L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Agent Carter, la recensione del sesto episodio: A Sin to Err

Agent Carter, la recensione del sesto episodio: A Sin to Err

Di Lorenzo Pedrazzi

agentcarter-1x6-copertina

A Sin to Err, sesto episodio di Agent Carter, imprime finalmente una brusca accelerata alla trama della serie, mentre i piani del Leviatano si fanno più scoperti…

Attenzione: il seguente articolo contiene SPOILER.

Peggy Carter (Hayley Atwell) convince Roger Dooley (Shea Whigham) che si deve cercare una spia donna, addestrata dai sovietici nel programma “Vedova Nera“. Potrebbe essere stata lei a superare le difese di Howard Stark (Dominic Cooper), manipolandolo per ottenere l’accesso al suo bunker, così Peggy e Jarvis (James D’Arcy) comiciano a indagare sui recenti flirt del miliardario. Intanto, i sospetti di Daniel Sousa (Enver Gjokaj) trovano conferma: la donna misteriosa su cui sta investigando, coinvolta nel ritrovamento delle invenzioni di Stark, è proprio Peggy. Lo Strateic Scientific Reserve si mobilita per arrestarla.
Parallelamente, scopriamo che lo psicologo russo lavora ancora per il Leviatano, e ipnotizza un ignaro agente per farsi comunicare la posizione dei marchingegni di Stark, il tutto in accordo con Dottie (Bridget Regan).
Peggy, mentre parla con Jarvis in una tavola calda, viene circondata dai suoi colleghi, ma riesce a sbarazzarsene e a tornare nel suo alloggio. Angie Martinelli (Lyndsy Fonseca) sfrutta le sue doti recitative per distrarre Jack Thompson (Chad Michael Murray) e Daniel, dandole così il tempo di scappare, ma in seguito Peggy incontra Dottie nel corridoio, che la bacia con il suo rossetto soporifero. Alla mercé della spia russa, l’agente sta per essere uccisa, ma l’arrivo dei suoi colleghi costringe Dottie a ritirarsi. Peggy viene quindi riportata negli uffici dell’S.S.R. per essere interrogata…

2

Giunta al terzultimo episodio, Agent Carter imprime una netta svolta narrativa alla sua trama principale, costruendo un episodio accattivante che sfocia in un epilogo sospeso, lanciatissimo verso la prossima puntata. Le rivelazioni corrono su un binario duplice: da un lato, Peggy e Jarvis indagano sull’identità dell’enigmatica spia russa (la prima Vedova Nera), e Peggy scopre infine che si tratta proprio di Dottie, la sua vicina di stanza; dall’altro, Daniel riesce a identificare Peggy come la donna coinvolta nel ritrovamento delle invenzioni di Howard Stark, mettendo in luce tutto il sistema di sotterfugi che la protagonista ha dovuto architettare negli ultimi episodi. Le due indagini conflagrano in un finale piuttosto teso, dove Peggy per poco non viene uccisa da Dottie.

1

L’intero episodio, d’altra parte, è attraversato da una tensione costante che dialoga con una narrazione ben ritmata, giocando sulla consueta alternanza tra segmenti drammatici (le ipnosi dello psicologo, le azioni di Dottie, la cattura di Peggy) e distensioni umoristiche (solitamente affidate a Jarvis). Inoltre, scopriamo qualche ulteriore informazione sul Leviatano, che per certi aspetti – nome mitologico compreso – somiglia alla versione sovietica dell’Hydra: questa misteriosa organizzazione mira a garantire la superiorità bellico-scientifica dell’U.R.S.S. rispetto alle potenze alleate o avversarie, e vuole mettere le mani sulle invenzioni di Stark per raggiungere tale scopo. Resta da chiedersi se, dietro a tutto questo, ci sia davvero un supercattivo dei fumetti Marvel, come gli autori avevano anticipato tempo fa. Lo scopriremo nelle ultime due puntate.

3

A Sin to Err è quindi un episodio ben riuscito, il migliore di questa stagione sul piano della suspense. Hayley Atwell conferma la sua bravura, decisamente sopra la media di queste produzioni televisive, ma anche la doppiezza di Bridget Regan (dolce e ingenua sotto copertura, gelida e spietata quando rivela la sua natura di spia) è molto apprezzabile.

La citazione: «Non andateci piano solo perché si tratta di una donna.»

Ho apprezzato: l’interpretazione di Hayley Atwell; la prova di Bridget Regan; la tensione e il ritmo dell’episodio; la progressione della trama orizzontale.

Non ho apprezzato: nulla di rilevante.

Potete scoprire, commentare e votare tutti gli episodi di Agent Carter sul nostro Episode39 a questo LINK.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Campionati Mondiali Pokémon 2022: da oggi a Londra 18 Agosto 2022 - 16:00

Sono in corso i Campionati Mondiali Pokémon 2022, a Londra: Pokémon Masters EX e Pokémon UNITE sono sotto i riflettori, con altre novità relative al GCC e a Pokémon Scarlatto e Pokémon Violetto in arrivo.

She-Hulk: un fumetto in regalo con il QR Code nascosto nel primo episodio 18 Agosto 2022 - 15:59

Nel primo episodio She-Hulk è nascosto un QR Code grazie al quale è possibile ottenere un link che rimanda al primo numero di The Savage She-Hulk

Tom Holland lascia i social: “Perdo la testa quando leggo di me online” 18 Agosto 2022 - 15:00

La star della saga di Spider-Man ha deciso di "fare un passo indietro" dai social, per concentrarsi sulla sua salute mentale

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?