L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Aquarius, la recensione del primo episodio: Everybody’s Been Burned

Aquarius, la recensione del primo episodio: Everybody’s Been Burned

Di Lorenzo Pedrazzi

aquarius-copertina

Aquarius ha debuttato sulla NBC con il primo episodio, Everybody’s Been Burned, che ci proietta nel 1967 per dare la caccia a Charles Manson. Fortunatamente, c’è David Duchovny insieme a noi.

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER

Los Angeles, 1967. La sedicenne Emma Karn (Emma Dumont), figlia del noto avvocato Ken Karn (Brian F. O’Byrne), esce segretamente di casa per recarsi a una festa col suo ragazzo, Rick (Beau Mirchoff). Sul posto, viene avvicinata da alcune ragazze che la portano da uno strano tizio: dice di chiamarsi Charles Manson (Gethin Anthony), e sa molte cose di lei. Inoltre, sostiene di conoscere bene il suo dolore, e le garantisce una salvezza dall’apocalisse. Emma scopre Rick appartato con un’altra (in realtà è una delle donne di Manson), e decide di seguire quello strano tizio e il suo “harem” in una comunità hippy.
Alcuni giorni dopo, il detective Sam Hodiak (David Duchovny) viene contattato da Grace Karn (Michaela McManus), madre di Emma nonché sua vecchia fiamma. La ragazza è scomparsa, e Grace gli chiede di occuparsi del caso. Dopo aver parlato una prima volta con Rick, senza però ottenere granché, Sam capisce di aver bisogno di qualcuno che sappia muoversi nell’ambiente hippy, quindi recluta il detective Grey Damon (Brian Shafe), che lavora sotto copertura tra i “figli dei fiori”. Con uno stratagemma, Grey si fa dire da Rick che Emma sta con un certo Charlie, e poi i due agenti chiedono aiuto alla collega Charmain Tully (Claire Holt), che dovrà “mascherarsi” da hippy per avvicinare questo Charlie, approfittando di un’altra festa. Grey l’accompagna e parla con un uomo di Charlie, dicendogli che Charmain vuole unirsi a loro. L’uomo, però, dice che tutte le ragazze devono passare dal suo letto prima di arrivare a Charlie, e Grey è costretto a improvvisare per impedire che questo accada anche alla sua collega: mentre scendono le scale, fa uno sgambetto all’uomo e lo fa cadere, interrompendo il piano. Alla centrale, Charmain sembra molto scossa per il pericolo scampato, ma dice che le è piaciuto.
Intanto, Emma è sempre più attratta da Manson, e comincia ad accettare l’idea di condividerlo con le altre ragazze. Manson la introduce alle sue abitudini sessuali, facendola partecipare a un’orgia.
L’operazione alla festa non è stata vana, poiché Grey ha scoperto il cognome di Charlie, e questo permette ai due detective di risalire ai suoi precedenti penali. Parlano con il suo agente di sorveglianza del carcere di Terminal Island, e scoprono che Manson procurava ragazze ad attori, cantanti e politici; inoltre, fu accusato di aver fatto “sparire” una prostituta che minacciava di rivelare la lista dei clienti. L’avvocato di Manson, però, era proprio Ken Karn, che riuscì a far cadere l’accusa.
Manson sorprende Karn nel parcheggio del suo ufficio: vuole che gli presenti qualcuno del settore musicale, per aiutarlo a diventare un cantante professionista. Di fronte al suo rifiuto, Manson gli dice di avere con sé sua figlia; Karn reagisce e cerca di aggredirlo, ma Manson lo blocca e per poco non lo sodomizza. Si ferma solo per il passaggio di un’automobile. Alla fine, lo deruba del denaro che aveva nel portafogli e se ne va, promettendogli di ritornare.

Aquarius - Season 1

L’orrore in casa
Aquarius si addentra in un territorio delicato per l’immaginario collettivo americano, poiché reimmagina le premesse di un sanguinoso delitto – i massacri di Tate-Labianca – che l’opinione pubblica non ha ancora pienamente elaborato. Charles Manson è l’emblema dell’orrore che nasce e cresce fra le mura domestiche, un mostro endemico che confuta la retorica della minaccia “straniera” e del nemico alle porte: con Manson, gli americani scoprono che i loro ideali e il loro stile di vita possono subire un attacco violento anche dall’interno, per buona pace delle istituzioni reazionarie ed esterofobe. La materia dello show, insomma, è rovente.

Aquarius - Season 1

Naturalmente, la serie comincia quasi dal principio: Manson è un cantautore che strimpella la chitarra e aspira al successo, mentre raduna attorno a sé una “famiglia” di giovanissime schiave sessuali facendo promesse di salvezza eterna. A Gethin Anthony (che potreste ricordare per il ruolo di Renly Baratheon in Game of Thrones) manca quel magnetismo sulfureo e inquietante che caratterizza il folle satanista, ma per il momento il personaggio si trova ancora nella fase da “figlio dei fiori”, quindi bisognerà attendere la sua evoluzione prima di esprimere un giudizio definitivo. Comunque sia, la ricostruzione storica si affida ai soliti cliché della Summer of Love, senza particolari finezze di carattere visivo o musicale (per quanto i Rolling Stones e i Jefferson Ariplain si ascoltino sempre con piacere), ma guardando alla cultura hippy con un certo sospetto, soprattutto attraverso gli occhi di Hodiak. Siamo lontani, per intenderci, dalla celebrazione meditata e decadente che ne ha fatto Paul Thomas Anderson in Vizio di forma: nel caso di Aquarius, la dimensione hippy è un mero contesto narrativo, prevedibile e stereotipato.

Aquarius - Season 1

Si fatica un po’ a entrare nel vivo del racconto, anche perché il personaggio di David Duchovny è troppo monolitico per suscitare reazioni empatiche, ed è lui ad accompagnarci nello sviluppo delle indagini; inoltre, la sceneggiatura scade spesso in dialoghi e caratterizzazioni stucchevoli, come nel caso della poliziotta interpretata da Claire Holt: reduce da un’esperienza quasi traumatica sotto copertura, la ragazza confessa ovviamente di averne apprezzato il brivido, e non c’è dubbio che nei prossimi episodi la rivedremo in versione hippy.

Aquarius - Season 1

Di contro, Everybody’s Been Burned dà il meglio di sé nell’epilogo, quando il copione svela che Charles Manson non è uno psicopatico qualunque, bensì un prodotto deviato della classe dirigenziale californiana (e in alcuni casi persino hollywoodiana), che ne ha sfruttato i servizi per ottenere privilegi sessuali. Ciò che ne deriva è un torbido intreccio fra la “contro-cultura” e le alte sfere delle istituzioni, laddove queste ultime fagocitano i valori dell’utopia hippy – musica rock, amore libero, spiritualità intimista – e li rivendono a buon mercato per il consumo di massa, addomesticandoli: se Aquarius si concentrasse anche su questo aspetto della vicenda, potrebbe trarne grande giovamento.

Aquarius - Season 1

La citazione: «Charlie ha una visione: un giorno sarà più famoso dei Beatles.»

Ho apprezzato: la caratterizzazione di Manson come un prodotto oscuro e deviato delle istituzioni.

Non ho apprezzato: la ricostruzione storica tendenzialmente stereotipata; le banalità di sceneggiatura; la caratterizzazione (per il momento) monolitica del protagonista.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Aquarius sul nostro Episode39 a questo LINK.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Wolfgang Petersen è morto: addio al regista di La Storia Infinita e La tempesta perfetta 16 Agosto 2022 - 21:24

Il cineasta tedesco Wolfgang Petersen, regista di pellicole come La Storia Infinita, Air Force One e La tempesta perfetta, è morto a Los Angeles, all'età di 81 anni.

Crystalline Resonance Final Fantasy: anche il Italia il concerto ispirato alla saga 16 Agosto 2022 - 21:00

Square Enix festeggia il 35esimo anniversario della sua saga più famosa con uno speciale tour concertistico, Crystalline Resonance Final Fantasy.

The Family Plan: Mark Wahlberg protagonista del film originale Apple 16 Agosto 2022 - 20:45

Mark Wahlberg interpreterà un padre in fuga con la sua famiglia dopo che il suo passato è tornato a galla

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.