L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Pedro Almodovar spiega perché ha rifiutato di dirigere I segreti di Brokeback Mountain

Pedro Almodovar spiega perché ha rifiutato di dirigere I segreti di Brokeback Mountain

Di Marlen Vazzoler

pedro-almodovar-regista

Vedremo mai un film in lingua inglese diretto da Pedro Almodovar? Il regista afferma che potrebbe dirigerlo ma non necessariamente a Hollywood.

“Potrei fare un film in inglese ma non necessariamente a Hollywood. Mi avevano offerto Brokeback Mountain ma avevo molti dubbi. Pensandoci, non so se ho fatto un errore o meno [nel rifiutarlo]”.

Ma come mai il filmaker ha rifiutato il progetto sebbene gli fosse stata promessa la totale libertà artistica e il final cut?

“Mi avevano promesso totale libertà artistica e il final cut ma era una storia così fisica – non è che i personaggi dormono assieme solo una volta – e quello deve esserci”.

Possiamo capire i suoi dubbi, chissà se lo studio sarebbe andato avanti con la sua versione.

“Penso che Ang Lee si sia spinto fin dove ha potuto e mi piace molto la sua versione. Ma l’ho sempre immaginato differentemente e non penso che sarei riuscito a farlo nel modo in cui avrei voluto. Non me l’avrebbero permesso”.

Come dargli torto, molto probabilmente la sua versione avrebbe richiesto un rating maggiore del R ricevuto dal film di Lee.

Parlando dell’attuale stato della televisione e del cinema americano, il filmaker spagnolo ha poi dichiarato:

“Penso che in questo momento in America stiano producendo della tv che è molto più vicina alla realtà rispetto al cinema. Breaking Bad è come Scorsese agli inizi, la più brutale, la più acida televisione. E, nell’arco di cinque serie, ogni episodio è un capolavoro di sceneggiatura, regia ed esagerazione – non che esagerano la realtà ma hanno a che fare con una realtà che è già molto estrema. Breaking Bad, credo, è l’apice della finzione americana televisiva.
Fare film è un impresa ma [gli studios di Hollywood] non dovrebbero dimenticare che ci sono altri modi per fare film… Quel che vedo è un assenza di queste opzioni per fare film che sono più personali ma che anche possono intrattenere la gente”.

Ricordiamo che Almodovar sta comincia a preparare il suo prossimo film Silencio.

Fonte Financial Times

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Giornate degli Autori 2022: a lezione di cinema con Céline Sciamma, Alessandro Camon e Edgar Reitz 19 Agosto 2022 - 19:15

Le Giornate degli Autori si confermano luogo di confronto tra pubblico e professionisti, con tre incontri speciali a settembre.

House of Spoils: Ariana DeBose protagonista dell’horror Blumhouse/Prime Video 19 Agosto 2022 - 18:45

La star di West Side Story interpreterà una chef alle prese con il fantasma dell'ex proprietario del suo agriturismo

Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit: Embracer ottiene i diritti cinematografici e videoludici 19 Agosto 2022 - 18:12

Embracer è interessata in film basati su personaggi iconici, come Gandalf, Aragorn, Gollum, Galadriel, Eowyn e altri personaggi delle opere letterarie di J.R.R. Tolkien

The Sandman: di cosa parla e perché è interessante l’episodio bonus (no spoiler) 19 Agosto 2022 - 15:45

Sogni di gatti e scrittori in cerca d'ispirazione nell'undicesimo episodio di The Sandman, arrivato oggi a sorpresa su Netflix.

House of the Dragon, la recensione: benvenuti al Dallas di Westeros 19 Agosto 2022 - 9:01

Le nostre impressioni (senza spoiler) sui primi sei episodi di House of the Dragon, il prequel di Game of Thrones.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.