L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Humandroid (Chappie) in testa in un debolissimo weekend negli USA

Di Leotruman

Humandroid

Nell’attesa di Cenerentola il prossimo weekend e di tornare ai ricchi incassi ai quali ci eravamo abituati così bene nei mesi di gennaio e febbraio, questo fine settimana il mercato USA si è dovuto accontentare di cifre debolissime.

A guidare la classifica troviamo l’esordiente Humandroid (titolo originale Chappie), l’ultima fatica di Neill Blomkamp, regista di District 9Elysium e del prossimo capitolo della saga Alien (QUI trovate maggiori informazioni). Nel ricco cast Hugh JackmanDev PatelSigourney Weaver, mentre la voce del robot nella versione originale è di Sharlto Copley.

13.3 milioni di dollari nei tre giorni, con una media di circa 4mila dollari per cinema, di poco inferiore alla stima iniziale di Sony (14 milioni di dollari). Un passo indietro rispetto alle precedenti pellicole di Blomkamp, acclamate dalle critica (District 9 ebbe 90% su Rottentomatoes, Elysium quasi 70% mentre per Chappie siamo al 30%), che incassarono 128 milioni nel 2009 e 98 milioni nel 2013 solo negli USA.

Humandroid non è però un kolossal, e lo studio ha investito solo 49 milioni di dollari (come sempre “moltiplicati” dal regista in termini di potenza visiva), e il film non faticherà a recuperare il budget e le spese promozionali grazie agli incassi internazionali. Ricordo inoltre che il film è l’ennesima pellicola R-Rated (vietata ai minori di 17 anni non accompagnati) ad uscire negli USA e a dominare la classifica, e questo potrebbe aver influito su un mercato stranamente saturato in questo senso nelle ultime settimane. In Italia il film arriverà il 9 aprile.

Scende al secondo posto Focus – Niente è come sembra, la nuova rom-com targata Warner Bros. e diretta dai due registi diCrazy, Stupid, Love (ma anche di I Love You, Phillip Morris) e con Will Smith e Margot RobbieIl film è in testa alla classifica italiana e supererà i 2 milioni di euro nel weekend, mentre negli USA ha incassato altri 10 milioni di dollari, per un totale nei dieci giorni di 34.5 milioni. Costata 50 milioni, ne ha raccolti per ora 46 nel mondo ma deve uscire in moltissimi mercati.

Esordio al terzo posto ma miglior media della top-10 per il sequel di Marigold Hotel, la deliziosa commedia campione di incassi nel 2012 con i premi Oscar Judi Dench, Maggie Smith e molte altre star evergreen. 136 milioni il primo capitolo in tutto il mondo (10 milioni il budget), e il sequel ha già raccolto 8.6 milioni di dollari nei tre giorni con una media di 5400 dollari per cinema: aspettiamoci una lunga tenuta in sala.

Proseguendo troviamo  Kingsman: The Secret Service il mitico SpongeBob, rispettivamente con 8.3 milioni e 7 milioni, per due ricchi totali di 98 milioni e ben 148 milioni di dollari, due grandi successi rispettivamente per Fox e Paramount. Dietro Cinquanta sfumature di grigio, l’adattamento del romanzo di E L James che ha venduto oltre 100 milioni di copie e con protagonisti Jamie Dornan e Dakota Johnson nei panni di Christian Grey e Anastasia Steele. Altri 5.6 milioni al suo quarto weekend nei cinema, per un totale a dir poco soddisfacente di 156 milioni. Il vero botto l’ha fatto però nei mercati internazionali, dove il contatore ora sfiora i 530 milioni di dollari, il più grosso successo R-Rated nella storia di Universal.

In Italia il film ha superato American Sniper nelle ultime ore ed è diventato il maggior incasso degli ultimi 12 mesi (19 milioni di euro!), mentre per caso il film di Clint Eastwood proprio oggi in patria ha superato Hunger Games – Il canto della Rivolta: Parte 1 ed è diventato il maggior incasso del 2014: 337 milioni di dollari contro i 336 milioni di Jennifer Lawrence. Dobbiamo andare al 1998 e a Salvate il Soldato Ryan per vedere un film non adatto a un pubblico di famiglie o facente parte di un franchise, dominare la classifica di fine anno.

A domani mattina per la classifica italiana completa!

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

In attesa di Downton Abbey, 20 cose che (forse) non sapete sulla serie tv 18 Ottobre 2019 - 14:00

Il 24 ottobre il film di Downton Abbey arriverà nelle nostre sale. Nell'attesa Violetta Rocks ci svela 20 curiosità sulla serie più famosa di tutti i tempi...

Queste oscure materie – Lyra incontra Mrs. Coulter nella prima clip 18 Ottobre 2019 - 13:00

Lyra Belacqua incontra Mrs. Coulter nella prima clip tratta da Queste oscure materie, la serie di BBC e HBO basata sulla saga di Philip Pullman.

Il cast di The Batman prende forma! (LiveWeek 2 Ep.7) 18 Ottobre 2019 - 12:08

A partire dalle 17:00 saremo live sul nostro canale YouTube per commentare le principali news della settimana.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.