L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

White Night: La Recensione per PS4, PC e Xbox One

Di Fabrizio Tropeano

2556444-white-night-screenshot4-20140512

Opera prima del team francese indipendente OSome Studio e prodotto dal colosso Activision, White Night è un particolarissimo adventure survival completamente (tranne rare eccezioni) realizzato in bianco e nero. Sicuramente sin da subito la fantastica estetica e la narrazione (in forma di voce narrante) noir fanno capire di essere di fronte ad un prodotto esteticamente e culturalmente elevato come ben pochi altri videogiochi riescono ad arrivare.

L’inizio è subito carico di tensione. Il nostro alter ego è ubriaco mentre si trova al volante ed investe una donna che sbuca all’improvviso sulla strada. Incredibilmente però quando esce dal veicolo per soccorrerla, il corpo della donna non c’è più. Il misterioso personaggio si avvicina quindi ad una villa dove scoprirà una realtà molto diversa da quella immaginata…

White Night comincia a Boston nel primo dopoguerra mondiale  ed il design è completamente intriso delle atmosfere di quegli anni, ai temi classici dell’età del jazz e alle narrazioni da film noir. Le stesse cromie esclusivamente (ad eccezione del giallo) in bianco e nero del gioco sono parte integrante della sua meccanica di paura.

Solamente la luce può svelare ciò che circonda i giocatori, e qualsiasi cosa, dal tremolio di un fiammifero al bagliore della luna, possono svelare nuovi percorsi, segreti e dettagli della storia. Inoltre, la luce offre un rifugio sicuro contro il terrore che si nasconde nell’ombra, rendendola una risorsa cruciale da gestire finché sorge il sole.

Il videogame, disponibile esclusivamente in digitaly delivery su PC, Playstation 4 ed Xbox One ad un prezzo non troppo elevato, riprende la componente esplorativa dei classici del genere dei survival horror come i primi capitoli di Resident Evil e Clock Tower, tralasciando però tutta la componente action, tramutandolo in una sorta di survival adventure quindi. Grande atmosfera, grande paura, una splendida colonna sonora ed una lavoro di interpretazione dei dialoghi (rimasti in inglese ma con tutti i sottotitoli in italiano) straordinaria lo rendono un prodotto veramente curato in ogni aspetto dal primo all’ultimo istante di gioco.

Tutto bene dunque? Quasi, visto che al di là dell’inutilità di un’analisi tecnica per titoli del genere dove le scelte estetiche e di design la fanno da padrone, i limiti nascono dall’interazione in senso più stretto con il nostro alter ego. Va bene ricordare i bei vecchi tempi ma l’eccesso di inerzia dei comandi a volte può rendere l’esperienza di gioco frustrante e niente affatto aiutata dai salvataggi non liberi e lontani fra loro (altro elemento ripreso dai capostipiti del genere).

Screen_01

Detto questo però, White Night è da lodare senza esitazione per il suo essere opera matura, colta, intrigante ed avvincente. Se amate le atmosfere noir e le dinamiche dei primi survival horror, non vi dovreste assolutamente far sfuggire l’opera prima del promettente team d’oltralpe Osome Studio.

VOTO: 8

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

El Camino e la lettera di Jesse, chi è [SPOILER]? 13 Ottobre 2019 - 18:29

La lettera che vuole spedire Jesse Pinkman alla fine di El Camino è indirizzata a Brock Cantillo, il piccolo figlio di Andrea Cantillo.

Dolittle – Ecco il trailer del film con Robert Downey Jr. 13 Ottobre 2019 - 18:03

Ecco il trailer di Dolittle, la pellicola diretta da Stephen Gaghan che vedrà Robert Downey Jr. nel ruolo di un medico che comprende il linguaggio degli animali.

Cenerentola – Idina Menzel in trattative per il film con Camila Cabello 13 Ottobre 2019 - 18:00

Idina Menzel potrebbe interpretare la matrigna cattiva in Cenerentola, nuova versione cinematografica della celebre fiaba.

Mortal Kombat, il film (FantaDoc) 10 Ottobre 2019 - 13:45

Quella volta in cui Mortal Kombat ha stracciato Street Fighter grazie alla generosità di Christopher Lambert...

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Le avventure del giovane Indiana Jones 9 Ottobre 2019 - 15:38

Le avventure del giovane Indiana Jones: quando, negli anni 90, in TV c'erano quattro Indiana Jones diversi, di tutte le età...

7 cose che forse non sapevate su Capitan Futuro 8 Ottobre 2019 - 15:40

Dalle origini all'inquietantissimo film fan-made, passando per Go Nagai, sette curiosità su Capitan Futuro.