L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Walking Dead, la recensione della mid-season premiere: What Happened and What’s Going On

Di Lorenzo Pedrazzi

twd-5x9-copertina2

What Happened and What’s Going On, nono episodio nonché mid-season premiere della quinta stagione di The Walking Dead, racconta la prossima tappa del gruppo dopo la morte di Beth, adottando un’arguta e spiazzante struttura circolare…

Attenzione: l’articolo contiene SPOILER.

Traumatizzato per la morte di Beth, il gruppo si dirige a Richmond, in Virginia, la città natale di Noah. Alla testa della spedizione ci sono quest’ultimo, Rick, Tyreese, Glenn e Michonne, che si recano in avanscoperta e trovano la cittadina distrutta: le mura sono state sfondate, e le strade pullulano di morti viventi. Michonne ne approfitta per fare provviste, e intanto suggerisce di tentare la fortuna a Washington: il luogo dov’è più probabile trovare qualche possibilità di salvezza. Rick è d’accordo.
Intanto, Noah corre a casa sua, inseguito da Tyreese, e trova sua madre morta in soggiorno. Tyreese entra nella stanza di uno dei fratelli, il cui cadavere è disteso sul letto. Mentre si distrae guardando le loro foto sul muro, l’altro fratello – ormai trasformatosi in errante – lo sorprende alle spalle e lo morde a un braccio. Noah interviene, uccide il morto vivente e poi corre a cercare aiuto. Tyreese, in stato di shock, è preda di allucinazioni: sente un bollettino radiofonico che recita notizie del passato, ed è circondato dagli “spettri” di Beth, Mica, Lizzie, Bob, Martin e il Governatore, che lo rassicurano sulla sua sorte o lo accusano di aver agito in modo sbagliato. Rick, Glenn e Michonne corrono da lui, e Michonne gli amputa il braccio infetto con la spada. Il gruppo corre alla macchina, ma prima deve respingere l’attacco di alcuni erranti ammassati alle porte della cittadina. Quando finalmente sono in viaggio per raggiungere gli altri, però, Tyreese si lascia andare: chiede allo “spettro” di Bob di spegnere la radio, e muore. Michonne lo trafigge alla testa per impedirgli di tornare, e il suo corpo viene seppellito in un campo. Gabriel recita una preghiera, circondato dagli altri. Sasha, incredula, getta l’ultima manciata di terra sulla tomba.

2

Comincia come un paesaggio mentale, simile a un collage di residui menominici e frammenti allucinatori, poi si stabilizza per raccontarci la realtà concreta dei fatti, e infine torna a rifugiarsi nel delirio psichico: What Happened and What’s Going On è un episodio costruito con intelligenza, soprattutto in virtù della sua struttura circolare. Il prologo risulta ingannevole, ed è arduo sfuggire alla sua trappola: viene scavata una tomba, Gabriel recita una preghiera, i personaggi sono riuniti attorno a lui, e noi tutti diamo per scontato che la cerimonia sia dedicata a Beth, uccisa nel precedente winter finale… ma non è così. A lasciare il gruppo, inaspettatamente, è Tyreese, morso da uno dei fratelli di Noah mentre contemplava le loro fotografie nella camera da letto, smarrito nei suoi pensieri. Il delirio successivo – in cui compaiono Beth, Mica, Lizzie, Bob, Martin e persino il Governatore – è la rielaborazione di un trauma che Tyreese si porta dentro sin dalla morte di Karen, rintuzzato dal senso di colpa per non aver ucciso Martin quando ne aveva l’opportunità. Gli “spettri” che gli appaiono in punto di morte sono quindi suddivisibili in due categorie: da un lato, Martin e il Governatore gli sbattono in faccia le conseguenze delle sue azioni; e dall’altro, Bob, Beth, Lizzie e Mica lo rassicurano sulla correttezza del suo operato, e sono pronti ad accoglierlo nella quiete del trapasso. Quando chiede a Bob di spegnere la radio (che suo padre gli aveva insegnato ad ascoltare per tenersi informato sui fatti del mondo), Tyreese accetta pacificamente la sua sorte, nonostante Michonne avesse tentato di salvarlo amputandogli il braccio.

3

Un clima tragico e ambiguo grava sull’intera puntata, conferendole un’atmosfera davvero insolita, quasi ipnotica, dove non sempre è possibile distinguere il sogno dalla realtà (il montaggio correla i due piani in modo imprevedibile, facendoci passare repentinamente dall’uno all’altro). L’azione esplode solo per brevi segmenti, ma il racconto scivola con fluidità, anche quando i dialoghi rischiano di farsi ridondanti. La suspense tiene bene, soprattutto nei risvolti più enigmatici e inquietanti; si pensi al camion pieno di torsi di morti viventi (con braccia e gambe stranamente mozzate) che si riversa sull’auto dei fuggitivi, al termine dell’episodio, oppure alle notizie radiofoniche che risuonano nella mente di Tyreese. Di fatto, è come ricevere un colpo da k.o.: dopo aver spazzato via uno dei personaggi principali, lasciando il gruppo in uno stato di grande smarrimento, The Walking Dead prosegue sulla medesima strada, e anche in questa premiere assesta un duro colpo a Rick e compagni. Non c’è pace per i viandanti, né per i legami familiari: come Maggie ha perso sua sorella Beth, ora Sasha – già scioccata per la morte di Bob – perde suo fratello Tyreese.

1

Ne prossimo episodio li ritroveremo ancora più smarriti, ma con in mente un obiettivo preciso, lo stesso che avevano in principio: Washington. Se esiste una possibilità di salvezza, dev’essere laggiù. Ma il cammino è ancora lungo…

La citazione: «Non volete un giorno in più con una possibilità?»

Ho apprezzato: la struttura circolare; l’atmosfera tragica e greve; i momenti di tensione; l’addio dignitoso di Tyreese.

Non ho apprezzato: nulla di rilevante.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di The Walking Dead sul nostro Episode39 a questo LINK.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Secret Invasion – Svelati i registi della serie Marvel per Disney+ 15 Maggio 2021 - 14:00

Thomas Bezucha e Ali Selim dirigeranno vari episodi di Secret Invasion, serie dei Marvel Studios ispirata al fumetto di Brian Michael Bendis e Leinil Yu.

Paradise City: Bruce Willis e John Travolta di nuovo insieme dopo Pulp Fiction 15 Maggio 2021 - 13:00

Dirige Chuck Russell, regista di The Mask e Il Re Scorpione, scrivono gli sceneggiatori di Cosmic Sin. Sarà "come Miami Vice ma con i cacciatori di taglie"

The Great: Gillian Anderson interpreterà la madre di Elle Fanning 15 Maggio 2021 - 12:00

Gillian Anderson interpreterà Giovanna di Holstein-Gottorp, la madre di Caterina II di Russia (Elle Fanning) nella seconda stagione di The Great

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.