L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

David Duchovny su Twin Peaks e il ritorno di Denise Bryson

Di Filippo Magnifico

denise

Prima di raggiungere la fama mondiale come Fox Mulder in X-Files, David Duchovny ha preso parte ad un’altra serie che, senza ombra di dubbio, ha fatto la storia della televisione: Twin Peaks.

Per chi non ne fosse al corrente, l’attore ha interpretato un personaggio conosciuto come Dennis “Denise” Bryson nella serie televisiva cult creata da David Lynch e Mark Frost negli anni ’90. Un collega di Cooper molto particolare, dato che è solito indossare abiti femminile e comportarsi come una donna (non è chiaro se si tratti di un transessuale o di un amante del crossdressing).

Il ritorno di Twin Peaks è ormai ufficiale e nel web si comincia a far luce sui personaggi che torneranno in questa nuova stagione. Sappiamo che ci sarà l’agente speciale dell’FBI Dale Cooper, interpretato da Kyle MacLachlan, e con lui Sheryl Lee (Laura Palmer / Maddy Ferguson), Dana Ashbook (Bobby Briggs) e Sherilyn Fenn (Audrey Horne), ma per quanto riguarda David Duchovny non esistono certezze.

Il suo non è un personaggio chiave, è vero, ciononostante l’attore durante una recente intervista ha detto:

“Twin Peaks tornerà di sicuro. Spero che anche il mio personaggio riesca a tornare, penso proprio che tornerà.”

Ovviamente non ci sono certezze al riguardo, non possiamo fare altro che attendere ulteriori aggiornamenti.

In occasione dei 25 anni della serie televisiva che ha segnato un’epoca e un’intera generazione di spettatori, il duo Lynch/Frost ha deciso di realizzare una miniserie di 9 puntate che sarà trasmessa sul network televisivo statunitense Showtime. I lavori cominceranno nel 2015, mentre il debutto è previsto nel 2016, data che segna i 25 anni esatti dalla trasmissione dell’ultimo episodio della serie e mantiene intatta la promessa fatta dalla sfortunata Laura Palmer: “Ci rivedremo tra 25 anni”.

Si conoscono pochi dettagli al momento, le uniche cose certe sono che la miniserie sarà ambientata ai giorni nostri, più di 20 anni dopo gli eventi raccontati nelle prime due stagioni, e continuerà la storia raccontata nelle precedenti puntate. Lynch e Frost daranno una risposta a tutti gli interrogativi lasciati in sospeso, offrendo alla serie un giusto finale (molti non lo sanno, ma l’ultima puntata della seconda serie non ha mai rappresentato per i due una conclusione effettiva, una terza stagione era prevista ma non è mai stata realizzata a causa di un brusco calo degli spettatori, che ha comportato la cancellazione dello show).

Per maggiori informazioni potete dare un’occhiata a questo articolo:

Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo Twin Peaks?

Fonte: STYD

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Grey’s Anatomy ufficialmente rinnovata per la stagione 18 10 Maggio 2021 - 20:08

La serie di Shonda Rhimes tornerà, insieme alla sua storica protagonista Ellen Pompeo

Crudelia: un assaggio della canzone “Call me Cruella” di Florence + The Machine 10 Maggio 2021 - 19:54

Tra i brani presenti nella colonna sonora di Crudelia, il nuovo film Disney con Emma Stone, troviamo “Call me Cruella” di Florence + The Machine.

Cuccioli Mostruosi: in attesa di Hotel Transylvania ecco un simpaticissimo corto 10 Maggio 2021 - 19:37

Si intitola Cuccioli Mostruosi ed è un simpaticissimo cortometraggio ambientato nell’universo di Hotel Transylvania.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).