L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

NipPop 2015 – Riyoko Ikeda parla di Lady Oscar, della sua carriera e del successo in Italia

Di Marlen Vazzoler

riyoko-ikeda-nippop-2015-01

Lo shojo manga (i fumetti scritti per un pubblico adolescente femminile, ndr.) è stato uno dei focus della prima giornata dell’edizione 2015 del NipPop, la manifestazione bolognese che ogni anno mira ad esplorare la cultura pop giapponese.
La dottoressa Rebecca Suter dell’Università di Sidney ha fatto un confronto tra il genere shojo e lo shonen e tra il genere sessuale maschile e femminile, a partire dalla fine degli anni cinquanta ai giorni nostri, spiegando come dagli anni 2000 ci sia stata una contaminazione meno rigida tra lo shojo, lo shonen e il seinen (pubblicazione rivolta a un pubblico maturo, ndr.) emerso tra gli anni ottanta e novanta.

Mentre la disegnatrice Keiko Ichicughi ci ha spiegato come il romanticismo europeo e non le produzioni Disney, sia stato un’importante punto di riferimento per la creazione dei famosi occhi grandi, uno degli stilemi che contraddistinguono le produzioni shojo.

riyoko-ikeda-nippop-2015-04

Queste conferenze sono servite da apri pista per uno degli ospiti più importanti di questa edizione, la saggista, la cantante lirica e la disegnatrice Riyoko Ikeda (Lady Oscar).

riyoko-ikeda-nippop-2015-02

Anno 1947, la maestra Ikeda debutta nel 1969 con l’opera Ai Wa Eienni sulla rivista Margaret, dove in seguito serializzerà Lady Oscar e La finestra di Orfeo. La lettura della biografia su Maria Antonietta di Stefan Zweig la spingerà a disegnare il manga che l’ha resa famosa in tutto il mondo, La Rosa di Versailles. Da quest’opera sono stati tratti dei musical allestiti presso il teatro Takarazuka (una troupe composta da soli membri femminili), una serie animata disegnata da Shingo Araki, Michi Imeno e Akio Sugino, e un film live action (1979) diretto da Jacques Demy.

riyoko-ikeda-nippop-2015-03

Contribuisce alla fondazione del gruppo 24 Nengumi (il gruppo del 24 dell’era Showa) con Moto Hagio, Yumiko Oshima, Takemiya Keiko, Toshie Kihara.. che rivoluzionerà il genere di fumetti per ragazze ed aprirà la strada al genere shonen ai (fumetti scritti per ragazze che narrano l’amore omosessuale, ndr.)

A 47 anni si prende una pausa dalla carriera di disegnatrice per diventare una cantante lirica come soprano, frequentando l’Accademia musicale. Nell’anno 2009 riceve il titolo di cavaliere della Legione d’onore francese.

riyoko-ikeda-nippop-2015-05

Di seguito potete vedere il rountable a cui abbiamo partecipato con altri giornalisti, in cui abbiamo chiesto alla maestra Ikeda di parlarci del gruppo 24 Nengumi e del loro obiettivo, del suo cambiamento di stile nel corso della sua carriera, e che cosa l’ha spinta a scrivere delle storie gotiche di Lady Oscar in Versailles no Bara Gaiden e comiche in BeruBara Kids.

-Riyoko Ikeda parla delle sue opere storiche,
-della sua esperienza nel teatro come cantante lirica
-di come la biografia di Zweig l’ha spinta a scrivere la storia di Maria Antonietta in Lady Oscar
-la difficoltà riscontrate nello scrivere un manga a stampo storico e nel disegnare una delle prime scene di sesso, e nel decidere il finale di Lady Oscar
-la sua opinione sui musical Takarazuka e sul film live action
-a quale personaggio è particolarmente legata
-cosa ha influenzato il suo cambio di stile in Lady Oscar, La finestra di Orfeo, in Versailles no Bara Gaiden e Eroica (Napoleone)
-cosa l’ha spinta a creare Versailles no Bara Gaiden e Berubara Kids.

riyoko-ikeda-nippop-2015-06

Di seguito potete vedere la conferenza tenutasi nel pomeriggio in cui vediamo la maestra Ikeda parlare con Francesca Scotti, Paola Scrolavezza e la professoressa Rebecca Suter.

-cosa l’ha spinta quand’era molto giovane a raccontare una storia di donne e femminilità molto impegnativa
-inizialmente Maria Antonietta era la protagonista, come mai il focus si è spostato su Lady Oscar,
-Napoleone
-rapporto con i lettori
-influenza Osamu Tezuka e Tetsuya Chiba, e delle mangaka donne
-gli over 70 che sminuiscono i manga, sostegno recente del governo per l’industria del fumetto
-successo in Italia e in Francia, e di riflesso in Giappone
-il rapporto tra la maestra e i suoi personaggi
-Machiko Satonaka
-il saggio ‘come vivere per realizzare i propri sogni a 40 anni’
-censura nelle sue opere
-difficoltà incontrate nella sua carriera di fummetista in un mondo prevalentemente maschile
-rapporto tra la passione per l’opera e la composizione dei manga

Vi ricordo che domenica 7 ottobre alla Sala eventi del Museo della Musica di Bologna, Riyoko Ikeda si esibirà in concerto e terrà un incontro con il pubblico a partire dalle 16.30.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il Divin Codino – Trailer ufficiale per il film su Roberto Baggio, dal 26 maggio su Netflix 13 Maggio 2021 - 14:45

È disponibile il trailer ufficiale de Il Divin Codino, biopic dedicato a Roberto Baggio che uscirà il prossimo 26 maggio su Netflix.

Si vive una volta sola: il film di Carlo Verdone da oggi su Prime Video 13 Maggio 2021 - 13:45

Nel cast anche Anna Foglietta, Rocco Papaleo e Max Tortora

Doctor Strange 2 – Ci sarà un cameo di Ghost Rider? [RUMOR] 13 Maggio 2021 - 13:00

Gli ultimi rumor sostengono che Doctor Strange in the Multiverse of Madness includerà un cameo di Johnny Blaze, alias Ghost Rider.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.