L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ron Howard a Firenze in vista delle riprese di Inferno

Di Filippo Magnifico

Ron Howard a Firenze in vista delle riprese di Inferno

Si avvicina l’inizio delle riprese di Inferno, il nuovo film ispirato ispirato alle opere dello scrittore bestseller Dan Brown (autore del Codice Da Vinci e di Angeli e Demoni, da cui sono sempre state tratte due trasposizioni cinematografiche). Un’altra grande produzione che verrà realizzata nella nostra Italia, più precisamente a Firenze. Il regista Ron Howard è già arrivato nella città per fare alcuni sopralluoghi e ha pubblicato alcune foto sulla sua pagina Facebook, le trovate qui sotto:

1537777_808828842540368_4347233147972345055_o

10003407_807239232699329_6013648261522322500_n

11138095_808828772540375_8172139965156012321_n

11154742_807239172699335_7782717337755028731_o

Il film vedrà il ritorno di Tom Hanks nei panni del protagonista, il Professor Robert Langdon. Con lui troveremo Felicity Jones, vista ne La Teoria del Tutto, Irrfan Khan, Omar Sy e Sidse Babett Knudsen.

Anche lo sceneggiatore David Koepp (Angeli e Demoni) è tornato a lavorare sul progetto occupandosi dello script di questo terzo capitolo della serie cinematografica.

Inferno, la cui uscita è prevista per il 2016, ci porterà a Firenze e vedrà Langdon indagare sui misteri che circondano la Divina Commedia di Dante Alighieri. Ancora una volta c’è un’organizzazione segreta da svelare e combattere (il Consortium) proprio come gli Illuminati e i Massoni nei precedenti episodi. Ancora una volta, intrighi e misteri in stile caccia al tesoro.

Ecco la trama e i link per compare la vostra copia su Amazon, o scaricarla su Kindle o iBook.

Il profilo inconfondibile di Dante che ci guarda dalla copertina è il motore mobile di un thriller che di “infernale” ha molto. Il ritmo, prima di tutto, e poi il simbolismo acceso, e infine la complessità dei personaggi che conducono a un esito raro per i romanzi d’azione: instillare nel lettore il fascino del male, addirittura la sua salvifica necessità. Non è affatto sorprendente che lo studioso di simbologia Robert Langdon sia un esperto di Dante, anzi. È naturale che al poeta fiorentino e alla visionarietà con cui tradusse in forme solenni e oscure la temperie della sua epoca tormentata il professore americano abbia dedicato studi e corsi universitari ad Harvard. E quindi è normale che a Firenze Robert Langdon sia di casa, che il David e piazza della Signoria, il giardino di Boboli e Palazzo Vecchio siano per lui uno sfondo familiare, una costellazione culturale e affettiva ben diversa dal palcoscenico turistico percorso in tutti i sensi di marcia da legioni di visitatori. Ma ora è tutto diverso, non c’è niente di normale, nulla che possa rievocare una dolce abitudine. Questa volta è un incubo e la sua conoscenza della città fin nei labirinti delle stradine, dei corridoi dei palazzi, dei passaggi segreti può aiutarlo a salvarsi la vita. Il Robert Langdon che si sveglia in una stanza d’ospedale, stordito, sedato, ferito alla testa, gli abiti insanguinati su una sedia, ricorda infatti a stento il proprio nome, non capisce come sia arrivato a Firenze, chi abbia tentato di ucciderlo e perché i suoi inseguitori non sembrino affatto intenzionati a mollare il colpo. Barcollante, la mente invasa da apparizioni mostruose che ricordano la Morte Nera che flagellò l’Europa medievale e simboli criptici connessi alla prima cantica del Divino poema, le labbra capaci di articolare, nel delirio dell’anestetico, soltanto un incongruo ” very sorry “, il professore deve scappare. E, aiutato solo dalla giovane dottoressa Sienna Brooks, soccorrevole ma misteriosa come troppe persone e cose intorno a lui, deve scappare da tutti. Comincia una caccia all’uomo in cui schieramenti avversi si potrebbero ritrovare dalla stessa parte, in cui niente è quel che sembra: un’organizzazione chiamata Consortium è ambigua tanto quanto un movimento detto Transumanesimo e uno scienziato come Bertrand Zobrist può elaborare teorie che oscillano tra utopia e aberrazione. Alla fine di un’avventura che raggiunge momenti di insostenibile tensione, Dan Brown ci rivela come nel nostro mondo la distanza tra il bene e il male sia breve in maniera davvero inquietante, catastrofe e salvezza possano essere questione di punti di vista e anche da una laguna a cielo coperto si possa uscire a riveder le stelle.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Mysterious Benedict Society: il trailer della serie Disney+ tratta dal romanzo di Trenton Lee Stewart 19 Gennaio 2021 - 12:45

Tra le nuove serie originali in arrivo su Disney+ nel corso del 2021, troviamo The Mysterious Benedict Society, tratta dall’omonimo romanzo di Trenton Lee Stewart. Ecco il trailer.

The Mandalorian: Mark Hamill ringrazia Peyton Reed per aver reso Luke “un simbolo di speranza” 19 Gennaio 2021 - 12:00

Si avvicina l’inizio delle riprese di Inferno, il nuovo film ispirato ispirato alle opere dello scrittore bestseller Dan Brown (autore del Codice Da Vinci e di Angeli e Demoni, da cui sono sempre state tratte due trasposizioni cinematografiche). Un’altra grande produzione che verrà realizzata nella nostra Italia, più precisamente a Firenze. Il regista Ron Howard […]

Space Sweepers – Il trailer ufficiale del sci-fi coreano, dal 5 febbraio su Netflix 19 Gennaio 2021 - 11:30

Un equipaggio di spazzini spaziali trova un robot con le sembianze di una bambina nel trailer ufficiale di Space Sweepers, in uscita il 5 febbraio su Netflix.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.