L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Go with Me – La recensione del film con Anthony Hopkins #Venezia72

Go with Me – La recensione del film con Anthony Hopkins #Venezia72

Di Lorenzo Pedrazzi

Ancora una volta, la provincia americana è un coacervo di white trash dove le istituzioni accettano il governo di una legge non scritta, atavica e brutale: a dominare è sempre il più forte, libero di agire nell’illegalità grazie a un regno di paura e corruzione. Le regole del vivere civile si perdono tra le grandi città e le comunità rurali o montane, immerse in una natura selvaggia che suscita pulsioni ancestrali e istinti violenti, com’è stato raccontato benissimo da Winter’s Bone, Mud, True Detective e altri prodotti che sondano il ventre nascosto dell’America.

19642-Go_With_Me_8

Purtroppo, Go with Me non si avvicina minimamente ai suddetti livelli qualitativi, e la livida ambientazione montuosa resta un suggestivo panorama di fondo: siamo probabilmente nello Stato di Washington – anche se il film è stato girato nel British Columbia – e Lillian (Julia Stiles) ottiene l’aiuto dell’anziano Les (Anthony Hopkins) e del suo giovane amico Nate (Alexander Ludwig) per fronteggiare il sadico Blackway (Ray Liotta), ex poliziotto che gestisce un giro di droga, prostituzione e appalti illegali senza che l’impotente sceriffo faccia nulla. Blackway ha già tentato di violentare Lillian, e poi ha ucciso la sua gatta. Insieme, i tre dovranno vedersela con tutta la gang del criminale, circondati dalle gelide foreste del confine canadese.

19656-Go_With_Me_3

Alla base del film c’è l’omonimo romanzo di Castle Freeman Jr., ma il regista Daniel Alfredson ne ricava uno scialbo thriller che sbaglia totalmente la costruzione dei personaggi, incapace di caratterizzarli attraverso i traumi del passato: gli accenni alla figlia suicida di Les sono confusi e lacunosi, mentre i suoi trascorsi con Blackway appaiono ridicoli e molto forzati. Se la regia è anonima, i veri problemi sorgono invece nella sceneggiatura di Joe Gangemi e Gregory Jacobs, che piazza un paio di scene d’azione puramente gratuite (nonché dirette senza idee) e struttura il film in modo meccanico e ripetitivo, obbligando i protagonisti a spostarsi da un luogo all’altro senza una vera ragione, a parte la necessità di colmare i vuoti del racconto.

19690-Go_With_Me_2

Si sente la mancanza di un solido contesto sociale che modelli la psicologia dei personaggi, attribuendo all’ambientazione un valore più profondo rispetto alla semplice atmosfera (che, presa di per sé, risulta abbastanza efficace). Inoltre, le carenze di Go with Me si riscontrano proprio negli elementi basilari del thriller: non c’è mai tensione, nemmeno nel confronto finale, penalizzato da un climax frettoloso che sfocia in un epilogo alquanto disorganico. Le prove svogliate di Anthony Hopkins e Ray Liotta, infine, non aiutano a rinvigorire la credibilità dei rispettivi personaggi, contrapposti in un dualismo di cui non si conoscono le vere motivazioni.

19662-Go_With_Me_7

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Jude Law parla di Contagion e di come Soderbergh ha predetto la Pandemia 29 Novembre 2020 - 11:00

Jude Law, tra i protagonisti di Contagion, ha parlato del film e di come sia stato in grado di prevedere quello che è successo con il Covid-19.

Addio a David Prowse, storico interprete di Darth Vader 29 Novembre 2020 - 10:16

L'attore inglese David Prowse, che prestò il corpo a Darth Vader nella trilogia originale di Guerre stellari, è scomparso all'età di 85 anni.

Kurt Russell potrebbe ritirarsi dopo la saga di Qualcuno salvi il Natale 29 Novembre 2020 - 10:00

Lo rivela in un'intervista il regista di Qualcuno salvi il Natale 2, Chris Columbus

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.