L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Hateful Eight – Il panel del Comic-Con e un nuovo poster!

The Hateful Eight – Il panel del Comic-Con e un nuovo poster!

Di Lorenzo Pedrazzi

the-hateful-eight

Quentin Tarantino anticipa l’uscita di The Hateful Eight nelle sale da 70mm!

Al Comic-Con di San Diego si è svolto il panel di The Hateful Eight, il western di Quentin Tarantino che uscirà il prossimo 25 dicembre nei cinema americani attrezzati per le proiezioni a 70mm, e poi il successivo 8 gennaio 2016 nelle sale da 35mm.

Per l’occasione è stato pubblicato un nuovo poster, la cui tagline recita “Nessuno viene quassù senza una ragione dannatamente buona”.

TheHatefulEight-poster

Ed ecco due foto con Tarantino e il cast in viaggio per San Diego:

Kurt Russell, Demian Bichir, Tim Roth, & Michael Madsen getting ready for one damn fine trip to @SanDiegoComicCon. #TheHatefulEight #SDCC

Una foto pubblicata da The Hateful Eight Movie (@thehatefuleightmovie) in data:

Quentin Tarantino & #TheHatefulEight are on their way to @SanDiegoComicCon! #SDCC

Una foto pubblicata da The Hateful Eight Movie (@thehatefuleightmovie) in data:

E ora passiamo alla sintesi del panel:

Ennio Morricone comporrà la colonna sonora del film: ci sta lavorando a Praga. È da quarant’anni che non compone le musiche per un western.

Quentin Tarantino ha rivelato che le lenti usate per girare The Hateful Eight sono le stesse utilizzate per Ben Hur.

– La maggior preoccupazione, nell’utilizzo di queste lenti, era che si congelassero, ma la troupe le ha testate numerose volte nelle condizioni più disparate.

Tarantino: «La proiezione in digitale non è altro che la HBO in pubblico. Se questo è ciò che il cinema sta diventando, allora tanto vale che passi alla televisione.»

Michael Madsen: «Siamo più furbi, un po’ più vecchi, e ancora sotto il controllo del più grande regista del pianeta.»

Bruce Dern ha paragonato Tarantino a Luchino Visconti per la minuziosa attenzione ai dettagli.

Quentin Tarantino non esclude di realizzare Kill Bill: Vol. 3, in futuro: lui e Uma Thurman ne parlano spesso.

Tarantino ha detto che gli sarebbe piaciuto realizzare alcune sequenze di flashback in animazione.

Tarantino è solito scrivere un’unica sceneggiatura completa, ma in questo caso ne ha scritte tre. Quella trapelata on-line era la prima stesura, mentre lui ha filmato la terza.

– Il regista ha intenzione di dirigere almeno un altro film western: «Si devono fare tre western per diventare un regista di western.»

– Quando disse di volersi fermare a dieci film, Tarantino non intendeva letteralmente: era solo un modo per suscitare un dibattito sulla validità di un artista. «Se non potessi più girare un film su pellicola, potrei fermarmi». Il regista afferma inoltre di essere aperto all’idea di fare una miniserie.

Il trailer di 7 minuti
Durante il panel è stato mostrato un trailer di 7 minuti, montato dal regista insieme a Fred Raskin. L’apertura del trailer è un omaggio a La cosa di John Carpenter, e Kurt Russell – non a caso, protagonista del film di Carpenter – dice che «Qualcuno qui non è ciò che sembra». Si vede Samuel L. Jackson (il Maggiore Marquis Warren) seduto su una pila di corpi e bagagli, e la carrozza di Russell (John Ruth) che trotta verso di lui. Oltre a La cosa, un ulteriore riferimento è il contesto montuoso dei western di Anthony Mann, ma l’ambiente angusto del saloon di Demián Bichir (Bob) è molto tarantiniano.

Ruth sta arrestando Daisy Domergue (Jennifer Jason Leigh) perché sia impiccata, e si sente lo stralcio di un dialogo in cui Warren dice che Ruth – un cacciatore di taglie – consegna sempre i suoi prigionieri alla legge perché siano impiccati. Sono molto apprezzati, nel trailer, anche i dialoghi polemici di Oswaldo Mobray, il personaggio di Tim Roth. La maggior parte del filmato si svolge nel saloon. Si vedono anche il misterioso Joe Gage (Michael Madsen), Mannix (Walton Goggins), un vecchio amico di Ruth, e il Generale Sandy Smithers (Bruce Dern), tremendamente razzista. A tal proposito, sembra proprio che The Hateful Eight affronti tematiche come il razzismo, le insidie della storia americana e la pena di morte.

thehatefuleight-copertina

Nel cast di The Hateful Eight troveremo Kurt Russell, James Parks (Kill Bill Vol. 1 & 2), Dana Gourrier (Django Unchained), Zoë Bell (Death Proof, Gene Jones (Non è un paese per vecchi), Keith Jefferson (Django Unchained), Lee Horsley (Django Unchained), Craig Stark (Django Unchained) e Belinda Owino (Django Unchained). Con loro ci saranno Michael Madsen, Samuel L. Jackson, Bruce Dern, Walton Goggins, James Remar, Tim Roth, Kurt Russell, Amber Tamblyn Channing e Demian Bichir. Jennifer Jason Leigh sarà invece Daisy Domergue: una donna accusata di omicidio, poi fatta prigioniera e caricata su una diligenza in compagnia di altri soggetti poco raccomandabili, come cacciatori di taglie e disertori.

Di seguito potete leggere la sinossi ufficiale del film:

In THE HATEFUL EIGHT, ambientato sei o otto o dodici anni dopo la Guerra Civile, una diligenza sfreccia per il paesaggio gelido del Wyoming landscape. I passeggeri, ossia il cacciatore di taglie John Ruth (Russell) e la sua fuggiasca Daisy Domergue (Leigh), cavalcano verso la città di Red Rock dove Ruth, noto da quelle parti come “il Boia”, consegnerà Domergue alla giustizia. Lungo la strada, il gruppo incontra due stranieri: Major Marquis Warren (Jackson), un soldato nero diventato cacciatore di taglie, e Chris Mannix (Goggins), un fuorilegge del sud che afferma di essere il nuovo sceriffo della città. Avendo perso il loro vantaggio in una bufera di neve, Ruth, Domergue, Warren e Mannix cercano rifugio al Minnie’s Haberdashery, un rifugio-sota per le diligenze al passo di una montagna. Quando arrivano da Minnie’s, loro vengono salutati non dal proprietario ma da quattro sconosciuti. Bob (Bichir), che si sta prendendo cura del Minnie’s mentre questa è in visita da sua madre, si è ritirato con Oswaldo Mobray (Roth), il boia di Red Rock, il mandriano Joe Gage (Madsen) e il generale confederale Sanford Smithers (Dern). Mentre la tempesta avanza, i nostri 8 viaggiatori capiscono che, dopo tutto, potrebbero non farcela ad arrivare fino a Red Rock …

The Hateful Eight è stato girato in 65mm, e riceverà la più vasta distribuzione in 70 mm degli ultimi 20 anni.

CLICCA SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI THE HATEFUL EIGHT!

Fonte: Collider

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.