Condividi su

12 aprile 2015 • 18:00 • Scritto da Marlen Vazzoler

Shinji Hashimoto ripercorre i trent’anni di Final Fantasy

Abbiamo intervistato il vicepresidente della Square Enix Shinji Hashimoto che ci ha parlato del battle system action in Final Fantasy e di molto altro ancora...
Post Image
0

shinji-hashimoto-magic

La storia dei quasi trent’anni di Final Fantasy è stata raccontata dal produttore e vice presidente della Square Enix, Shinji Hashimoto nella conferenza ‘L’Histoire de Final Fantasy‘ alla prima edizione del Monaco Anime Game International Conferences (MAGIC) che si è tenuta al Grimaldi Forum.

Ecco un breve recap di quanto detto durante la conferenza, che potete ascoltare in francese e giapponese nel video di Chaîne YT GamerGen:
FFIII:

-l’ultimo gioco realizzato per questa console (NES/Nintendo)
-avevano raggiunto la memoria disponibile massima perchè era enorme
-ci sono state molte critiche sul dungeon.

FFIV:

-1991 passiamo dal NES al Super Nes (Super Nintendo)
-la grafica è migliorata come potete vedere
-un gioco che è stato fatto velocemente perché doveva uscire il prima possibile
-la grafica è ancora in 2D, ma stavano già pensando a quella in 3D
-il signor Tokita che ha lavorato a questo gioco, lavora ancora adesso per loro sul software per smartphone

FFV:

-nonostante la grafica 2D sono riusciti a dare profondità al gioco

FFVI:

-con la square hanno avuto la possibilità di inserire una gran varietà di effetti magici e grazie a questo sono riusciti ad ottenere molti fan

FFVII:

-c’è stata una grande evoluzione nel 1997 a partire dal passaggio dalla Nintendo alla Sony, con la PlayStation 1
-dalle cassette si è passati ai cdrom,
-la grafica fatta in 3D al computer, un grosso cambiamento

shinji-hashimoto-00

FFVIII:

-1998/1999 c’è stata una separazione tra la grafica dei personaggi, chi parla, balla… tutto questo ha portato una grande diversificazione
-per evitare di essere un po’ troppo dappertutto hanno cercato di avere una continuità della storia nella grafica

FFIX:

-è una serie in cui abbiamo cercato di tornare alle origini
-è un po’ più vicino ai primi giochi che hanno fatto
-è stato realizzato a Honolulu

FFX:

-è una super epoca si passa dal VII-VIII-IX alla Playstation 2 con il X
-hanno avuto molto successo con questo gioco, per la qualità delle immagini, perché i personaggi sembrano sempre più umani
-hanno avuto molto successo con le voci dei personaggi e le musiche che accompagnavano il gioco

FFXII:

-è durato molto tempo, 12 anni
-ci sono ancora oggi persone che giocano su PlayStation 2
-è uno degli ultimi giochi per PlayStation 2
-ho provato a mettere dei punti di vista che ricordavano quelli di un film, è molto cinematografico
-molte persone hanno parlato della visuale e degli effetti grafici

shinji-hashimoto-01

FFXIII:

-passaggio su Playstation 3
-si può dire che è molto grazioso, ammette di essere impressionato dalla grafica che sono riusciti a realizzare
-abbiamo fatto una serie di giochi FFXIII-2 e Lightning Returns: FFXIII

FFXIV

-è giocato attraverso il mondo
-anche in questo caso lo sviluppo ha richiesto molto tempo
-in Giappone stanno ancora giocando all’XI e al XIV

shinji-hashimoto-03

Nella seconda parte della conferenza Hashimoto ha parlato dei giochi che sono stati realizzati in correlazione a Final Fantasy e che non sono usciti in Europa, come i giochi di simulazione e di corsa. Nel 2006 hanno realizzato in particolare diversi giochi paralleli principalmente per le console portatili, che si adattassero allo stile di vita dei giocatori: ad esempio c’è chi gioca in bagno o in salotto.

shinji-hashimoto-02

Negli ultimi anni hanno creato giochi che supportano i sistemi Ios e Android per Smartphone, alcuni di questi sono inediti in Europa e vorrebbe distribuirli anche qui.

shinji-hashimoto-04

Ha poi mostrato una piccola demo del FF Type-0 e di FFXV, dove è stato inserito un combattimento in tempo reale e non a turni, inoltre si può esplorare una regione gigantesca. Sul XV ci stanno lavorando 100 persone appartenenti a squadre diverse, giapponesi e provenienti da altri paesi.

Secondo Hashimoto la saga di FF deve il suo successo alle sue storie originali, e all’ambientazione fantasy che aggiunge colore al gioco. In ogni capitolo cercano di inserire qualcosa di nuovo, e anche il cambiamento delle piattaforme contribuisce a dare freschezza alla franchise. L’obiettivo è di essere sempre al top, e di rendere FF un gioco unico difficile da imitare.

shinji-hashimoto-magic-v

Ed ecco la nostra breve intervista con Shinji Hashimoto:

Possiamo aspettarci una versione MMRPG di Final Fantasy per smartphone in futuro?

Non ci stiamo pensando in questo momento, perché abbiamo già l’XI e il XIV. Pensando a giochi come League of Legends invece, pensiamo che ci siano delle opportunità.

Quindi potremmo vedere qualcosa sullo stile di League of Legends?

Final Fantasy XIV e League of Legends sono due tipi di gioco molto diversi. Ci stiamo focalizzando su dei giochi più simili al XIV.

Tra l’uscita di Kingdom Hearts 2 e Kingdom Hearts 3 sono passati dieci anni. Come mai è stato impiegato così tanto tempo?

Non abbiamo abbastanza creatori per lavorare sia a Final Fantasy che a Kingdom Hearts.

Può parlarci della direzione della franchise di Kingdom Hearts dopo il terzo capitolo?

Non l’abbiamo ancora decisa, al momento la nostra attenzione è tutta incentrata sulla creazione del terzo. Non abbiamo ancora pensato al dopo.

Alcuni utenti si domandano perché continuiate a usare nelle battaglie il battle system action invece del sistema a turno, tipico degli RPG?

Il primo motivo è che la grafica continua sempre più a migliorare, così quando hai della grafica così bella nel gioco, è un peccato non sfruttarla. Un altro motivo è che all’inizio stavamo realizzando il Versus, ed era basato molto sull’azione, e poi è diventato il XV. Per questo motivo c’è questo sistema di gioco, ma non significa che non torneremo al sistema dei turni, magari nel prossimo gioco ci torneremo. Tutto dipenderà dalla direzione che prenderà la franchise di Final Fantasy.

Bisogna ricordarci che i giochi di Final Fantasy sono dei giochi d’azione, e la routine di Final Fantasy è di usare i sistemi di gioco che diventano popolari.

QUI, potete leggere la nostra intervista a Yoshitaka Amano

Video Chaîne YT GamerGen

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *