L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Minions – La recensione dello spassoso spin-off di Cattivissimo Me

Minions – La recensione dello spassoso spin-off di Cattivissimo Me

Di laura.c

minions trailerSono piccoli, gialli e senza scrupoli ma, chissà perché, alla fine non riescono mai a combinarne una… sbagliata! Non possiamo parlare di altro se non dei mitici Minions, gli aiutanti di Gru nella saga d’animazione Cattivissimo Me, che dopo il successo dei primi due capitoli si sono guadagnati un film tutto loro, dimostrando di essere non solo un ottimo strumento di merchandising ma anche ottimi personaggi cinematografici.

hallo papageraChi conosce i due capitoli che hanno dato origine a questa sorta di prequel/spin-off, sa bene che la sfida non era da poco: per quanto adorabili nel design e protagonisti di spassosissimi sketch, i Minion non parlano una lingua propriamente intellegibile e non hanno mai retto sulle proprie spalle un’intera storia di senso compiuto. Ottimi come spalla comica, insomma, ma lo sarebbero stati anche come star assolute del film? La risposta è assolutamente positiva e molto lo si deve all’ottima impostazione del racconto.

Minions Poster USA 02   ScreenWEEK Administration

 

Per rendere comprensibile l’incipit della storia, infatti, era necessario avere una voce “normale” che spiegasse a parole umaneil punto di partenza della nuova avventura. Ecco allora l’idea perfetta per introdurre una voice-over giustificata dal contesto, non troppo invasiva e soprattutto che non eccedesse nei toni fiabeschi: narrare l’intera evoluzione dei Minion da particelle protozoiche fino a creature completamente formate e con un unico scopo nella propria esistenza, vale a dire trovare il boss più cattivo di sempre cui offrire i propri servigi, dagli antichi dinosauri fino a Napoleone. Ovviamente combinando sempre disastri tali da far estinguere anche i malvagi più navigati… almeno fino all’arrivo degli audaci esploratori Kevin, Bob e Stuart nella New York del 1968.

minions bananas

Una volta messo in chiaro il percorso, il resto della trama si snoda in modo efficace e con un ritmo così serrato che non si fatica nemmeno a seguire le astruse conversazioni Minion, scambiate in una lingua a metà tra inglese, spagnolo, francese, italiano e tedesco, insomma una specie di esperanto in salopette che ovviamente non ha nessun senso, ma spiazza e diverte più di un idioma inventato apposta per l’occasione. Il nonsense in generale è la vera forza del film che, costretto a impiegarlo a causa dei suoi particolari protagonisti, ne fa un uso ancora più massiccio e spregiudicato rispetto a Cattivissimo Me, dando vita a una comicità piena di incoerenza ed assurdo e proprio per questo più raffinata, specie in confronto al secondo capitolo della saga. Ottimo inoltre il lavoro di caratterizzazione svolto sui personaggi, a partire dai tre Minion protagonisti, tutti dotati di una specifica personalità, fino ad arrivare a quelli puramente di contorno.

minions mods

Per i bambini sarà una giostra di colori e suoni guidata da dolcissimi ominidi gialli, resi tra l’altro molto più espressivi e teneri del solito. Per gli adulti un viaggio allucinato in un mondo che è la parodia bambinesca di se stesso e per questo molto spassoso. Azzeccatissima da questo punto di vista anche l’ambientazione alla fine degli anni ’60 che, strizzando l’occhio ai ricordi dei genitori-accompagnatori, trasforma parte del film in uno sberleffo dei luoghi comuni sull’epoca, dagli hippie alla Londra dei Mods, condito da una colonna sonora che è un vero e proprio “Best of” con Doors, Lennon e perfino uno sketch basato sul musical Hair.

content_minions

Certo, tutto è buttato in un calderone dove la controcultura viene svuotata di ogni senso (la Regina Elisabetta balla sulle note di Revolution, per Intenderci), e questo la dice lunga sulla fine che certe icone e capisaldi del nostro background culturale sono destinati a fare nell’epoca del post-postmoderinsmo di YouTube, Spotify e del consumo indifferenziato di ogni genere. Rimane comunque un pizzico di speranza al pensiero che i bambini si mettano a ballare inconsapevoli sulle note di Lennon invece che sul tormentone pop di turno. Giusto quel pizzico che contribuisce a farci dire che per ora Minion battono Gru almeno 3 a 0, quanti sono cioè Kevin, Bob e Stuart.

Fazio-Littizzetto-Minions

Anche Minions è stato prodotto dalla Illumination Entertainment di Chris Meledandri e Janet Healy, per la regia di Pierre Coffin e Kyle Balda. In versione originale vanta come doppiatrice il premio Oscar Sandra Bullock, mentre nella versione italiana le voci sono Luciana Littizzetto, Fabio Fazio, Alberto Angela, Riccardo Rossi e Selvaggia Lucarelli. L’uscita in Italia è fissata per il 28 agosto 2015. QUI trovate la pagina facebook italiana del film.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RIMANERE AGGIORNATI SU MINIONS.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Men In Black International: Un nuovo punto di partenza – La recensione 21 Luglio 2019 - 20:30

La saga dei MIB è protagonista di un soft reboot di cui Tessa Thompson e Chris Hemsworth sono i perfetti mattatori.

Kevin Smith parla di Clerks III e Jay & Silent Bob Reboot 21 Luglio 2019 - 20:00

Al Comic-Con di San Diego Kevin Smith ha parlato di Clerks III e di Jay & Silent Bob Reboot, e di come è riuscito ad avere Ben Affleck nuovamente nei panni di Holden

Comic-Con 2019: Tutte le novità sulle serie dell’Arrowverse! 21 Luglio 2019 - 19:30

Arrow, The Flash e Supergirl: 3 delle principali serie dell'Arrowverse erano presenti al Comic-Con di San Diego, in 3 diversi panel che hanno rivelato interessantissime novità!

Giochi stellari – The Last Starfighter (FantaDoc) 18 Luglio 2019 - 16:23

Congratulazioni, Starfighter! Sei stato reclutato dalla Lega Stellare per leggere questo articolo sulla storia del film, nato... come seguito spirituale de La spada nella roccia? Eh?!

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Party of Five (Cinque in famiglia) 17 Luglio 2019 - 16:19

Le mille sfighe di Party of Five, la serie nata come surrogato di Beverly Hills 90210 e trasformatasi nel "miglior show che non avete visto".

7 cose che forse non sapevate su Gigi la Trottola 16 Luglio 2019 - 15:58

Le esilaranti avventure del campionissimo sotto il metro nato perché hanno imposto al suo autore di inventarsi una storia comica sul basket. I crossover con Star Wars, l'Uomo Tigre e tutto il resto, e la storia di... Ciccio Terremoto?