Condividi su

28 aprile 2015 • 09:07 • Scritto da Lorenzo Pedrazzi

Adam Wingard dirigerà il remake americano di Death Note

Il manga di Tsugumi Ohba e Takeshi Obata diventerà un film della Warner Bros: dopo Shane Black e Gus Van Sant, il progetto è ora nelle mani di Adam Wingard, regista horror di matrice indipendente.
Post Image
0

deathnote-copertina

La Warner Bros non si arrende, e ha trovato un nuovo regista per il remake americano di Death Note. Passato dalle mani di Shane Black e Gus Van Sant, il progetto è stato affidato ad Adam Wingard, cineasta horror indipendente, noto per aver diretto A Horrible Way to Die, You’re Next e The Guest, ma già pronto a lavorare con budget più elevati per il prossimo The Woods. Wingard è uno specialista nella commistione dei toni (i suoi film non mancano di macabra ironia), ed è anche molto abile a sfruttare le minime risorse a sua disposizione.

wingard

Il film sarà basato sull’omonimo manga scritto da Tsugumi Ohba e disegnato da Takeshi Obata, da cui sono stati tratti una serie animata e tre film in live action. Ecco la trama:

Il protagonista del manga è un rispettabile studente delle superiori, Light Yagami, che un giorno trova un taccuino chiamato ‘Death Note’, usato come strumento di morte dagli dei della morte (Shinigami). Se viene scritto il nome di una persona nel taccuino, questa morirà nel giro di 40 secondi per un attacco di cuore. Servendosi delle istruzioni presenti sul taccuino, Light decide di usare questo potere per uccidere discretamente i criminali e cambiare così il mondo. Ma i governi di tutto il pianeta cominciano a notare lo strano ammontare di cadaveri e capiscono che c’è qualcuno dietro a queste morti. Decidono così di assumere L, un grande detective, per scoprire il colpevole.

I produttori saranno Roy Lee, Dan Lin, Jason Hoffs e Masi Oka. L’ultima versione della sceneggiatura è stata scritta da Shane Black, Anthony Bagarozzi e Charles Mondry, ma non sappiamo se verrà mantenuta o se la Warner (magari con il contributo dello stesso Wingard) deciderà di riscriverla.

Vi terremo aggiornati.

Fonte: Collider

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *