L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ted 2, la recensione del nuovo film di Seth MacFarlane

Ted 2, la recensione del nuovo film di Seth MacFarlane

Di Lorenzo Pedrazzi

ted2-copertina

Cliccate qui per vedere la vignetta di Simple & Madama dedicata a Ted 2!

Seth MacFarlane si rifugia nell’usato sicuro, e fa bene: se il primo Ted aveva dimostrato che l’umorismo dell’autore de I Griffin poteva applicarsi anche all’estensione del lungometraggio, Ted 2 non fa che rimarcare questo concetto, senza rivoluzionare la formula ma piazzando un concentrato di gag divertenti, caustiche e parossistiche.

1

La trama si collega direttamente al prequel, ma al contempo ne azzera gli eventi: nel prologo del film, infatti, Ted sposa l’amata Tami-Lynn, mentre il suo “rimbombamico” John (Mark Wahlberg) ha divorziato da Lori, e si trastulla malinconicamente con la sua nuova vita da single. Quando Ted e Tami-Lynn cercano di adottare un bambino per disinnescare una crisi coniugale, scoprono che al tenero orsacchiotto non è riconosciuto lo status di “persona”, ma soltanto di “bene”, come un qualunque oggetto di proprietà: per risolvere la situazione, lui e John cercano l’aiuto di un’avvocatessa alle prime armi, Samantha (Amanda Seyfried), che condivide la loro passione per la marijuana e supporterà Ted nella difficile battaglia per riottenere i suoi diritti di essere umano. Purtroppo, però, Donny (Giovanni Ribisi) ha un nuovo piano per rapire l’orsacchiotto, e stavolta alle sue spalle c’è addirittura una nota multinazionale di giocattoli.

3

MacFarlane resta fedele a un approccio che nasce dalle sue esperienze televisive, I Griffin in primis, dove la comicità presenta una struttura episodica e ben circoscritta: ovviamente c’è una trama che collega i nuclei umoristici della commedia, ma l’effetto comico è basato soprattutto sui singoli episodi, che fungono da “micro-narrazioni” all’interno del “macro-racconto” generale. In tale contesto, il regista sviluppa la famigerata girandola di citazioni pop, eccessi verbali e tenue satira politica, puntando l’obiettivo a trecentosessanta gradi: dal Saturday Night Live a Justin Bieber, dagli aspiranti stand-up comedian alle ingiustizie sociali del sistema americano, non si salva quasi nessuno. È uno humor greve, che si fa beffe dell’ossessione per il politicamente corretto e si diverte a “scioccare” il pubblico con un’aggressività sempre più rara nel cinema hollywoodiano, ma ben più diffusa sul panorama televisivo. Il risultato è quasi sempre apprezzabile, anche quando osa mettere piede nei territori del disgusto.

2

Il carattere empatico di Ted 2 (se così possiamo chiamarlo) risiede però nella scapestrata coppia di protagonisti, il cui legame è basato sulla condivisione dei medesimi anti-valori: Ted e John si sono nutriti alla fonte dello stesso immaginario (Flash Gordon, Rocky e altri miti della cultura popolare, anche i più beceri), e lo celebrano con lo stesso rispetto e la stessa serietà, al punto da considerare alcune sue manifestazioni come reali; basti pensare, in tal senso, alla scena in cui Ted vuole evocare Beetlejuice, e John glielo impedisce perché i rischi sarebbero troppo alti. L’introduzione del personaggio di Samantha, oltre a mettere in luce il talento comico di Amanda Seyfried, fa da controcanto all’ignoranza di Ted e John, ma senza la rigidezza che aveva Lori nel primo film: Samantha è totalmente estranea alla cultura pop, ma si presta volentieri alla goliardia e alla demenzialità dei suoi clienti, rivelandosi la compagna ideale.

4

Così, al netto di qualche gag meno riuscita, Ted 2 diverte dall’inizio alla fine, e sazia il suo target privilegiato con un uragano di riferimenti pop, inside joke e strizzatine d’occhio al pubblico nerd… compreso il delirante cameo di un attore molto amato.
Insomma, si ride di gusto.

L'uscita di Ted 2 è attesa per giovedì 25 giugno. Troverete maggiori informazioni sulla pagina facebook ufficiale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Minions 2: la nuova clip italiana dal film Illumination 17 Agosto 2022 - 20:45

Domani arriva nei cinema Minions 2: Come Gru diventa cattivissimo, quinto film della saga: ecco una nuova clip in italiano.

Una birra al fronte: il trailer del film di Peter Farrelly con Zac Efron 17 Agosto 2022 - 20:30

L'incredibile storia vera di John "Chickie" Donohue, un uomo che partì per il Vietnam per portare la birra ai soldati al fronte

Vampire Academy: ecco il trailer ufficiale della serie targata Peacock 17 Agosto 2022 - 20:05

Vampire Academy, la serie paranormal romance e urban fantasy scritta dal Richelle Mead, è diventata una serie targata Peacock. Ecco il trailer.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.