L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cannes, accoppiarsi per non trasformarsi in un’aragosta. The Lobster, la recensione

Di Andrea D'Addio

The Lobster Cannes

Nella nostra comunità è vietato flirtare. Si può ballare. Ma da soli. Per questo ascoltiamo solo musica elettronica

The Lobster, Yorgos Lanthimos, 2015

Accoppiarsi per forza? Nel futuro distopico immaginato dal regista greco Yorgos Lanthimos l’unica alternativa possibile per un adulto single da 45 giorni è di trasformarsi in un animale a propria scelta e continuare così la propria esistenza. “Trovare un partner così diventa più semplice”. Per David, appena divorziato, quell’animale è un’aragosta, lobster in inglese. Prima però vuole provare a cercare un’altra anima gemella. Si reca così in un apposito resort dove spera di innamorarsi, ma i suoi propositi prendono una direzione completamente inaspettata. Non solo innamorarsi a comando è difficile, se non impossibile, ma nel bosco intorno l’hotel vive un gruppo di solitari deciso a non farsi piegare da una regola tanto assurda. Anche loro però non sono perfetti…

thelobster

Paradossale, sarcastico e dalla geniale trovata narrativa iniziale, il primo film in lingua inglese di Yorgos Lanthimos riprende i toni surreali già utilizzati per Kinetta (2005), Canine (2009) e Alps (2009). In un’epoca in cui dichiarare pubblicamente il proprio stato sentimentale su Facebook è diventata un dato importante quanto l’età o la scuola dove si ha studiato, domandarsi come una società sempre più invasiva possa controllare anche questa informazione è sicuramente un bel punto di partenza per una storia. Lanthimos purtroppo si ferma qui ed invece di sfruttare il mondo creato come punto di partenza per approfondire il discorso, ma sono come statico contesto da cui trarre battute e costruire simpatiche e contraddittorie situazioni di vita quotidiana. Non c’è vera evoluzione. Per chiunque, anche per chi non abbia visto il film, è chiaro che l’amore non può essere imposto e che la sua forza sia l’unica che permetta di avere speranza per il futuro. Ribadirlo può emozionare a livello emotivo, ma dal punto di vista intellettuale, viste le premesse, appare una conclusione abbastanza scontata. Lobster rimane così un film intelligente, a tratti anche molto divertente, ma date le premesse, dispiace che si riveli “solo” questo. E dire che, un appositamente imbolsito Colin Farrell, Rachel Weisz, John C.Reilly e Léa Seydoux, compongono un cast ben assortito. Peccato.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il cavaliere dei Sette Regni – In sviluppo un altro prequel di Game of Thrones 21 Gennaio 2021 - 22:48

Una nuova serie prequel di Game of Thrones è nelle prime fasi di sviluppo presso HBO, sarà basata sul libro Il cavaliere dei Sette Regni ambientato 90 anni prima gli eventi di Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

Searchlight annuncia le date di uscita di Antlers e Nightmare Alley di Guillermo del Toro 21 Gennaio 2021 - 20:45

Il nuovo film di Guillermo del Toro ha finalmente una data di uscita, mentre Antlers torna in calendario

Chiami il Mio Agente! – La quarta stagione della serie francese disponibile su Netflix 21 Gennaio 2021 - 20:30

La amatissima serie Chiami il Mio Agente! torna su Netflix con la quarta stagione: ecco tutte le novità in arrivo!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.