L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Negare la propria femminilità e diventare uomo per finta. Vergine Giurata, la recensione dalla Berlinale

Di Andrea D'Addio

vergine giurata

In alcune zone di montagna dell’Albania è ancora praticata l’usanza delle “vergini giurate”, ovvero la “trasformazione” formale di una donna in un uomo, un modo per fuggire – per la ragazza in questione –  da un sistema fortemente patriarcale e maschilista e vivere in maniera più libera, senza matrimoni combinati o doveri da casalinga. Chi decide di optarvi promette davanti a dodici uomini di evitare di lì in poi qualsiasi rapporto sessuale oltre a dovere cambiare nome e assumere un aspetto il più maschile possibile.  È ciò che decide di fare Hana per onorare il padre adottivo dopo che la sorella decide di scappare in Italia per  vivere una relazione non accettata dal resto della  famiglia. La sua scelta però sarà difficile da rispettare nel lungo periodo, soprattutto dopo che si ricongiungerà con la sorella.

vergine Giurata 1

La sessualità in tutte le sue forme e varianti è uno dei temi più inflazionati negli ultimi anni dal grande schermo. Omosessualità maschile e femminile, bisessualità, transessualità: come cambia la società così cambia il cinema. Sembrava essere stato affrontato tutto, o quasi, con Vergine giurata ci si rende conto che non è così. La storia di Hana, la sua negazione della sessualità in favore di una struttura sociale di cui paradossalmente ci si può liberare solo tradendo sé stessi, è tanto incredibile quanto vera.

Laura Bispuri, vincitrice nel 2010 del David di Donatello per il migliore cortometraggio, riadatta (con molti cambiamenti) l’omonimo libro del 2007 della scrittrice albanese Done Elvira, riesce a raccontare un dramma di silenzi il cui sviluppo narrativo è affidato agli sguardi della sua protagonista ,Alba Rohrwacher. Non ci sono momenti su cui si indugi particolarmente, tutto ciò che in un altro film potrebbe diventare scena madre, che sia un’intimidazione di gruppo o l’atto del sesso, viene raccontato senza nessuna enfasi, velocemente e senza inquadrature dirette, quasi fuori campo. Dobbiamo osservare il volto di Hana per capire cosa sia cambiato dentro di lei, come se la regia si volesse nascondere e lasciare che sia la sua interprete e ed il freddo paragone con gli altri personaggi femminili che ha intorno, la sorella “ribelle” e la nipote vero esempio di femminilità in divenire, ad essere in grado di dire già tutto, senza bisogno di aggiungere altro. Il rischio è di annoiarsi un po’, ma è una scelta stilistica coerente e che ben veicola il senso del racconto. Tanto Hana guarda passato e presente con fare a prima vista passivo, tanto Laura Bispuri cerca di non apparire, anche se proprio così facendo sceglie una scelta registica forte e quindi “visibile”.

Il risultato è  una pellicola che lascia dentro riflessioni sia antropologiche che sociali e già questo dovrebbe bastare. Guardandolo, nella costruzione delle immagini (non della struttura, qui ci sono continui flashback) viene in mente un altro debutto di una regista italiana, quella Alice Rohrwacher, peraltro sorella di Alba, che nel 2011 firmò il bel Corpo Celeste e tre anni dopo Le Meraviglie, gran premio della giuria a Cannes 2014. Alla Bispuri non si può che augurare altrettanti successi.

 

ScreenWEEK è a Berlino per partecipare alla 65esima edizione del Festival. Seguiteci anche su Facebook e Twitter per tutte le novità e le recensioni dalla capitale tedesca.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Knives Out 2: anche Janelle Monáe entra nel cast del film Netflix 12 Maggio 2021 - 20:45

Dopo Dave Bautista ed Edward Norton, anche la star di Antebellum affiancherà Daniel Craig nel sequel di Cena con delitto

Multiverso Marvel: Tutti gli universi cinematografici attualmente esistenti 12 Maggio 2021 - 20:00

Esiste già un multiverso Marvel cinematografico: ecco tutti i diversi universi narrativi che negli anni abbiamo visto al cinema e in tv, in attesa di una possibile unione futura!

Star Wars Celebration: anticipata l’edizione 2022 12 Maggio 2021 - 19:44

Arrivano aggiornamenti sulla prossima edizione della Star Wars Celebration, che come sappiamo è stata posticipata al 2022 a causa della pandemia di Covid-19.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.