L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Devil May Cry 4 Special Edition: La Recensione

Di Fabrizio Tropeano

devil-may-cry-4-rece-art-790x546

A distanza di sette anni dall’uscita del titolo originale, Devil May Cry 4 torna in Special Edition su Playstation 4 (la versione da noi provata), Xbox One e PC. Quali sono le novità rispetto all’edizione originale? Un livello di difficoltà supplementare, tre personaggi in più da utilizzare (Vergil, Lady e Trish) ed una rimasterizzazione grafica in alta definizione che non riesce a nascondere il passare degli anni ma che indubbiamente fa risaltare meglio l’appeal estetico rimasto inalterato e la fluidità dei 60 frames al secondo.

Per chi non conoscesse il titolo originale, il quarto capitolo della serie (l’ultimo prima del reboot a firma di Ninja Theory) vede lo stiloso Dante in un ruolo più misterioso e ci sarà un nuovo protagonista, un giovane e cinico guerriero chiamato Nero, cresciuto presso “l’ordine della spada”, un gruppo d’elite fra i “Cavalieri Santi”. Intrigo, passione e naturalmente tantissimi Demoni: a cosa porterà l’incontro fra i due protagonisti e perché il destino a voluto farli incontrare proprio ora?

La serie Capcom più truzzona e smanierata del publisher nipponico propone 20 missioni (e tantissimi extra da sbloccare) e a distanza di anni siamo ancora all’apice del genere action con la piacevolezza di dover eliminare i nemici con stile e coordinazione per avere maggiore punti bonus oltre a dover adottare le mosse giuste quando ci troveremo al cospetto dei demoni più cruenti.  

Veramente eccellente poi poter scegliere ben cinque diversi alter ego da controllare, ognuno con stili e punti di forza diversi. Ciò non va sicuramente a stravolgere le dinamiche originale ma sicuramente regala un approccio più ampio e “tattico” all’azione interattiva.

Passando all’appeal visivo alcuni elementi sono stati capaci di fermare il tempo a cominciare dal set di animazioni dei protagonisti: doppi salti, capriole, spadate con effetto nell’aria, camminate su tetti e muri, azioni combinate, doppie pistole direzionate nel verso opposto: tutte queste azioni sono “raccontate” su schermo con delle animazioni sbalorditive ed esaltanti. Lo stesso non si può dire per le ambientazioni già al loro tempo non esaltanti e che sulle nuove console non reggono affatto il paragone con le produzioni attuali.

Invariato e rimasto convincente l’accompagnamento sonoro e il livello qualitativo dei dialoghi (rimasti in inglese ma con i sottotitoli in italiano. 

Un capitolo a sè le meritano le sequenze cinematiche di intermezzo. Ancora oggi potrebbero essere senza problemi proposte come un lungometraggio manga al cinema e le platee andrebbero in brodo di giuggiole! Solo queste sequenze (a cominciare dalla splendida intro) a nostro avviso giustificano l’acquisto del gioco!

devil-may-cry-4-rece-06

In conclusione, se pur in parte il peso del tempo si faccia sentire, Devil May Cry 4 Special Edition a distanza di anni dalla sua prima uscita, rimane un action eccellente, capace di conquistare i vecchi fan della serie ed i neofiti ovviamente appassionati del genere di appartenenza e in empatia con la sua attitudine volutamente esagerata. Con 25 euro (esclusivamente in digital download oppure dovete rivolgervi al mercato import per la versione fisica uscita soltanto in Giappone) avrete da divertirvi per molte ore, ancora di più se vorrete eseguire ogni combo in modo “stylish”, aspetto tra i più esclusivi e riusciti della produzione di Capcom.

VOTO: 8.5

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Sognando a New York – In the Heights: un’anteprima della canzone “96,000” 8 Maggio 2021 - 15:00

È disponibile un nuovo assaggio di In the Heights, il film tratto dal musical omonimo diretto dal regista di Crazy & Rich Jon M. Chu.

Crudelia – La gente ha bisogno di un cattivo in cui credere nel nuovo spot 8 Maggio 2021 - 14:00

Il nuovo spot esteso di Crudelia include molte scene inedite, e afferma che "La gente ha bisogno di un cattivo in cui credere".

Mission: Impossible 7 – Tom Cruise sulle cover di Empire 8 Maggio 2021 - 13:00

Tom Cruise in motocicletta sulle copertine di Empire dedicate a Mission: Impossible 7. La star parlerà della sua crociata per salvare i cinema.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.