umano irripetibile. In questo senso, la parte narrativa del film assume un livello di meta-testo, raccontandoci la struttura del film stesso e rivelandocene il suo senso più profondo.

In poche parole: è bello. Bello tanto. E la potremmo chiudere qui. Ma giusto per diletto, mi provo a portare almeno quella che se non è una critica, è perlomeno una perplessità.

Il film è un film per adulti. Ai bambini piaceranno “i pupazzi” e i colori e tutto l’aspetto dinamico delle sequenze, ma di fatto questo è un film che parla principalmente a un pubblico maturo. E questa è una cosa buona, sia chiaro. Ci sono un sacco di ottimi film d’animazione per bambini, in giro, è bello che ogni tanto ci sia anche qualche opera che si rivolga a un pubblico sopra i dieci anni.

Però, proprio per questa ragione, non può non balzare all’occhio l’enorme omissione di cui la pellicola si macchia. Sarò brevissimo: come detto, Inside Out parla delle varie sfere che compongono la nostra identità, dandogli un aspetto antropomorfo e calandole in una sala controlli che è la rappresentazione del nostro io. C’è la felicità, la rabbia, la paura, la tristezza, il disgusto.

Inside Out Piacere Roberto Recchioni

E basta. Manca la sfera del piacere. Un’assenza che farebbe venire un coccolone al signor Freud, che tanto ha insistito sull’influenza della sfera sessuale, sin dalla nascita, nello sviluppo dell’identità.

Adesso, il perché di questa omissione è evidente: perché Inside Out è un cartone animato e nella percezione del grande pubblico i cartoni animati sono per bambini e tante famiglie porteranno i loro piccoli a vedere questo film, nonostante non sia pienamente fruibile per loro.

Però è un peccato, perché il film non è affatto sciocco e trova vie raffinate e potentissime per raccontare con le immagini dei concetti estremamente complessi, e questa menomazione risalta ancora di più proprio per la validità dell’opera nella sua interezza. Peccato.

Detto questo: la sola gag del gatto nel finale del film, vale il biglietto.

 

QUI potete leggere la recensione del RRobe di Mission: Impossible – Rogue Nation

QUI l’incontro con il regista Pete Docter di Inside Out

Inside Out uscirà nelle sale italiane domani,16 settembre. Troverete altre informazioni sulla pagina facebook ufficiale. #EMOZIONIcercasi

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

MAGIC 2020 – Da Koji Igarashi e Ayami Kojima di Castlevania a Yōichi Takahashi di Captain Tsubasa 19 Febbraio 2020 - 20:17

Da Koji Igarashi e Ayami Kojima le due figure chiave dietro i videogiochi di Castlevania a Yōichi Takahashi di Captain Tsubasa all'autore del manga sugli scacchi BLITZ al concept artist di Game of Thrones

The Walking Dead: online i primi minuti dell’episodio 10×09 19 Febbraio 2020 - 20:00

La serie tornerà su AMC domenica 23 febbraio con la seconda parte della stagione 10

Don’t Look Up: Jennifer Lawrence nel nuovo film Netflix di Adam McKay 19 Febbraio 2020 - 19:45

Il regista di Vice ha trovato la star del suo nuovo film, una commedia sulla fine del mondo

7 cose che forse non sapevate su Lo strano mondo di Minù 18 Febbraio 2020 - 17:22

Storia e curiosità dell'anime della signora Minù: dalle origini norvegesi alle parentele con Macross e Bomb Jack (e L'allenatore nel pallone).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Relic Hunter 12 Febbraio 2020 - 17:53

Tia Carrere e Relic Hunter, un Tomb Raider per la TV in cui si girava il mondo (senza mai lasciare il Canada).

7 cose che forse non sapevate su The Mighty Hercules 11 Febbraio 2020 - 17:00

"Hercules, hero of song and story..." Il vecchio cartoon su Hercules: la sigla, gli anime, uno dei primi super-eroi animati della TV USA.