L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Equals – La recensione del sci-fi con Kristen Stewart e Nicholas Hoult #Venezia72

Equals – La recensione del sci-fi con Kristen Stewart e Nicholas Hoult #Venezia72

Di Lorenzo Pedrazzi

Esistono molti cliché nella fantascienza distopica, e Equals li sintetizza tutti: siamo in un futuro imprecisato, dopo una Grande Guerra che ha distrutto buona parte del vecchio mondo, ma sulle sue macerie è sorto un mondo nuovo in cui l’umanità ha saputo liberarsi dal giogo dei sentimenti, delle emozioni e degli impulsi primari. Gli “Uguali” vivono in una società ordinata e asettica dove ognuno svolge il proprio incarico, i rapporti umani sono banditi e l’inseminazione artificiale garantisce il propagarsi della specie. Esiste però anche un virus noto come Switched On Syndrome (SOS), capace di ristabilire la programmazione genetica naturale e riattivare i vecchi “difetti” del genere umano: rabbia e amore, ansia e paura, sbalzi umorali e tendenze suicide, odio ed empatia si riversano sui malcapitati cittadini, rendendoli inabili alla vita nel Collettivo. Chi raggiunge l’ultimo stadio è confinato nel Covo, sottoposto a torture inibitorie e indotto a togliersi la vita. Silas, un giovane illustratore, viene contagiato dal virus e comincia a provare attrazione per una collega, Nia, che potrebbe soffrire del medesimo disturbo…

nicholas-hoult-equals

Drake Doremus (Like Crazy) torna alla regia con una parabola sci-fi carica di ambizioni sociologiche, ma frenata da troppi elementi derivativi che ne fanno una sorta di bigino distopico. Il retaggio cine-letterario cui appartiene è cristallino: Equals ha un grosso debito con 1984 e con i suoi discepoli cinematografici, soprattutto THX 1138, da cui ricava sia il livellamento estetico (ambienti e abiti funzionali, bianchissimi, anonimi) sia l’utopia della fuga verso una terra selvaggia, emblema del ritorno a uno stato di natura che spezza le catene della civiltà. Si tratta di una fantascienza meditativa e antispettacolare, concentrata sull’intimità dei personaggi più che sull’azione, ma la sua firma indie appare pretestuosa e un po’ stucchevole: partendo dall’idea di un regime totalitario razionalista, Doremus tende a ripetere schemi narrativi vetusti che riecheggiano le soluzioni di Equilibrium, Codice 46 e persino uno young adult come The Giver, ma costruendo il dramma romantico in modo più artificioso, nonostante la scelta dei protagonisti sia sensata.

equals-nicholas-hoult-kristen-stewart

Kristen Stewart e Nicholas Hoult, giustamente rigidi ed eterei, sono efficaci nel riprodurre lo spaesamento dei loro caratteri, in particolare quando cominciano a provare sentimenti e impulsi sessuali che non sanno spiegare. Il regista sfrutta la stilizzazione visiva (silhouette che si muovono sullo sfondo di una dominante cromatica variabile) per aumentare l’intensità dei loro incontri e la difficoltà del primo contatto, con effetti discreti grazie alle musiche in crescendo di Apparat. Purtroppo, però, il giochino si reitera fin troppo spesso e smarrisce la sua forza iniziale, diventando un leitmotiv autocompiaciuto: Doremus è chiaramente più interessato a soddisfare la “pancia” del pubblico, piuttosto che l’intelletto.

equals-nicholas-hoult

Il lavoro sulle scenografie, d’altra parte, è molto valido, poiché rielabora scenari preesistenti per valorizzarne l’aspetto futuristico, trasmettendo l’impressione di una società algida, geometrica e utilitaristica. Non c’è però alcun guizzo di originalità, alcuna intuizione che stravolga la nostra prospettiva su questo futuro distopico: tutto procede su strade già ampiamente battute – con risultati migliori – in passato.

Dallo sceneggiatore di Moon era lecito aspettarsi qualcosa di più.

equals-kristen-stewart-nicholas-hoult-600x400

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI EQUALS!

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cena con delitto – Knives Out: Trailer italiano del film di Rian Johnson 16 Ottobre 2019 - 21:15

Daniel Craig detective nel trailer italiano di Cena con delitto - Knives Out, il film giallo diretto da Rian Johnson

Michael Caine e Lena Headey in una moderna versione di Oliver Twist per Sky 16 Ottobre 2019 - 21:00

Una nuova versione del classico di Charles Dickens in arrivo su Sky e al cinema

Thor: Love and Thunder – Tornerà anche il Korg di Taika Waititi 16 Ottobre 2019 - 20:15

Il regista di Thor: Ragnarok ha confermato che il suo personaggio tornerà nel quarto film

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.

StreamWeek: le ultime miglia di Jesse Pinkman in El Camino 14 Ottobre 2019 - 13:07

El Camino, The Front Runner, Bohemian Rhapsody, Shazam e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.